L’esercito dei moderati


di Alessandro Robecchi (il manifesto)

Dunque, vediamo se ho capito bene. Montezemolo non vuole naufraghi del Pdl, che comunque non arriverebbero alle scialuppe nemmeno con un salvagente o corrompendo i marinai, e se ci riuscissero gli bagnerebbero i sedili Frau della Ferrari. Nomi nuovi: brilla l’astro di Beppe Pisanu, uno che già Nitti nel ’21 considerava troppo anziano per la cosa pubblica, mentre Stracquadanio non si sente naufrago della seconda Repubblica, parole sue. Alfano va a farsi applaudire dai suoi aspiranti formattatori, e poi a farsi apprezzare dai futuri formattati.I suddetti formattatori del Pdl tuonano frasi roboanti e poi battono le mani alla Gelmini. Berlusconi teorizza che si può stampare moneta quando si vuole – tipografi a casa nostra –, persino i suoi gli ridono dietro
e, non visti, avvicinano l’indice alla tempia
per descriverne lo stato psicofisico. Formigoni
presenzia alla riunione dei seniores del
Pdl davanti a una platea semideserta accolto da un festoso ticchettare di dentiere, mentre ogni giorno gli piove in testa una tegola.
In tutto questo non mancano i bontemponi che si accaniscono nel voler «unire i moderati», alcuni dei quali presentano ricette ultraliberiste
sostenendo che hanno funzionato
benissimo fino ad ora. Casini immagina
nuove alleanze, i finiani li stanno cercando
con le unità cinofile – forse sono finiti in un
crepaccio – e non si ha notizia nemmeno dei diniani, qualunque cosa siano, forse un’entità
gassosa. I vecchi colonnelli di An vagano
tra le macerie con aria spiritata e puntano
sul carisma della Santanché, mentre Giulio
Tremonti concede interviste per dire che la finanza è cattiva, lui è buono, il cioccolato fa venire i brufoli, e lui l’aveva detto.
Questo esercito disperso e litigioso è lo stesso che aveva promesso un milione di posti di lavoro, un nuovo miracolo italiano, una
rivoluzione liberale (ovvio) e meno tasse per
tutti. Gli stessi che assicurarono al paese che
la crisi era propaganda, che bisognava essere
ottimisti e che avrebbero impedito ai comunisti
di prendersi il paese, anche se quelli
non ci pensavano nemmeno lontanamente.
Ecco. Se ho capito bene.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: