I Forconi di nuovo in piazza

Duemila chilometri attraverso i Comuni della Sicilia per incontrare chi “non ne può più di sprechi, corruzione, mafie e tasse inique”. I Forconi tornano in strada e, dopo aver paralizzato la Sicilia lo scorso inverno, promettono di nuovo battaglia. “Non ci fermiamo – dice il leader Mariano Ferro – Non possiamo rassegnarci a chi vuole consegnare l’Isola all’arretratezza e alla povertà. Noi viviamo in una terra che potrebbe essere ricchissima e che invece una politica distratta e colpevole vuole condannare all’arretramento e alla povertà”. Il tour a bordo dei furgoni è già iniziato. Giovedì scorso erano a Gela, Licata, Palma di Montechiaro, Camastra, Naro, Canicattì, Favara, Agrigento, Porto Empedocle e Sciacca. Venerdì è stata la volta del Trapanese e ieri della provincia di Palermo con tappa a Capaci per commemorare le vittime della strage e il giudice Giovanni Falcone. Un giro della Sicilia che non conosce soste e che oggi è transitata nel territorio nisseno, per poi coprire tutte le altre province dell’Isola, sino alla grande manifestazione dell’8 luglio, quando ci sarà un presidio sulla Salerno-Reggio Calabria.

Annunci

Sidoti chiede lo sblocco commissioni di invalidità civile

Messina – Il Consigliere provinciale Rosario Sidoti, con la seguente nota,  chiede al  Presidente della Provincia Ricevuto un intervento per riattivare le commissioni mediche:Da quasi due mesi e mezzo le commissioni per le visite di invalidità civile in Provincia di Messina sono bloccate. Quasi seimila pratiche sono in attesa di essere esitate. La situazione sta assumendo livelli inaccettabili anche perché tra queste vi sono anche le istanze di pazienti affetti da tumore per i quali la legge prevede che vengano esitate entro 15 giorni.  Si sta creando una situazione che crea notevoli disagi per i pazienti e i familiari e soprattutto viene meno il riconoscimento di un diritto fondamentale come quello alla salute. Se la situazione non verrà affrontata in tempi rapidi si rischia di non riuscire a smaltire l’arretrato venutosi a creare.

Leggi il seguito di questo post »

Regione, i consumatori candidano Emilia Grasso

 Trentarè associazioni a difesa dei cittadini, utenti, consumatori, lavoratori e ambientaliste, con in testa il movimento dei Consumatori italiani, hanno candidato alla presidenza della Regione siciliana il direttore nazionale del dipartimento affari sociali ed emarginazione del Codacons Emilia Grasso. Lo ha reso noto con un comunicato il Movimento consumatori italiani. “La necessità – afferma il movimento – di porre al centro della politica e delle sue scelte i problemi del carovita, della mancanza di controllo sui prezzi di beni e servizi e sulle tariffe pubbliche, e la mancanza sempre più esasperante di indispensabili e non dilazionabili strumenti di tutela del potere di acquisto dei salari, delle pensioni, e, soprattutto, del risparmio, hanno spinto i consumatori a cercare una candidata lontana dalla logiche dei partiti e vicina ai problemi reali degli elettori”.

Messina. Inizia domani in Fiera la 2^ edizione della Festa per il Lavoro organizzata dalla Cgil provinciale

Inizia domattina alla 10.00 con il dibattito sul futuro economico della città,  la 2^ Edizione della Festa per il Lavoro della Cgil di Messina che anche quest’anno si svolge in Fiera. Un’occasione per analizzare e affrontare temi importanti legati al Lavoro e allo Sviluppo ma anche 4 giorni di musica, spettacoli, intrattenimento per bambini, stand di artigianato locale e serate gastronomiche a tema con la collaborazione di Slow Food Messina. Ad aprire i lavori sarà il segretario provinciale Enzo Cocivera e a seguire la Tavola rotonda dal titolo “Economia e territorio. Immaginiamo un modello per Messina”, alla prima sessione della quale sarà presente anche l’assessore regionale alle attività produttive Marco Venturi.

Leggi il seguito di questo post »

Domani importante convegno sullo Stalking al comune di Messina organizzato dal sindacato di Polizia S.I.A.P.

Negli ultimi anni si è sentito sempre più frequentemente parlare di una forma più subdola e pericolosa di violenza: lo stalking, cioè il comportamento, prevalentemente maschile, che ha inizio con una varietà di atti apparentemente innocui, ma che spesso degenerano in una vera e propria persecuzione ossessiva e reiterata, caratterizzata da molestie asfissianti, minacce, pedinamenti, intromissioni nell’altrui vita privata. Nel 2009 con la Legge 38 è stato modificato il nostro codice penale, mediante l’introduzione dell’art.612 bis, che configura il reato di stalking.

Leggi il seguito di questo post »

Immigrati in rivolta, sedata protesta al Cie

TRAPANISedata nella notte dalla polizia una rivolta al Cie “Serraino Vulpitta” di Trapani, che attualmente ospita circa 40 immigrati. Non si registrano feriti nè tra gli ospiti, nè tra gli agenti, nonostante ci siano stati momenti abbastanza concitati. I migranti protestano per la lunga permanenza all’interno della struttura.

MESSINA. LA CGIL PRESENTA LA 2° EDIZIONE DELLA FESTA PER IL LAVORO

Da mercoledì 27 a sabato 30 giugno, l’area della Fiera ospiterà per il secondo anno consecutivo, la Festa per il Lavoro organizzata dalla CGIL di Messina e dedicata quest’anno più che mai al tema del Lavoro, della Legalità, dei Valori fondanti del sindacato come sottolineato dall’intitolazione degli spazi-dibattito a tre sindacalisti siciliani assassinati dalla mafia, Carmelo Battaglia, Salvatore Carnevale e Placido Rizzotto. Quattro giorni di dibattiti assieme a esperti, tecnici, giornalisti, dirigenti politici e sindacali, ma anche 4 giorni di spettacoli, mostre, laboratori e giochi per bambini con animazione gratuita, e stand di artigianato e produzioni rigorosamente locali. “Perché l’obiettivo è promuovere il nostro territorio, il nostro lavoro, il nostro sviluppo –  spiega Lillo Oceano, segretario generale della Cgil di Messina-. E farlo parlandone con esperti e coinvolgendo il maggior numero di espressioni della società e del nostro territorio per cercare assieme soluzioni e percorsi condivisi”. Ma anche un’occasione per trasformare in Parco cittadino un’area simbolica della nostra città oggi tristemente mortificata”.