Al via la quarta edizione di : Sulla scia di Alamak. Rodia non dimentica il comandante Mafodda.

Un’immagine suggestiva del monumento dedicato al comandante Mafodda, sulla spiaggia di Rodia. ( foto Speziale)

di Tonino Cafeo

Rodia ( Messina).   Rodia ancora una volta  ricorda  il comandante del Segesta Jet, Sebastiano Mafodda,  che il 15 Gennaio 2007 perse la vita nel tragico incidente avvenuto nelle acque dello Stretto, assieme ai suoi colleghi d’equipaggio Marcello Sposito, Palmiro Lauro e Domenico Zona.

Oggi e domani , infatti, nella frazione marinara del comune di Messina , si svolgerà  la quarta edizione della rassegna di eventi “Sulla scia di Alamak”, organizzata dall’ Associazione Alamak – Sebastiano Mafodda.
Si comincia stasera , alle 19.00, nell’area del sito monumentale dedicato al marittimo messinese, alla foce del torrente Rodia,  con  una Santa Messa officiata da Padre Carlo Oliveri, parroco di Rodia, a suffragio del comandante scomparso e degli altri marinai del Segesta. Leggi il seguito di questo post »

Annunci

I suicidi della crisi a Welcome to Paradise

di Carmela Grasso

Welcome to paradise 2011 le sedie dei precari di Giancarlo-Giannone

Circa quaranta artisti, italiani e stranieri, con opere singole o installazioni collettive, animano stasera e domani i vicoli della collina di Monserrato, nel quartiere Madonna delle Grazie, per la seconda edizione di Welcome to Paradise, l’art-show in notturna organizzato per Modica Miete Culture da Rionarte con la direzione artistica di Marcel Cordeiro. Inizio ore 20.30.

Consapevoli della funzione sociale dell’arte, dell’invito alla riflessione e all’affermazione della dignità umana di ogni individuo, gli artisti che hanno accolto l’invito di Rionarte hanno scelto per le opere del 2012 temi di grande attualità: i suicidi legati alla crisi, l’emergenza femminicidio in Italia, il ventennale della guerra nell’ex Yugoslavia, il dramma del terremoto, morte e rinascita e, in campo di salvaguardia ambientale, la tutela della mucca modicana, razza autoctona in via di estinzione: un modo per ricordare alla comunità del territorio, ma il messaggio è rivolto all’umanità intera, l’urgenza di non perdere le proprie radici – ma anche la storia, la cultura, le tradizioni, il linguaggio – in un mondo sempre più globalizzato e uniformato.

Leggi il seguito di questo post »

Messina, S.Jachiddu: L’Europa vista dal Mediterraneo

A partire da mercoledì 27 giugno, nella cornice delle conversazioni che ormai da tre anni si svolgono sui temi del paesaggio e del Mediterraneo, avrà luogo, al Forte San Jachiddu, una serie di incontri dedicati all’Europa vista del Mediterraneo. Lo scopo è quello di interrogarsi, a partire da una prospettiva economica, letteraria e geofilosofica, sul significato che lo spazio mediterraneo può avere all’interno del percorso di unificazione europea e delle dinamiche di globalizzazione da cui esso per molti versi è condizionato.

Il primo incontro si svolgerà mercoledì 27 giugno alle ore 18 e vedrà confrontarsi Frank Mermier e Caterina Pastura su ‘ll libro e la città. Editoria e spazio pubblico nel mondo arabo.’

Il ciclo di incontri è organizzato dal Dottorato in ‘Metodologie della Filosofia’ dell'”Università di Messina”, dal CESV – Centro Servizi per il Volontariato di Messina, dall’Associazione Culturale ‘Terraceleste’, dall’EditoreMesogea e dall’Associazione ‘Amici del Fortino’.

Inaugurata a Modica la prima installazione in Italia dedicata alla Primavera Araba

di Carmela Grasso

Marcel Cordeiro con Leila Bouazizi, sorella del martire Mohamed, LGT

Modica è la prima città in Italia che rende pubblico omaggio ai martiri della Primavera Araba. E lo fa con l’arte. Da ieri, infatti, nell’atrio di Palazzo San Domenico, sede del Municipio, visitatori e turisti della città patrimonio dell’Unesco possono ammirare un’inedita installazione sensoriale intitolata “La Rivoluzionedel Gelsomino” realizzata da Marcel Cordeiro, artista brasiliano e modicano d’adozione, per ricordare il sacrificio di Mohamed Bouazizi, il giovane venditore ambulante di frutta e verdura che nel dicembre 2010, esasperato dai continui soprusi della polizia governativa, si diede fuoco accendendo la rivolta con i regimi totalitari nel suo paese e, a rotazione, in molti altri del nord Africa e in Medio Oriente. Duecento piante di gelsomini, una fiaccola accesa da ieri e fino al 29 giugno, teli bianchi come anime in ricordo degli eroi della Primavera Araba. Un pannello in tre lingue – italiano, inglese e arabo – illustra ai visitatori i contenuti dell’installazione-tributo. Leggi il seguito di questo post »

La “Casa delle Culture” ospita le opere di Vittorio Ballato e Antonella Papiro

di Francesco Carini

Sarà visibile fino al 30 giugno 2011, presso la “Casa delle Culture” di Acquedolci (sita in Via Vittorio Emanuele II), la mostra inaugurata giorno 5 presso la sala consiliare dello stesso comune nebroideo. Facente parte del progetto “Alchimia della Bellezza” e organizzata dall’Associazione Culturale Mediterraneo (presieduta dall’ingegnere e giornalista Farid Adly), l’esposizione assume un doppio ed interessante profilo per la differenza negli stili dei lavori di Antonella Papiro e Vittorio Ballato.

La prima rappresenta un’artista in cui ritrattistica e fotografia si mescolano dando vita ad un interessante ensemble di realismo e spontaneità. Leggi il seguito di questo post »

Sabato 23 giugno 2012, alle ore 17, a Milazzo in via XX Settembre, 45 sarà inaugurata l’Associazione “Casa del Popolo Milazzo”

 

Brochure inaugurazione Casa del popolo Milazzo

Nel corso della cerimonia sarà presentato il libro dal titolo: “Perchè è stato ucciso Pio La Torre” di Elio Sanfilippo e Nino Caleca.

Programma Ore 17:

presentazione dell’Associazione

Franco Andaloro Presidente Associazione “Casa dei Popolo Milazzo”

Emanuele Di MariaSegretario dell’Associazione Leggi il seguito di questo post »

Maturità: le tracce della prima prova

Sono in rete, sui siti studenteschi, le tracce per la prima prova della Maturità 2012.

Sono stati proposti Montale con “Ammazzare il tempo”; ‘Il labirinto’, per l’ Ambito artistico letterario; Hans Jonas: “Principio di responsabilità, un’etica e la civiltà tecnologica“; ‘La crisi e i giovani’ con brani di Steve Jobs. E ancora Hannah Arendt e lo sterminio degli ebrei’; ‘Il bene comune e individuale’ con brani di D’Aquino e Rousseau. Infine ‘Avevo 20 anni sogni e stili delle nuove generazioni’.

(Ansa.it)