Messina, 17 – 19 maggio: Malattie muscolari, terapie e presa in carico dei pazienti al centro del 12° Congresso Nazionale dell’AIM


Quali sono i nuovi scenari terapeutici nel trattamento delle malattie muscolari? Quali le nuove tecniche capaci di migliorare la diagnosi? Sono solo alcuni degli interrogativi a cui cercheranno di rispondere i medici e gli studiosi, italiani e stranieri, riuniti – dal 17 al 19 maggio – a Baia Samuele (Scicli) per il 12° Congresso Nazionale dell’Associazione Italiana di Miologia (AIM). Organizzato dal presidente AIM prof. Antonio Toscano – dell’UOC di neurologia e malattie neuromuscolari dell’AOU policlinico “G. Martino” e responsabile  del centro di riferimento per le malattie neuromuscolari per la regione Sicilia –  il convegno affronta aspetti clinici, biochimici, genetici, terapeutici e strutturali riguardanti il trattamento e la gestione dei pazienti con malattie muscolari. Patologie, quelle oggetto dell’incontro di studi, che continuano ad avere una incidenza notevole sulla popolazione; l’obiettivo principale è quello di migliorare i modelli clinici e socio assistenziali per la diagnosi, la terapia e la presa in carico dei pazienti con malattie rare.

Una problematica, quest’ultima, da non sottovalutare quando si parla di patologie che di frequente  provocano disabilità e che sarà affrontata anche nel corso di una tavola rotonda programmata con i rappresentanti delle associazioni dei pazienti.

L’attenzione sarà focalizzata soprattutto su distrofie muscolari, atrofie muscolari spinali, malattie mitocondriali e miopatie da accumulo di glicogeno. Tra gli argomenti che verranno trattati vi è anche quello relativo all’approccio anestesiologico in pazienti con malattie muscolari, aspetto che merita una attenzione particolare. 

Tra gli esperti presenti numerosi studiosi nazionali e anche diversi nomi illustri e di fama internazionale, come  il prof. Salvatore Di Mauro(Columbia University di New York) – uno dei padri fondatori della medicina mitocondriale e tra i primi ad aver definito le basi di molti difetti genetici – il prof. Zohar Argov (Università di Gerusalemme), attuale presidente dell’European Neurological Society (ENS) e il prof. Benedikt Schoser (Università di Monaco).

Coniugare assistenza e ricerca; questo dunque uno dei fattori essenziali per il trattamento delle patologie muscolari e neuromuscolari; una attività che già da 40 anni il centro dell’AOU “G. Martino” compie e che adesso sarà integrata in un’unica struttura altamente specializzata: “Nemo Sud”, il centro di riferimento per il sud Italia pensato e concepito secondo il modello, già attuato e funzionale, dell’omonima realtà  presente all’interno dell’ospedale Niguarda di Milano.

Annunci
Pubblicato su Sanità. Leave a Comment »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: