Un grande corteo a Gallico e un’assemblea pubblica nel cuore di Reggio Calabria, per chiedere la riapertura immediata del Cartella

La notte tra il 14 ed il 15 maggio 2012 un attentato incendiario devastava il c.s.o.a. Angelina Cartella, oggi sottoposto dal magistrato a sequestro preventivo. Nei dieci anni di iniziative sociali, culturali e politiche, il Cartella è stato oggetto di ben tre attentati incendiari e di una miriade di danneggiamenti e provocazioni, episodi sempre minimizzati dalle istituzioni locali, subito pronte a etichettare questi fatti come “ragazzate”, o banali scontri tra “bande” di giovinastri tifosi dell’estrema destra o dell’estrema sinistra.
Un incendio questo che segue una serie di intimidazioni denunciate all’inizio di maggio, denunce che avrebbero potuto evitare tutto ciò. Leggi il seguito di questo post »

Francesca Borgia va “Controcorrente”

Diplomi e lauree taroccate: in Italia i controlli ci sono?

Non è una novità che riguarda solo cittadini con ruoli pubblici, ma un fatto globale quello di millantare titoli di studio che molto valgono quanto aria fritta o non ci sono proprio.

Dopo il caso della laurea albanese del “trota”, Renzo Bossi (che non definiamo “fantomatica” per rispetto della magistratura inquirente) e di altri fieri esponenti “padani” che ha fatto sollevare più di un punto interrogativo, in Italia e non solo viene da chiedersi quanti millantatori ci siano in giro e come fare a smascherare l’esistenza o la validità di un titolo. Leggi il seguito di questo post »

Il Festival di Locarno premierà il produttore americano Arnon Milchan

Il prestigioso Festival del film di Locarno, ormai alla 65.a edizione, premierà quest’anno (dall’1 all’11 agosto) uno dei produttori cinematografici indipendenti americani di maggiore successo degli ultimi venticinque anni.

di Francesco Saija

Il premio “Raimondo Rezzonico” è stato istituito nel 2002 in memoria di colui che ha presieduto il Festival per quasi venti anni. Il premio viene attribuito ogni anno a un grande produttore del cinema indipendente. Leggi il seguito di questo post »

Operazione Eolo, 9 rinvii a giudizio

PATTI (MESSINA) – Il Gip di Patti, Ugo Molina, ha disposto nove rinvii a giudizio e un proscioglimento nell’ambito dell’udienza preliminare del processo scaturito dall’operazione Eolo, che nell’ottobre di due anni fa portò anche all’arresto del sindaco di Raccuja, Cono Salpietro, e di due imprenditori accusati di ingerenze su un appalto per la realizzazione del parco eolico nel comune nebroideo. Sono stati rinviati a giudizio, oltre al primo cittadino, Leo Palazzolo, Michele Tripoli, Calogero Manera, Leo Tripoli, Riccardo Palazzolo, Carmelo Salpietro, Calogero Astone e Giuseppe Astone. Sono accusati di concussione in concorso.

Leggi il seguito di questo post »

Crisi, laureati in fuga dall’Italia: così il paese affonda

Il 44% dei giovani laureati italiani, otto punti percentuali in più rispetto a quattro anni fa, è pronto a lasciare l’Italia per trovare all’estero quelle opportunità di lavoro e carriera che il nostro paese non riesce più ad offrire: è l’allarmante e impietoso risultato della ricerca effettuata da AlmaLaurea, che ha coinvolto circa 215mila giovani, radiografia impietosa di un Paese alla deriva, alla faccia dei ‘bamboccioni‘ e dei ‘giovani che vogliono lavorare vicino a mamma e papà‘ ribaditi ciclicamente in pubblico da una classe politica a dir poco miope. E l’inquietante interrogativo resta inevaso: se le forze migliori se ne vanno, cosa resterà dell’Italia?

La piazzetta della”fanghiglia”

La piazzetta dell’acqua, una delle opere di arredo urbano, sembra essere diventata la piazzetta della fanghiglia ed in alcune vasche proprio l’acqua – elemento ispiratore della sua architettura – adesso manca del tutto. Ecco come Messina rischia di morire, nel degrado,  giorno dopo giorno. Il resto lo fa l’inciviltà dei messinesi incapaci di tenere pulito qualunque luogo pubblico, nuovo o vecchio che sia. Anche quando, come in questo caso, di cestini per la raccolta dei rifiuti ce ne sono due proprio nelle immediate vicinanze della piazzetta. La piazzetta realizzata davanti all’ingresso dell’Inps è stata inaugurata come tutte le altre – tra la via Garibaldi e la Via Vittorio Emanuele – nel dicembre del 2010 dal sindaco Giuseppe Buzzanca e necessità già di interventi piuttosto importanti. Lo stop ad un degrado che sembra inevitabile è rappresentato dai bandi di gara per l’affidamento delle piazzette ai privati, che potranno valorizzarle a dovere con l’obbligo di prendersene cura.

Mafia: procuratore Caltanissetta, identificati autori inseguimento Viola

(Adnkronos) – E’ durato solo poche ore il giallo dell’inseguimento in autostrada al procuratore capo di Trapani Marcello Viola, avvenuto sulla Palermo-Mazara del Vallo. La procura di Caltanissetta, che indaga per competenza territoriale, ha identificato gli autori dell’inseguimento. A darne conferma all’Adnkronos e’ il procuratore capo Sergio Lari che coordina l’inchiesta: “Fortunatamente i timori iniziali sono stati accantonati, abbiamo fatto luce sulla vicenda e identificato gli autori”. Di piu’ il procuratore che indaga anche sulle nuove indagini sulle stragi di Capaci e via D’Amelio, non ha voluto aggiungere. La notizia dell’intimidazione al procuratore capo di Trapani Marcello Viola e’ trapelata questa mattina anche se risale a un mese fa. Nel frattempo e’ stato aumentato il dispositivo di sicurezza per il magistrato.

Liberare l’Italia da mafiosi assassini e sponsor politici

di fabio marcelli (Il fatto quotidiano)

Le bombe di Brindisi ripropongono in modo drammatico il legame fra eversione e mafia, ovvero di una mafia che non esita di ricorrere alla strage pur di riaffermare il proprio sistema di potere legato alla politica e agli affari. Questo ci riporta indietro negli anni al quinquennio 1978-1982, dall’uccisione di Aldo Moro a quella di Pio La Torre. Anche allora, come oggi, si trattava di imporre al Paese scelte difficili e indigeste. Ne seguirono il CAF e poi Berlusconi. E oggi? Fare luce sui delitti di trent’anni fa può servire anche a capire meglio la situazione odierna. Leggi il seguito di questo post »

Mafia: legato a cosche uomo ucciso ieri sera in provincia di Enna

S’indaga negli ambienti mafiosi per ricostruire l’agguato di ieri sera a Catananuova (in provincia di Enna), dov’é morto Prospero Leonardi, 30 anni, mentre un altro uomo, Angelo Drago, 42 anni, rimasto ferito, e stato trasportato nella notte al ‘Civico’ di Palermo. Leonardi é cognato di Antonino Mavica, arrestato nel maggio dello scorso anno insieme ad altre 10 persone, tra cui Salvatore Leonardi, cognato di Angelo Drago, ferito nell’agguato di ieri sera. (Ansa.it)

Viale Europa: le incognite sono ancora di casa. Snobbato anche il “tavolo per la sicurezza”

Messina –  Ancora niente risultati delle verifiche statiche sulla sua struttura portante! Ancora nessuna ispezione all’alveo del torrente sottostante! Ancora nessun provvedimento viario contro la continua oppressione dei Tir! E, come se tutto ciò non bastasse, ancora nessuna convocazione del “tavolo per la sicurezza” deliberato dal Consiglio Circoscrizionale! Il consigliere della terza Circoscrizione Libero Gioveni, da sempre preoccupato per la superficialità con la quale viene affrontata la questione della sicurezza sul viale Europa, invoca la necessaria e definitiva chiarezza all’amministrazione comunale in merito alle grandi incognite che investono ormai da anni la centralissima arteria.

Leggi il seguito di questo post »