Calcio Europeo: “Amalo, pazzo City amalo”… Terzo titolo per i Citizens

di Francesco Carini

Un weekend così non se lo aspettava proprio nessuno. Se lo spettacolo è stato il protagonista della finale di coppa di Germania giocata sabato, le emozioni e la tachicardia hanno caratterizzato gli ultimi minuti di Premier League.

In terra teutonica si è assistito al “Double” del Borussia Dortmund di JürgenKlopp, che ha travolto per 5 a 2 il Bayern Monaco con le reti di: Kagawa, Blaszczykowski, Hummels, Lewandowski e  Piszczek, deliziando il suo pubblico, andato in visibilio per il secondo trofeo stagionale vinto dopo la Bundesliga conquistata la settimana scorsa. Leggi il seguito di questo post »

Una marea di bandiere rosse inonda la capitale

Ieri, una Roma estiva (quasi trenta gradi) ha visto sfilare da piazza della Republica e per via Cavour fino al Colosseo una immensa marea di bandiere rosse.

di Citto Saija

Come una locomotiva a vapore che va sempre più di corsa almeno quarantamila persone motivate e militanti hanno gridato il loro no al governo dei banchieri e dei neoliberisti. Leggi il seguito di questo post »

Da Palermo e da Napoli: la giusta strada da percorrere

Dalle elezioni amministrative del 6 e 7 maggio viene fuori un segnale ben preciso: mandare a casa, intendo alle elezioni politiche, i ceti politici decotti per potere dare finalmente il via alla terza Repubblica.

di Citto Saija

Intanto bisogna esultare perché la destra è ormai una “statua in frantumi”. Il cavaliere, per non piangere, ha deciso di “scialarsi” partecipando alle pacchianissime feste (penso alle immagini del film “La congiura dei boiardi”) del neoeletto ex comunista (sovietico) Putin. Leggi il seguito di questo post »

Appello del Comitato “La Nostra Città” alle Organizzazioni Politiche e Sociali: “Salviamo Messina con vigore e senza violenza.”

La lenta agonia dell’amministrazione che occupa Palazzo Zanca sta trascinando,oltre ogni limite,al degrado e alla ingovernabilità futura il Comune di Messina. Probabilmente la soluzione migliore sarebbe quella di accettare subito l’evidentissimo dissesto finanziario e il conseguente commissariamento. Purtroppo, dobbiamo credere che, invece si continuerà a procedere fino all’ultimo respiro. In questa confusione politica, invece di pensare a programmare responsabilmente a delle ipotesi possibili e praticabili, è partita una folle corsa alle autocandidature. Neppure le ultimissime esperienze elettorali e la vergognosa legge elettorale votata all’Ars riescono a frenare le autoreferenzialità e le furbate del solito inossidabile ceto politico. Leggi il seguito di questo post »

Alla “Libreria Circolo Pickwick” presentazi​one di “Abbraccio” del maestro Piero Blanca

Il maestro Piero Blanca

Mercoledi 16 maggio p.v.  alle ore 20,00 si svolgerà alla Libreria Circolo Pickwick la presentazione del CD del Maestro Piero Blanca, “Abbraccio”. L’ingresso è libero.

La Grecia insegna: i moderati possono essere sorpassati

Ho recentemente scritto, ad urne chiuse, che la gente anche in Italia vuole programmi di sinistra.

di Citto Saija

E sostenevo, alla luce della storia, che di fronte alle tirannidi bisogna fare le rivoluzioni. Sono i popoli che devono decidere della loro vita e non i ceti politici al servizio dei mercati e delle politiche neoliberiste.

Dalla Francia alla Grecia, ma anche dall’Italia, cominciano ad arrivare segnali di sinistra. Leggi il seguito di questo post »

La festa della Magnolia

Lunedi 28 maggio, dalle 9h30 alle 12h30, il Comitato di Sostegno allargato, dopo numerosi incontri e contatti, in una riunione con la prof.ssa Giovanna De Francesco, dirigente del plesso scolastico Villa Lina, e il Presidente del V Quartiere Alessandro Russo, ha fissato al 28 maggio la Festa della Magnolia.
Si tratta per noi di una cerimonia simbolica per consegnare il Parco ai ragazzi di Giostra. Saranno sicuramente presenti l’Achitetta Sartori, progettista e direttrice dei lavori, alcuni assessori e probabilmente anche il sindaco Buzzanca. I ragazzi del plesso scolastico offriranno uno spettacolo di circa un’ora mezzo. All’ombra della Magnolia.

Energia: azienda ragusana brevetta pannello fotovoltaico innovativo

Ragusa – Dopo i primi tre brevetti europei di successo, la Cappello Alluminio di Ragusa, azienda di spicco della Sicilia che innova, finalista lo scorso anno al Confindustria Awards for Excellence, ha presentato nei giorni scorsi al ‘Solarexpo’ di Verona il quarto originale sistema brevettato di pannello fotovoltaico integrato con caratteristiche innovative. Si tratta del sistema di copertura solare ”Coversun FaldaUnica”, una variante del primo sistema integrato con caratteristiche innovative che era nato per ben inserirsi su travi a ”Y” di capannoni industriali conferendo versatilita’ a pannelli di efficienza elevata e di cui l’azienda ragusana e’ detentrice del brevetto europeo. Il sistema ”Coversun FaldaUnica”, che adotta il pannello ”Micron” di altissima qualita’ ed efficienza con celle in silicio mono e policristalline, prodotto negli stabilimenti siciliani del gruppo industriale Cappello Alluminio, e’ rivolto a famiglie e piccole imprese. Infatti e’ proprio il pannello siciliano a fungere da tegola di copertura.

Leggi il seguito di questo post »

Viaggio nell’Azienda Trasporti di Messina. Sull’orlo della bancarotta. Ecco perché

MESSINA. «Gli autobus in circolazione per la città non basterebbero a contenere la moltitudine di persone che lavorano nell’azienda municipalizzata di trasporto». Eugenio, impiegato, da 2 ore alla fermata dell’Atm di viale Annunziata, senza volerlo, con una metafora dà il senso del fallimento del servizio di trasporto urbano della città di Messina. Fallimento economico, con debiti che toccano i 38 milioni di euro e azienda che il socio unico Comune vorrebbe mettere in liquidazione; e fallimento della qualità del servizio: 40 bus sulle strade a fronte di un piano di esercizio che ne prevede 80, corse soppresse e attese infinite alle fermate. Claudio Conte, direttore generale dell’Atm da 15 anni, spiega: «Il servizio di trasporto in tutte le città è in perdita e deve essere assistito dal Comune sulla base di contratti di servizio. Palazzo Zanca non l’ha mai sottoscritti e ci deve dare 13 milioni di euro.  Senza risorse non possiamo fare investimenti in mezzi e siamo costretti a tagliare le corse e in questo modo otteniamo meno contributi dalle Regione».

Leggi il seguito di questo post »

Messina. Il segr. gen. della Cgil di Messina, Oceano, al sindaco: “Tenta di intimorire il sindacato

Messina – Il segretario generale della Cgil di Messina, Lillo Oceano, interviene sull’annuncio da parte del sindaco di Buzzanca di ricorrere a vie legali contro il sindacato e le lavoratrici che protestano. “Il sindaco Buzzanca è evidentemente nervoso per i risultati pessimi della sua gestione del Comune di Messina. Pessima gestione che, al di là di qualsiasi valutazione politica, è la causa diretta delle gravi conseguenze subite da lavoratrici e lavoratori dei settori che, direttamente o indirettamente, dipendono dall’Amministrazione comunale. Così come pure delle difficoltà di quelle aziende dipendenti dai pagamenti per commesse, appalti e forniture dell’Ente locale. Certo le condizioni di indebitamento del Comune di Messina erano serie anche prima del suo insediamento.  Ma non è contestabile la circostanza che in questi quattro anni di gestione il sindaco/deputato Buzzanca abbia portato la città dentro il baratro, aumentando l’indebitamento, portando il Comune a violare il Patto di Stabilità e, quasi sicuramente, al dissesto. Come non è contestabile la circostanza che questi errori e questi rischi siano stati ripetutamente segnalati dalla CGIL ai tavoli di trattativa, nei dibattiti, sugli organi di informazione. A  quelle segnalazioni, a quelle critiche  e alle proteste il Sindaco ha sempre dato risposte elusive e sprezzanti. Quando la CGIL denunciava le condizioni critiche dei conti comunali, la risposta era che la CGIL prendeva i numeri su Marte e che l’Amministrazione stava risanando il bilancio. S’è visto! Quando la CGIL ha chiesto di intervenire sui servizi sociali per la presenza di cooperative che non rispettavano i diritti dei lavoratori e si sono chieste misure a salvaguardia di  lavoratori che avanzavano 7/8 stipendi, non si è fatto nulla e quando abbiamo protestato abbiamo trovato ai  tornelli le liste di proscrizione che vietavano l’accesso alla casa comunale a lavoratori e dirigenti sindacali.

Caro Monti, facciamo due conti

(www.sbilanciamoci.info)

Il presidente del Consiglio ha invitato gli italiani a segnalare gli sprechi da eliminare. La campagna Sbilanciamoci! ogni anno pubblica una “controfinanziaria” con proposte per evitare gli sprechi e usare la spesa pubblica per i diritti, la pace e l’ambiente. Ecco qualche consiglio a Monti

Legalità e giustizia fiscale: Leggi il seguito di questo post »

PELI E PIUME ANIMALI PER “RICOSTRUIRE” DITA UMANE

fotomontaggio di Pippo Martino

Dalla fisiologia animale potrebbero arrivare nuove applicazioni per la medicina rigenerativa. Un nuovo studio della University of Southern California negli Usa suggerisce infatti che dita delle mani e dei piedi potrebbero essere ricostruite sfruttando gli stessi sistemi con cui gli animali rigenerano peli e piume. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Physiology. Lo studio si è
concentrato su come le zone al di fuori del follicolo regolino le attività di cellule staminali di peli e piume. (AGI)

L’oro è già finito, ormai si vende anche l’argento

foto di Alessia Muccio

foto di Alessia Muccio

di Carlo Lania

Il segno che la situazione stava precipitando gli agenti della questura di Roma lo hanno avuto l’anno scorso quando, nel corso di un’ispezione a uno dei tanti compro-oro spuntati un po’ ovunque, in mezzo a orologi, catenine e anelli hanno trovato anche dei denti d’oro. Una sorpresa che di certo non si aspettavano. «Possiamo fare due ipotesi», spiega Edoardo Calabria, dirigente del Dipartimento della polizia amministrativa. Leggi il seguito di questo post »

TRIPOLI: UNA NUOVA ONDATA È POSSIBILE

di S. Li.

“Temiamo un peggioramento sul fronte dell’immigrazione clandestina». Con un annuncio a effetto che ricorda quelli che faceva a suo tempo Muammar Gheddafi, il ministro degli esteri transitorio libico Ashour Bin Khayal ha esortato l’Italia e l’Europa a occuparsi di un problema che potrebbe investirle nelle prossime settimane: una ripresa degli arrivi di immigrati a Lampedusa o sulle sponde siciliane. In realtà, le parole del capo della diplomazia libica suonano assai ambivalenti: dopo aver proferito il suo avvertimento, infatti, Bin Khayal ha aggiunto che «la situazione adesso non è così grave ma gli indicatori mostrano che le cose potrebbero peggiorare. Leggi il seguito di questo post »