Anziani in cerca di casa


Incalzato dalla Procura il dirigente del Dipartimento Sociale chiude 20 case di riposo
MESSINA. Gli anziani ospiti delle case di riposo private e nell’unica struttura pubblica di Messina, Casa Serena? Non hanno più l’assistenza pagata dal Servizio sanitario dei medici di famiglia e tra qualche settimana si ritroveranno per strada. Quasi tutti. Gli unici infatti che possono dormire sonni tranquilli sono quelli ricoverati nelle quattro case di riposo “Isola Azzurra”, “Piccole Sorelle dei Poveri”, “Katia Residence” e “Le Margherite”. Il dirigente del Dipartimento Servizi Sociali, Salvatore De Francesco, incalzato da un’inchiesta del Procura diretta daGuido Lo Forte, a sua volta innescata da un’informativa dei Nas di Catania e del Dipartimento di prevenzione dell’Azienda sanitaria 5, ha inviato ai titolari di 20 case di riposo fuorilegge della città le lettere di “inibizione alla svolgimento dell’attività con l’obbligo di sistemare gli anziani ricoverati nelle famiglie di provenienza o presso i parenti”. Per altre 6 sono in corso verifiche. «In termini concreti, significa ordine di chiusura, la cui violazione è reato. Non potevamo fare altrimenti. E’ chiaro che le decisioni in questo settore vanno prese tenendo presenti sia i bisogni di assistenza degli anziani che di occupazione dei tanti operatori. (Centonove.it)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: