Giornata internazionale contro l’omofobia, eventi anche a Messina

7 maggio Makwan

Messina, 17 maggio ’12 – Il 17 maggio del 1990 l’OMS, l’Organizzazione mondiale della Sanità, ha compiuto un importante passo verso il riconoscimento dei diritti degli omosessuali eliminando l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali. Il 17 maggio è così diventata la Giornata internazionale contro l’omofobia. Anche a Messina, in occasione della Giornata Internazionale contro l’omofobia,  il Circolo Makwan organizza alcuni eventi che sono stati presentati questa mattina nel corso di una Conferenza stampa che si è svolta alla Provincia , al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica su un argomento spesso taciuto e fatto cadere nell’oblio. Per l’Unione europea, l’omofobia è una forma di discriminazione analoga al razzismo, all’antisemitismo, alla xenofobia. Per questo è necessario combatterla attraverso campagne di sensibilizzazione e informazione. Leggi il seguito di questo post »

Dopo l’incendio del c.s.o.a. Cartella una manifestazione a Reggio Calabria il 26 maggio e una campagna per ricostruirlo più bello e più grande di prima

IO STO CON IL CSOA CARTELLA

Non ci poteva essere sveglia più triste a buttarci giù dal letto ieri mattina. La notizia che la struttura, che per dieci anni ci ha visto discutere, lavorare, creare, cantare, suonare, crescere, stava andando letteralmente in fumo è stata un pugno allo stomaco, un colpo tremendo. La vista poi di quelle pareti di cemento rimaste in piedi, mentre tutto quello che c’era dentro, sopra, di lato, era stato trasformato in cenere e detriti contorti dal calore, è stato il colpo del definitivo Knock Out. Leggi il seguito di questo post »

Solidarietà al C.S.O.A. “Angelina Cartella”

 

Io sto con il Cartella

La notte scorsa alcuni filofascisti hanno bruciato la sede del C.S.O.A. “Angelina Cartella” di Gallico e hanno disegnato svastiche sui muri. Il centro sociale, di recente oggetto di gravi atti intimidatori, è un luogo in cui ci si riunisce per fare politica, discutere di cultura ed organizzare eventi sociali: tali attività, evidentemente, infastidiscono chi non è in grado di praticarle. Il circolo PRC “Peppino Impastato” di Messina esprime piena solidarietà ai compagni del Cartella ed immediata disponibilità alla ricostruzione del centro.

Antonio Longo, Segretario circolo PRC “Peppino Impastato”

UN APPELLO AL BUON SENSO E ALLA RESPONSABILITA’ NELLA LETTERA APERTA DEL SEGRETARIO GENERALE DELLA CISL DI MESSINA, TONINO GENOVESE: “MESSINA NEL CAOS, EVITIAMO DI AGGIUNGERNE ALTRO”

Sento il dovere e l’esigenza di invitare ancora una volta le Istituzioni e la comunità intera a stringersi e a dialogare perché ci sono esigenze reali, forti e che determinano il comune sentire. Si sta inasprendo, in questi ultimi giorni, la contrapposizione sterile e improduttiva e ciò, dobbiamo dirlo, rischia di “distrarre” l’attenzione e le forze che, invece, devono essere tutte indirizzate al costruire, piuttosto che allo sfasciare. Messina è una citta nel caos, è vero. Un caos occupazionale, sociale, civico. Aggiungerne altro porta solo alla definitiva implosione dei problemi che, va da se, restano irrisolti perché sepolti dal populistico primeggiare e voler fare audience. Leggi il seguito di questo post »

SOLIDARIETA’ AI MILITANTI DEL CSOA ANGELINA CARTELLA, BARBARAMENTE DATO A FUOCO DA NEOFASCISTI

La Rete No Ponte/Comunità dello Stretto esprime tutta la propria solidarietà ai militanti e agli attivisti del noto centro sociale A. Cartella, spazio occupato da lungo tempo e che è stato fino ad oggi sicuramente il luogo di produzione culturale e politica più interessante della città di Reggio Calabria. La barbarie neofascista deve essere messa al bando. Non solo per ciò che fa, ma per ciò che evoca. L’incendio provocato stanotte è un chiaro segno a tutti coloro i quali pensano che “anche coi fascisti si può e si deve dialogare” e che non si possa per nessun motivo vietare la riorganizzazione associativa di forze che si rifanno a questo triste passato. No. L’incendio di stanotte dimostra, come se ce ne fosse bisogno, la natura violenta e meschina di questi movimenti che vanno fermati prima che facciano altri danni alla nostra società, già abbastanza in crisi per potersi permettere anche i fascisti tra i piedi. Leggi il seguito di questo post »

Avviso a tutti i lettori del NuovoSoldo!

Avviso a tutti i lettori del NuovoSoldo!

Ci siamo trasferiti all’indirizzo www.nuovosoldo.it !
Questo portale rimmarrà online per la consultazione dei vecchi articoli!

Scuole serali a rischio chiusura, un coro di no: “Strategiche in un momento di grave crisi economica”

Protesta precari scuola a Messina il 12 settembre 2010 ©NuovoSoldo

di Antonella Loi (notizie.tiscali)

Foggia e Cagliari hanno aperto la strada. Ma altre città potrebbero seguire presto la scia delle proteste di studenti, genitori e docenti contro la chiusura di quello che da più parti viene definito uno dei cardini di una “società in continua evoluzione”: le scuole serali pubbliche per adulti. Cortei e manifestazioni hanno interessato le strade e le sedi istituzionali delle due città nei giorni scorsi. Ma mentre nel centro pugliese si è raggiunto presto un accordo con l’autorità scolastica provinciale, così come già precedentemente a Torino e Bari, per tenere aperta almeno una parte dell’offerta, a Cagliari il rischio è che vengano tagliate 47 classi e spariscano interi corsi. Le piazze provano a lanciare un allarme che è “nazionale”, assicura Nazzareno Corigliano, presidente del Coordinamento “Difendiamo le scuole serali” e docente dell’Itis “Marconi” di Bari. “Quello che è successo a Cagliari e a Foggia riguarda tutta l’Italia – ha spiegato – anche perché nessuno si aspettava che i tagli fossero così massicci”. Leggi il seguito di questo post »