Lombardo si dimetterà il 28 luglio, nuove elezioni regionali in autunno

PALERMO In Sicilia si voterà il 28 e 29 ottobre, Lombardo si dimetterà il 28 luglio. Lo ha annunciato lo stesso governatore della Sicilia in una conferenza stampa a Palermo, nella sede di Palazzo d’Orleans. Il governatore, come anticipato nelle scorse settimane, rimetterà il mandato perchè indagato per mafia nell’inchiesta Iblis a Catania. “Il termine giusto per spiegare la mia vicenda giudiziaria è travisamento. Se Dio vuole non mancherò a nessuna udienza – ha detto – questa vicenda mi coinvolge e mi interessa seguirla da vicino”. “Autosospendermi? Non mi piacciono le mezze misure – dice Lombardo – Non c’è alternativa alle dimissioni. Con gli alleati abbiamo convenuto di votare in modo disgiunto dalle elezioni nazionali. La data del 28-29 ottobre è certa e concordata con gli alleati un mese e mezzo fa, e si va avanti. Ho preferito il voto a fine ottobre perchè in questo modo aumenta il margine di tempo con il voto nazionale. Si parla di elezioni politiche a marzo”. A chi gli chiede un’ipotesi su un sostituto, nello specifico il vice presidente Giosuè Marino, Lombardo replica che “chi si dimette resta presidente della regione fino all’ultimo giorno, fino al giorno della proclamazione dell’altro presidente. Non c’è nessun vicepresidente che deve sostituirmi tranne che io non venga rimosso ma non si parla di questo”.
Leggi il seguito di questo post »