Girone B Euro 2012: Olanda shock e KO immeritato per il Portogallo


di Francesco Carini

Per la seconda giornata della quattordicesima edizione dei Campionata Europei di calcio, si sono giocate Olanda-Danimarca e Germania-Portogallo.

Alle 18, presso lo stadio Metalist di Kharkiv, gli Orange sono scesi in campo con un 4-2-3-1 che vedeva nel trio delle meraviglie composto da: Robben, Sneijder ed Afellay gli ispiratori di Van Persie. Dall’altro lato, i danesi sono stati schierati con un modulo speculare molto più simile ad un 4-5-1, con Bendtner come terminale offensivo.I ragazzi di Van Marwijk partono abbastanza forte, con Van Persie che al 7’ incrocia su assist di Robben mandando di poco fuori eSneijder che non riesce ad agganciare di testa un bel cross del centravanti dell’Arsenal. Ma a sorpresa è la Danimarca ad andare in rete, quando Krohn-Dehli approfitta di un buco difensivo e trafigge gli avversari con un rasoterra sinistro che passa sotto le gambe di Stekelenburg. A questo punto la partita si fa combattuta, con la compagine di Olsen che cerca il raddoppio attraverso conclusioni da fuori area e i finalisti del mondiale del 2010 che sfiorano il pareggio tramite un palo colpito da Robben. Si chiude così un inatteso primo tempo, che regala un’ultima emozione grazie ad una conclusione da posizione ravvicinata del capitano dei Gunners e neutralizzata dal portiere Andersen.

La ripresa offre poco, a parte una pericolosa sassata calciata dal limite dell’area da Mark Van Bommel e una nitida occasione per Huntelaar, subentrato ad Afellay. Alla fine termina a sorpresa 1 a 0 per la Danimarca una gara il cui esito sembrava scontato prima che si giocasse e che ha offerto la pessima prestazione di Wesley Sneijder, apparso (nel giorno del suo ventottesimo compleanno) fuori forma e quasi sempre avulso dalle trame offensive imbastite dai suoi compagni.

Alle 20 e 45, presso l’Arena Lvivdi Leopoli, si sono affrontate in uno dei match più attesi dell’Europeo Germania e Portogallo. I primi 45 minuti sono trascorsi senza troppe occasioni, a parte una pericolosa conclusione di  Müller e una traversa colpita da Pepe, con i tedeschi che hanno cercato di imporre sempre il loro gioco, dovendo comunque scontrarsi su una coriacea difesa lusitana, che ha saputo porre argine alle giocate dei forti avversari.

La ripresa non ha offerto granché, proprio per l’organizzazione degli uomini di Paulo Bento, i quali hanno avuto solo la colpa di lasciare al 73’ un corridoio libero sulla sinistra, dal quale è partito il cross di Khedirasu cui si è avventato di testa Mario Gomez per il vantaggio teutonico. A questo punto i portoghesi hanno tentato la reazione, schiacciando la formazione di Joachim Löw nella sua metà campo, colpendo una traversa con Nani e sfiorando il pareggio con Varela (fermato solo da un portentoso Neuer). Finisce comunque 1 a 0 per la Germania, che, in virtù di questo punteggio, conduce a 3 punti la classifica del girone B insieme alla Danimarca, lasciando Portogallo e Olanda a quota 0.

(Fonte: http://www.spaziointer.it)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: