PRESENTAZIONE VOLUME “PITTURA DELLA TARDA MANIERA NELLA SICILIA OCCIDENTALE (1557-1647)”

Sabato 16 giugno, alle ore 10.30, nell’Aula Magna dell’Ateneo di Messina, dopo il saluto del Rettore prof. Francesco Tomasello, i professori Giuseppe Restifo (Università di Messina)  e Giovanna Sapori (Università di Roma) presenteranno il volume “Pittura della tarda Maniera nella Sicilia Occidentale (1557-1647)” di Teresa Pugliatti. Sarà presente l’autrice.

Girone C Euro2012: doccia fredda per l’Italia, spettacolo Spagna

di Francesco Carini

Per la seconda giornata del Girone C di Euro 2012, si sono giocate Italia-Croazia e Spagna-Irlanda.

Nel primo match, iniziato alle 18 presso il Municipal Stadium di Poznan, gli azzurri hanno pareggiato 1 a 1, pur dominando per quasi tutta la gara. Nei primi 15 minuti, Mario Balotelli e Claudio Marchisio sfiorano il vantaggio con due belle conclusioni che non trovano fortuna, in particolare Il Principino lascia partire uno splendido sinistro da 25 metri finito poco sopra la traversa. Leggi il seguito di questo post »

Controcorrente: una mostra personale di Francesca Borgia

Colapesce femmina di Francesca Borgia

di Francesco Saija

Seguo da anni, quasi fin dai primi passi, l’itinerario o viaggio artistico di Francesca Borgia che con la sua pittura acrilica su tela si colloca, tra i pennelli più prestigiosi e più impegnati della nostra città. Per me, ogni personale della Borgia ha sempre costituito un evento culturale di primo livello, da un punto di vista artistico ma anche civile. Leggi il seguito di questo post »

Operazione antidroga Gezzana, due rinvii a giudizio e una condanna

MESSINA – Il gup di Messina Maria Vermiglio nell’ambito del processo scaturito dall’operazione antidroga Gazzana ha deciso oggi due rinvii a giudizio, un patteggiamento e quattro proscioglimenti. Il giudizio interessa Vincenzo Blanco e Loredana Armeli.

Leggi il seguito di questo post »

Forconi, presidio permanente a Messina

CATANIA – I Forconi dall’8 luglio prossimo attiveranno a Messina una protesta permanente “contro il governo e i politici che si disinteressano dei veri problemi delle persone agendo da Casta”. Lo ha annunciato il leader del movimento, Mariano Ferro, durante un presidio attivato davanti la sede Rai di Catania, dove domani alle 10 i manifestanti terranno una conferenza stampa. “Una settimana prima della protesta di Messina – ha anticipato Ferro – faremo un ‘tour’ della Sicilia incontrando gli operai della Fiat di Termini Imerese, dell’Italcementi di Porto Empedocle, della raffineria di Gela e di tante altre aziende in crisi invitandoli a unirsi a noi e a partecipare all’iniziativa nella città dello Stretto”.

“Trasparenza, lotta alla mafia, cura dei luoghi e partecipazione” La ricetta di SEL per cambiare la Sicilia con Claudio Fava.

Immaginedi Tonino Cafeo

Barcellona P.G. (Messina). In un’aula consiliare dove ci sono solo posti in piedi, davanti a un pubblico attento, Claudio Fava parla ad alta voce di lotta alla mafia, responsabilità, libertà. Non era scontato che accadesse, in quello che – fino a qualche settimana fa – era un comune sotto la lente d’ingrandimento della Commissione parlamentare antimafia, il cui consiglio è stato più volte sull’orlo di essere sciolto per  più che sospette infiltrazioni della criminalità organizzata nell’amministrazione della cosa pubblica. L’elezione alla carica di Sindaco di Maria Teresa Collica, sostenuta da una coalizione che comprende partiti fino a ieri ai margini della vita amministrativa, come SEL e Rifondazione Comunista,  e associazioni  e movimenti antimafia, ha reso possibile l’emergere di segnali chiari di quello che potrebbe essere un profondo mutamento di paradigma del modo di fare politica e dell’amministrare in provincia di Messina e in Sicilia. Leggi il seguito di questo post »

Cisl: lavorerà solo 40% dei siciliani

MESSINA – In Sicilia quest’anno il Pil regionale calerà di quasi il 3% e del 2,2% si ridurranno gli occupati “cosicché a lavorare sarà poco più del 40% dei siciliani in età da lavoro”. I dati emergono dall’assemblea generale dei delegati, 700 rappresentanti sindacali delle nove province dell’Isola, riuniti a Messina. E non è andata meglio l’anno scorso. Nel 2011 il tasso di occupazione s’è attestato al 56,4% per gli uomini (-0,7%) e al 27,7% per le donne (-1%). Complessivamente ha perso 0,4 punti. Sempre nel 2011 nell’Isola l’indebitamento delle famiglie è aumentato del 3% ed “è, ora, più alto della media nazionale”. E’ cresciuto inoltre, secondo il sindacato, l’indebitamento della Regione (5,3 miliardi) e degli enti locali dell’Isola (oltre 7 miliardi). E solo nell’ultimo anno è calato di oltre un miliardo il gettito delle entrate fiscali prodotte nella regione. Ancora, sono crollati gli investimenti industriali: -8%. E quanto ai giovani, è su loro che pende, soprattutto, una spada di Damocle: il 36% di chi ha tra 15 e 29 anni, non studia né lavora. Per la Cisl, un “fallimento storico”. Così come per il sindacato il fallimento della classe politica regionale è “un fatto smaccatamente doloso. E’ dal 2009 che governo e politica siciliani ricevono suggerimenti, proposte, contributi, indicazioni dal mondo del lavoro e delle imprese. Ma non s’è mossa foglia. Se ne vadano a casa”.