In vendita pesce mal conservato

Capitaneria di Porto Milazzo – Individuato il venditore ambulante che a Giammoro esponeva al pubblico fraudolentemente una considerevole quantità di “pesce ghiaccio” decongelato e già oggetto di sequestro amministrativo nel pomeriggio di giovedì 31 maggio. Allorquando erano stati rinvenuti – su un barcone posto sulla strada – 5 kg della stessa specie ittica, senza individuare gli autori dell’illecito.

Il pescato sequestrato ieri – circa 10 kg – è stato distrutto dopo il controllo del veterinario dell’ASP n 5 di Messina; l’autore dell’illecito – P. A. di 66 anni – è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per aver venduto prodotti ittici in cattivo stato di conservazione.

L’attività di controllo da parte dei Militari della Capitaneria di Porto di Milazzo non subirà interruzioni.

La misteriosa morte dell’urologo Attilio Manca

VITERBO – Sono stati notificate nel pomeriggio le richieste d’archiviazione chieste dal Pm Renzo Petroselli nei confronti di cinque delle sei persone iscritte nel registro degli indagati nell’ambito del supplemento d’indagini sulla morte dell’urologo siciliano Attilio Manca, avvenuta a Viterbo il 12 novembre 2004. Si tratta di Angelo Porcino, ai domiciliari per estorsione e imputato di partecipazione ad associazione mafiosa, Ugo Manca, cugino di Attilio, Salvatore Fugazzotto, Andrea Pirri e Lorenzo Mondello, tutti residenti a Barcellona Pozzo di Gotto (Messina), paese d’origine di Attilio. I reati ipotizzati nei loro confronti erano cessione di droga e morte a seguito di cessione di droga. Tra i destinatari del provvedimento non compare invece Monica Mileti, residente a Roma. Ciò potrebbe significare che a lei, il Pm stia facendo notificare un avviso di conclusione delle indagini.

Leggi il seguito di questo post »

L’on. Giuseppe Fallica a Messina in occasione dell’ingresso a Grande Sud di Giovanni Princiotta Cariddi

Messina –  Domani venerdì 8 alle ore 10.30 presso la Saletta delle Commissioni (piano terra) della Provincia Regionale di Messina si terrà la conferenza stampa per ufficializzare l’ingresso tra le fila di Grande Sud, il movimento politico guidato da Gianfranco Miccichè, del consigliere provinciale Giovanni Princiotta Cariddi. Un altro prezioso elemento che viene ad aggiungersi alla grande famiglia del partito di Miccichè a testimonianza del crescente consenso di cui gode Grande Sud e gli uomini che compongono questa squadra.

Leggi il seguito di questo post »

Il Ministero dell’istruzione si impegna contro le discriminazioni, ma la circolare rimane nel cassetto. Arcigay: “dall’anno prossimo, la giornata antiomofobia come l’8 marzo.”

il presidente di Arcigay Messina Rosario Duca

di Tonino Cafeo

Messina.  La circolare del Ministero dell’Istruzione con cui per la prima volta la scuola italiana prende una netta posizione contro l’omofobia, equiparandola a tutte le altre forme di discriminazione, è pressoché sconosciuta agli studenti e agli insegnati di Messina  e provincia. Lo rende noto il circolo  peloritano  “Makwan ”  di Arcigay.

“Abbiamo fatto un piccolo sondaggio” – Scrive il presidente  provinciale dell’associazione LGBT Rosario Duca– ” dal quale risulta   che il documento è stato fatto leggere soltanto in due scuole su 10 e gran parte degli studenti  e del corpo insegnante ne è rimasto all’oscuro.” Leggi il seguito di questo post »

Per una politica della partecipazione. Libertà e giustizia incontra il neosindaco di Barcellona PG Maria Teresa Collica.

Il circolo di Libertà e Giustizia di Messina organizza domani 8 giugno alla libreria Circolo Pickwick di Messina, dalle ore 18, un incontro con Maria Teresa Collica, sindaco di Barcellona Pozzo di Gotto e Massimo Marnetto, coordinatore del circolo di Libertà e Giustizia di Roma. Il tema dell’iniziativa- scrive la portavoce dell’associazione Giusi Furnari- è : “Per Una Politica della Partecipazione. Ruolo delle Associazioni, Partiti e Politiche Locali “. La discussione sarà introdotta da Giusi Furnari Luvarà, a cui seguiranno la dott.ssa Collica e il dott. Marnetto che presenteranno le loro considerazioni. Brevi Interventi di Piero David, Lillo Oceano, Rosaria Catanoso e Santi Di Bella apriranno il dibattito, moderato da Giuseppe Vitarelli. Si Tratta di un’occasione per riflettere su possi Insieme esperienze di rinnovamento dal basso della politica e di rafforzamento delle istituzioni.

COMUNICATO DOCENTI PRECARI DI SOSTEGNO

Sui siti dei sindacati scuola vengono riportate notizie, sulla vergogna delle invalsi, sugli accorpamenti delle piccole scuole (anche questi ultimi determinanti per l’incremento dell’esubero), sui concorsi per tutti i docenti, sui TFA (inutili, visti i soprannumerari), sui corsi di riconversione in sostegno (che licenziano definitivamente i precari del sostegno). Nessun SINDACATO fa cenno invece alla fine che faranno oltre 10.000 docenti precari specializzati nelle attività didattiche di sostegno che, a tutt’oggi, si trovano in servizio nelle scuole per l’istruzione e la formazione dei diversamente abili; ma anche degli alunni cosiddetti “normodotati”. I docenti precari di sostegno di tutta Italia DENUNCIANO il SILENZIO ASSORDANTE con il quale si sta compiendo l’ennesimo scempio sulla scuola già pesantemente colpita, per anni, da tagli indiscriminati.

Leggi il seguito di questo post »

Aquiloni a San Vito lo Capo

Dipendenti Coinres occupano sede Regione

PALERMOUna cinquantina di lavoratori del Coinres, il consorzio che gestisce la raccolta rifiuti nel Palermitano, ha occupato la sede del Dipartimento regionale Rifiuti di via Catania. “Sono stanchi di attendere risposte che continuano a non arrivare – commenta Francesco Ferrara Segretario provinciale Fit Cisl Palermo – ricordiamo che questi lavoratori attendono invano la retribuzione da più di tre mesi a causa del comportamento irresponsabile di un drappello di sindaci che, con un semplice pezzo di carta, hanno impedito che la soluzione trovata dal Dipartimento Rifiuti insieme alle organizzazioni sindacali, venisse messa in campo per superare questa fase di emergenza.”

Domattina primo sciopero generale dei lavoratori e delle lavoratrici delle imprese di pulizia di Messina

Venerdì 8 giugno, i lavoratori e le lavoratrici delle aziende di pulizia di Messina incroceranno le braccia e sciopereranno. É quanto annuncia la Filcams CGIL, la categoria del sindacato che segue le vertenze dei servizi, del commercio e del turismo. Si terrà un sit-in presso la Prefettura di Messina a partire dalle ore 9.30. Sistematici ritardi nel pagamento mensile degli stipendi, la continua riduzione degli orari di lavoro e dunque dell’ammontare delle spettanze sono le principali ragioni che hanno spinto il sindacato a indire lo sciopero: la vita di questi lavoratori – spiegano Garufi, segretario provinciale della Filcams CGIL, e Lucchesi, responsabile di settore, è insostenibile. Parliamo di stipendi che oscillano da un minimo di 80 euro ad un massimo di 250 euro, parliamo di donne con figli a carico, parliamo di famiglie che ogni giorno non sanno come mettere insieme il pranzo e la cena, che vivono nell’incertezza di cosa faranno alla scadenza di ogni appalto. Di fronte all’indifferenza delle aziende nei confronti delle condizioni del proprio personale, ai lavoratori e alle lavoratrici non resta che scioperare e lanciare un segnale forte alle Istituzioni ed alla cittadinanza tutta.

Leggi il seguito di questo post »

Strada di collegamento Camaro – Bordonaro

Dopo più di 3 anni, nonostante l’esposto presentato in Procura, frane, degrado e pericoli vari sono ancora là!

Messina – Il 31 ottobre 2011 il consigliere della terza Circoscrizione Libero Gioveni aveva persino presentato un esposto alla Procura della Repubblica (le cui indagini sono ancora in corso) per tentare di sbloccare l’annosa questione della via Portone Militare, la strada di collegamento fra i villaggi di Camaro e Bordonaro, dove da più di 3 anni insiste una grossa frana “corredata” da altri piccoli smottamenti inseriti in un quadro viario e infrastrutturale desolante nel quale regnano assoluto degrado, abbandono e ad altre minacce per la pubblica incolumità.

Leggi il seguito di questo post »

Cracolici invita a non essere ipocriti, dopo aver tenuto un corso di ipocrisia durato circa 4 anni

Che faccia tosta onorevole. Adesso gli ipocriti sarebbero quelli che hanno subito il tradimento della loro volontà da un loro rappresentante politico. Si perché è oggettivo che Cracolici, Lumia e soci hanno usato il consenso elettorale per attuare una politica perfettamente opposta alla volontà degli elettori del PD siciliano, alleandosi con Lombardo e facendo da stampella al suo governo. I risultati sono davanti agli occhi di tutti.

Forse per scimmiottare Grillo il nostro onorevole, capo gruppo del PD all’ARS, ha rilasciato delle dichiarazioni che considerare ipocrite sembra un eufemismo. Ne pubblichiamo 3:

Cracolici 1: -“Riteniamo chiusa la fase del sostegno al governo tecnico, anche perché alla luce degli assessori recentemente nominati da Lombardo, non c’è più un governo tecnico. Adesso si apre una nuova fase che deve portarci a costruire un’alleanza tra le forze progressiste, moderate ed autonomiste in vista delle elezioni di fine ottobre”.

Leggi il seguito di questo post »