Truffa a ricevitorie Sisal, due arresti


MESSINA – La polizia ha arrestato Marilù Catalano, 21 anni, originaria di Enna e Pasquale Bellia, 51 anni originario di Mascali (Catania) con l’accusa di associazione a delinquere e truffa. Una terza persona è ancora ricercata. I tre da qualche anno avevano messo su un sistema che gli avrebbe permesso di truffare i titolari di bar, edicole e tabaccherie rivenditori Sisal, su tutto il territorio di Messina e Catania, fruttando guadagni illeciti per migliaia di euro. Fino ad ora le truffe accertate ammontano a settemila euro. I tre si presentavano all’interno degli esercizi commerciali chiedendo una ricarica della somma di 500 euro su di una carta Postepay che solitamente era quella intestata a Bellia e al momento del pagamento tiravano fuori il bancomat o la carta di credito. A quel punto, considerando che selezionavano le proprie vittime tra coloro i quali non avevano l’abilitazione al pagamento tramite Pos, lasciavano un documento d’identità falso in originale o in copia, o in alcuni casi un numero di telefono sul quale avrebbero potuto essere rintracciati per poi tornare a pagare in contanti.  Quindi sparivano e poi prendevano i soldi al più vicino sportello bancomat. I due e il complice avevano truffato diversi esercizi commerciali a Messina e in altre città dell’isola.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: