Messina e la protezione inCivile


Un incendio di vaste proporzioni ha interessato la contrada Castello di Gesso minacciando da vicino diverse abitazioni e distruggendo decine di alberi e macchia mediterranea.

L’incendio sviluppatosi intorno alle 23.15 di domenica 20 maggio, ha impegnato fino ad oltre le 4 del mattino i Vigili del fuoco di Messina ed una squadra di Milazzo.

La disavventura vissuta  questa  notte da alcune famiglie di Gesso ci induce a riflettere sullo stato della struttura organizzativa che dovrebbe proteggere l’incolumità  dei Cittadini e che – nei paesi civili – si chiama protezione civile.I vigili del Fuoco sono intervenuti prontamente ed hanno spento il primo incendio, ma nel frattempo altri focolai alimentati dalle forti raffiche di scirocco, si sono estesi rapidamente minacciando alcune abitazioni.

In questa drammatica situazione i Vigili del fuoco hanno esaurito rapidamente l’acqua della prima autobotte ed hanno dovuto attendere l’arrivo della seconda autobotte   dalla caserma di Messina.

Durante questa inoperosa attesa il fronte del fuoco si è ingigantito diventando incontrollabile.

L’assurdo di questa situazione è che mentre si attendeva con trepidazione l’arrivo dell’autobotte, i Vigili del fuoco si trovavano a poche decine di metri da centinaia  di tonnellate di acqua contenute nella grande cisterna di Gesso, dell’Amam.

E’ mai possibile che in un paese che vuol dirsi civile i Vigili del Fuoco per rifornirsi di acqua per interventi di emergenza debbano essere costretti a trasportarla da oltre 20 km.?

E’ mai possibile che i grandi consulenti ed esperti dell’Amministrazione comunale e della protezione civile, non sappiano copiare quello che in tutti i paesi del mondo è la normalità?

In tutti i paesi civili,  in ogni frazione, se non in tutte le strade, esiste un punto di rifornimento di acqua per i pompieri.

Basterebbero poche centinaia di euro per creare dei punti di prelievo nelle cisterne dell’acquedotto, da utilizzare esclusivamente per le emergenze.

Soprattutto nei villaggi collinari la disponibilità di un punto approvvigionamento di acqua è indispensabile per poter fronteggiare con successo l’avanzare di un incendio.

Soprattutto in condizioni di forte vento la tempestività dell’intervento è condizione indispensabile per controllare e domare un incendio.

Il ritardo dovuto all’attesa dell’arrivo della seconda autobotte ha fatto vivere a dei giovani ragazzi la terribile esperienza di essere letteralmente buttati dal letto, nel mezzo della notte,  e vedere la propria casa minacciata a pochissimi metri da lingue di fuoco alte 4 – 5 metri che divoravano gli amati pini e cipressi e… solo per fortuna, questa volta non si è andati oltre.

Vi racconto questa terribile ed indimenticabile nottata solo con la speranza che qualcuno, che riveste incarichi di responsabilità, provi un minimo di rossore e faccia quello che…… normalmente….. gli amministratori nei paesi civili fanno.

Grazie, e buona vita                            Sebastiano Pino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: