Messina: incidente sul lavoro

di Maria Chiara Ferraù – Eco di Sicilia

Sembrerebbero gravi le condizioni di un cinquantacinquenne di Rometta rimasto ferito questo pomeriggio in località Timpazzi a Messina. L’uomo è stato travolto dal proprio trattore, mentre era impegnato in lavorazioni per conto terzi in un terreno di proprietà privata.
L’uomo è stato soccorso e trasportato con l’elicottero al policlinico di Messina dove si trova ricoverato in prognosi riservata nel reparto di terapia intensiva. Leggi il seguito di questo post »

Flash mob dei giovani di Sinistra Ecologia Libertà: GHOST IN TRANSLATION!


Per questo paese siamo la generazione fantasma: si negano i nostri diritti e si nega la nostra esistenza. Noi diciamo basta!”

di le ragazze e i ragazzi di SEL- circoli ” Matteo Cucinotta” e “San Precario”

Degli strani fantasmi si aggiravano ieri sera per le vie della movida messinese: erano un gruppo di ragazze e ragazzi iscritti a SEL, che dopo aver girovagato in mezzo ai locali più frequentati dai giovani della città, sono arrivati in via Castellamare e lì, togliendosi di dosso le lenzuola, hanno detto a gran voce di essere stanchi di vivere da fantasmi in un paese che li ignora e ne nega ogni giorno l’esistenza. Leggi il seguito di questo post »

La Cgil mette sotto esame i bilanci del Comune. Oceano: “Una città senza programmazione a forte rischio dissesto”

MESSINA. La Cgil mette sotto esame i bilanci del Comune di Messina: scarsa autonomia finanziaria, bassa spesa per servizi ai cittadini, e forte rischio dissesto.

Oceano, Cgil: “Dati che confermano la marginalità di Messina sia come servizi ai cittadini che come reperimento di risorse. Una città senza programmazione a forte rischio dissesto”.

Come si “mantiene” il comune di Messina, quante e quali risorse provengono da tributi locali e come vengono poi spese le risorse per erogare servizi ai cittadini. Un tema che alla luce del federalismo fiscale e anche della recente manovra economica che ha imposto ai comuni un taglio in due anni di 4milardi di euro è al centro del Focus realizzato dalla Cgil di Messina in collaborazione con il Cerdfos, l’istituto di ricerche della Cgil Sicilia che è stato presentato dal segretario generale della Camera del lavoro Lillo Oceano e da Beppe Citarrella e Gaspare Rappa del Centro studi.

“Ciò che balza immediatamente all’occhio analizzando il sistema delle entrate e delle spese del comune di Messina è la grossa dipendenza dai trasferimenti nazionali e regionali e basse entrate autonome, peraltro sbilanciate sui redditi da lavoro – osserva Oceano-. Se a questo poi si aggiungono i dati sui servizi sociali, i più esigui tra i comuni siciliani di grandi dimensioni, abbiamo di Messina un quadro chiaro: scarsa autonomia finanziaria che con il federalismo fiscale rischia portarci a un taglio consistente dei già esigui servizi ai cittadini: trasporti pubblici, scuola, assistenza e sostegno alle famiglie”.

Leggi il seguito di questo post »