Guardia Costiera – OPERAZIONE MARE SICURO 2013 ferragostana.

CP 875Capitaneria di Porto Milazzo – Intensa attività a Ferragosto e nei giorni precedenti.
Infatti, alla normale attività di controllo denominata “Mare Sicuro 2013” – che si pone tra gli obiettivi quello di verificare il corretto utilizzo delle aree demaniali marittime e la corretta gestione degli stabilimenti balneari – nel periodo di ferragosto sono stati effettuati ulteriori servizi a terra ed in mare alfine di garantire la corretta fruizione delle spiagge da parte dei bagnanti e del mare da parte dei diportisti.

Nel tardo pomeriggio di giovedì 15 agosto, giungevano alla Sala Operativa della Capitaneria di Milazzo – tramite il numero “Blu d’emergenza 1530” – alcune segnalazioni di natanti o imbarcazioni in difficoltà. Personale Militare con la MV CP 875 soccorreva a circa 5 miglia da Capo Milazzo un natante da diporto con tre persone a bordo, rimasto in panne a causa di un avaria al motore, e traeva in salvo due canoisti che a Capo Milazzo non erano in grado di raggiungere autonomamente la riva.

La Guardia Costiera di Milazzo è stata impegnata in attività di tutela e sicurezza in mare, anche con controlli ad unità da diporto. Verificato il corretto rispetto delle normative di settore, in particolare sulle dotazioni di sicurezza di bordo e sul rispetto dei limiti di navigazione dalla costa.
Durante i controlli sono stati verbalizzati 2 conducenti di acquascooter che in prossimità di Portorosa e della Baia di S. Antonio – Milazzo, navigavano sottocosta in violazione dell’art. 7 dell’Ordinanza balneare n° 32/2012, nonché sprovvisti delle dotazioni di sicurezza previste (estintore). nei confronti dei trasgressori sono stati elevati due verbali amministrativi pari a € 172 cadauno.
Analogo provvedimento è stato preso nei confronti del conduttore di un’unità da diporto che a Croce di Mare raggiungeva la battigia frequentata dai bagnanti.
A Capo Milazzo, inoltre, la motovedetta CP 875 ha individuato il conduttore di un gommone che navigava senza detenere il tagliando assicurativo (successivamente esibito), incorrendo nella sanzione di € 51,00.

Altrettanto intensa l’attività svolta da terra dalle pattuglie automontate che hanno effettuato oltre 250 controlli su strutture balneari e spiagge libere.
Anche in tal caso sono stati elevati verbali di illecito amministrativo a 3 gestori di stabilimenti balneari (ubicati nei comuni di Patti, Gioiosa Marea e Falcone); i quali non erano in possesso di varie dotazioni di sicurezza previste dall’ordinanza balneare 32/2013: gli stessi, complessivamente, dovranno versare alle casse dell’erario circa 3.000 euro.
A Gioiosa Marea, inoltre, è stato verbalizzato per violazione del Decreto Legislativo n°171/2005 (Legge sulla nautica da diporto) il titolare di una ditta individuale che esercitava l’attività di locazione e noleggio in assenza delle prescritte autorizzazioni: lo stesso dovrà versare all’erario il corrispettivo di 100 Euro.
Infine, a Rometta si procedeva alla verbalizzazione del proprietario di un natante da diporto intento ad alare sulla spiaggia frequentata dai bagnanti la propria imbarcazione in violazione dell’art. 3 dell’Ordinanza n° 476 della Regione Sicilia che regolamenta l’uso delle spiagge.
L’attività della Capitaneria di porto di Milazzo, nell’ambito dell’operazione “Mare Sicuro” continuerà senza sosta fino al termine della stagione balneare.

Annunci