Manifestazione culturale nella Parrocchia di S. Luca Evangelista. “Tra Vangelo e Arte: un’alleanza feconda”. “Dalle tenebre alla luce”


 

Simone, Vadalà Fierro, Bellinghiere, Vadalà, Carrozza

In occasione della Festa di Pentecoste si è svolta pressola Parrocchiadi S. Luca Evangelista di Messina una interessante Kermesse Culturale dal titolo: “Tra Vangelo e Arte: un’alleanza feconda”. Coniugando insieme Poesia, Pittura e Musica, si è cercato di focalizzare come il connubio di queste espressioni dell’arte, se sapientemente incanalato in un percorso di fede, crea un’intesa feconda conla Paroladi Dio e fa dell’artista un Artista Cristiano, facendo assurgere l’arte stessa alla dignità dì Arte Sacra. Il Parroco Mons. Tindaro Cocivera, promotore di questa iniziativa, nel suo intervento ha auspicato chela Parrocchiapossa aprirsi più frequentemente a queste pregevoli manifestazioni che edificano gli animi, offrono spunti di riflessione e danno l’opportunità di fare catechesi coinvolgendo, allietando e insegnando nello stesso tempo.

Ha condotto la serata il Diacono Dott. Salvatore Bellinghiere che ha incentrato il suo intervento sul tema: “Dalle tenebre alla luce”. Fonte della sua riflessione sono state le poesie di argomento religioso della poetessa Teresa Vadalà Fierro, tratte dalla silloge “Nei sentieri dell’anima” edita dalla Casa Editrice “II Convivio” a cura di Enza Conti. 

Le liriche sono state abbinate per il percorso catechetico alle opere pittoriche dell’Artista Maria Lidia Simone, esposte per l’occasione in un’ala della Chiesa. Nel suo excursus il Diacono ha sottolineato come l’uomo, devastato da mille situazioni della vita che lo pongono in uno stato  di “Conflitto” e di “Tempesta” dell’anima (sono i titoli delle opere pittoriche), fra mille reti che “imbrigliano” il suo cuore, possa finalmente incontrare quel Gesù che trasformerà la sua vita proiettandolo “dalle tenebre alla luce”, versola Resurrezione, verso la sua Pasqua. La prof.ssa Maria Vadalà ha sottolineato che l’amore in senso assoluto rappresenta il filo conduttore della poetica della poetessa.

La ricerca del perfezionamento interiore  si espande per entrare in comunione con l’umanità, il messaggio appare ricco di valori aperti ad una dimensione universale e le tematiche spaziano dal personale al sociale.

Il Diacono Dott. Nicola Carrozza si è soffermato su alcune liriche particolarmente pregne di religiosità e di spiritualismo, commentandole e interpretandole in modo magistrale ed erudito.La Pittrice MariaLidia Simone ha presentato le sue opere pittoriche mettendo in risalto come la sua arte nasca dall’esigenza di voler esprimere con i colori i segreti dell’inconscio, il suo linguaggio universale deve sublimarsi a tal punto da diventare poesia dell’anima.

 

Quadri di Maria Lidia Simone

Per questo motivo accanto alle tele di pura ispirazione religiosa ha accostato dipinti riguardanti la natura, per abbracciare con i suoi colori quelle che sono le opere meravigliose che Dio ci ha donato. Il sodalizio artistico e spirituale con la poetessa Vadalà le ha rese protagoniste  insieme in importanti Concorsi Artistici e Letterari. La poetessa Teresa Vadalà, dopo aver definito la poesia come voce che squarcia i silenzi, luce che illumina le tenebre, mezzo che fa raggiungere la dimensione del divino, ha affermato che nella sua poetica campeggia sovrano il tema religioso. Ha poi dato una forte testimonianza sul suo cammino di fede parlando del suo incontro con un Dio che ha fatto irruzione nella sua vita facendosi riconoscere vivo e presente nella natura, nella sua vita, nel prossimo, un Dio che ha trasformato la sua vita e ispira le sue liriche.

La manifestazione è stata scandita piacevolmente da intense melodie tratte dal  repertorio classico eseguite all’organo dal M.° Caterina Celesti con la partecipazione del Coro Parrocchiale e delle voci soliste di Rosanna Merlino e Ketty Oliva. La serata si è conclusa con la  testimonianza di Ugo Fierro e  di Emanuele Ruggeri che si sono soffermati sul cammino di fede che “dalle tenebre” li ha portati “alla luce” grazie alla scoperta di Gesù nella loro vita. Le liriche interpretate dall’Autrice Teresa Vadalà sono state proiettate da Rita Cocivera in power point, insieme alle immagini dei quadri di Maria Lidia Simone, per offrire al pubblico l’opportunità di seguire con più attenzione e consapevolezza. Il ricavato della vendita dei libri dell’Autrice e parte di quello della vendita dei quadri della pittrice, sono stati devoluti in beneficenza per il sostegno del  Seminario Arcivescovile S. Pio X.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: