Laicità vo cercando

di Marcello Vigli

Nel dicembre scorso Italialaica titolava Laicità vo cercando un mio editoriale che invitava, fra l’altro, a riflettere sul comportamento ispirato all’indifferenza dell’associazionismo laico in merito alla nomina di una preside del Liceo privato paritario Malpighi di Bologna a sottosegretaria della PI. che ha rappresentato il più duro colpo inferto alla laicità delle istituzioni in tutta la storia repubblicana. Essendo la scuola fra le pubbliche istituzioni quella in cui più delle altre dovrebbe regnare la cultura della laicità. Leggi il seguito di questo post »

Uso terapeutico dei farmaci cannabinoidi

L’uso terapeutico dei farmaci cannabinoidi è da oggi regolamentato da una legge regionale! Un traguardo di civiltà, un esempio di buona politica raggiunto oggi con la discussione e approvazione di un testo unificato e condiviso, ad oltre un anno dalla presentazione di due proposte in tema, una di cui sono prima firmataria e l’altra di consiglieri PD. Si tratta di una legge che, non travalicando i limiti imposti alla competenze regionali, da certezze sull’accesso a questi farmaci uscendo dal labirinto attuale che di fatto lo limitava fortemente pur permettendolo, cioè fino ad oggi lasciando tale possibilità alla conoscenza dei pazienti e o del medico, alla buona volontà di quest’ultimo o al fatto che l’Asl di competenza fosse attrezzata. Leggi il seguito di questo post »

Anche gli schiavi possono avere una ‘fratellanza’

di Giuseppe Restifo

A prima vista la città portuale di Messina nel 16° secolo si presenta come un grappolo di identità: un “cluster” in cui anche gli schiavi hanno la loro fratellanza, affiancandosi ai gruppi di fiorentini, genovesi, catalani, greci, pisani. Ognuna di queste comunità ha le proprie organizzazioni e proprie forme di identità: sembra proprio un grappolo d’uva.

L’acino scuro del grappolo è rappresentato dalla confraternita degli schiavi, che avevano trovato la loro sede nella chiesa di San Marco, “cercando conforto in una religione spesse volte imposta loro”. Leggi il seguito di questo post »

UN SEMINARIO SUL TEMA DELLE DIVULGAZIONI SPAZIALI

Nell’ambito delle molteplici e variegate iniziative culturali promosse ed organizzate dall’Itt “Ettore Majorana” di Milazzo, si è svolta, nell’aula magna dell’istituto un seminario di studi aperto al territorio, affidato alla competenza Sul tema delle “Divulgazioni e delle attività spaziali” dell’ingegnere Claudio Portelli, dell’ASI (Agenzia spaziale italiana), ex alunno dell’istituto tecnico di via Tre monti. Leggi il seguito di questo post »

Green Hill, quando l’animalismo diventa spettacolo

di rolando la canna

Sul fatto che posti come Green Hill vadano chiusi per sempre siamo tutti d’accordo. Ma se credete che i problemi degli animali in Italia si limitino solo a Green Hill siete fuori strada. Non si parla d’altro, dopo il blitz in cui sono stati liberati i beagle, poi sono stati tutti pronti a riempirsi la bocca. Davanti alle telecamere o su Facebook.
Già il blitz in sè è una enorme bufala e fonte di preoccupazione per la sorte di quei cani. Le liberazioni si fanno in silenzio, magari di notte. Non certo a volto scoperto davanti a un migliaio di persone e altrettante telecamere, telefonini e poliziotti. Leggi il seguito di questo post »

Mafia e MUOS: parenti, amici o “passavamo per caso”?

di Antonio Mazzeo

Il primo maggio a Niscemi centinaia di ragazzi da tutta la Sicilia concludono tre giorni di protesta (pacifica e gioiosa) contro il Muos, la megacentrale rischia di mandare in pezzi l’economia e la natura del cuore della Sicilia. Ma perché ce l’hanno tanto col Muos? Di che si tratta? E chi ci fa affari?

Si dice che sono contiguo alla criminalità organizzata? Ed io chiudo e licenzio tutti… Leggi il seguito di questo post »

Orto Botanico di Messina: Incontro annuale per gli appassionati di piante grasse

Nell’ambito delle attività dell’Orto Botanico “Pietro Castelli”, sabato 19 e domenica 20 maggio 2012 si svolgerà   presso l’Orto Botanico l’annuale incontro per gli appassionati delle Piante Grasse.
Nei viali dell’Orto sarà allestita un’esposizione di piante grasse supportata da pannelli esplicativi che tratterà degli “ Usi tradizionali delle piante grasse ”.  
Sabato   e domenica pomeriggio si svolgeranno nella cavea dell’Orto due dimostrazioni pratiche:

– sabato ore 17,00 : “tecniche di coltivazione di Aloe e Agavi”   a cura di Gaetano Parlato

– domenica ore 17,00 : “tecniche di coltivazione di Lithops (pietre vive) e altre Aizoaceae” a cura di   Elisabetta Famà
 
Sarà presente il mercatino con vivaisti specializzati nel settore. In entrambe le giornate saranno effettuate visite guidate all’Orto alle ore 10 – 11 – 17 – 18.

Renzo Bossi, Trota e lode

Peppino Impastato, cento passi

peppino impastato nelle formelle di Tanino Mammanodi Francesca Frisone (Messina.Sicilians.it)

È ancora pomeriggio quando l’Ansa batte la notizia: “Cinisi si prepara a ricordare Peppino Impastato, ucciso il 9 maggio del 1978 per le sue denunce contro la mafia fatte dai microfoni di Radio Aut. Filo conduttore della manifestazione – prosegue il comunicato – saranno i temi da lui denunciati oltre 30 anni fa e ancora attuali: il nucleare, l’immigrazione e la resistenza antimafia”.

La storia di Giuseppe Impastato è una storia di impegno politico, di coscienza civile e di possibilità di cambiamento. Leggi il seguito di questo post »

Muratore coltivava 36 piante di canapa

di Markez

11 maggio 2012 –  Trentasei piante di canapa indiana sono state scoperte dai carabinieri a Caronia, in provincia di Messina, nell’appezzamento di terreno, in contrada Urzuni, di un muratore di 30 anni, Sebastiano Parisi, che è stato arrestato con l’accusa di coltivazione e spaccio di droga.

Nella sua abitazione i militari hanno poi sequestrato 12 grammi di hashish, due di marijuana e un bilancino elettronico di precisione.

Al teatro Pirandello la commedia “Felice, maestro di calligrafia”

Messina – Oggi e domani alle 18,30 presso il Teatro Pirandello (Città del Ragazzo Gravitelli) andrà in scena la commedia in due atti comici di Edoardo Scarpetta “Felice, maestro di calligrafia” per la regia di Pippo Cicciò. La rappresentazione vede impegnata la compagnia Agape Teatro Insieme ed è inserita nell’ambito della 5° rassegna teatrale a sostegno delle adozioni a distanza. I biglietti sono reperibili direttamente al botteghino del teatro. Tra gli interpreti: Nino Lanzellotti, Nella Guglielmino, Santina Restuccia, Alessandro Liotta, Maria Grazia Ramuglia, Cosimo La Rosa, Nicola Sciarrone, Lucia Patti, Lillo Cucinotta, Letizia Lucca, Angelo Pantanetti, Caterina Arena.

Leggi il seguito di questo post »

La Provincia di Messina aumenta le indennità, protestano i sindacati: “Un atto immorale”

MESSINA – Con un’autonoma determina dirigenziale del 13 aprile 2012 emanata in ottemperanza alle recenti normative regionali è stato rimodulato l’ammontare delle indennità di funzione degli amministratori (presidente ed assessori) e dei consiglieri provinciali di Messina. L’aumento ha sollevato la protesta dei sindacati che, attraverso i segretari provinciali di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Uilp di Messina, ClaraCrocè, Calogero Emanuele e Giuseppe Calapai, hanno definito l’aulemto “un atto immorale”. “È grave che i dirigenti provinciali abbiano sperperato ulteriori 200 mila euro per aumentare le indennità. Non può convincere – sostengono – nemmeno la dichiarazione del Presidente della Provincia quando dice che non era a conoscenza perchè una autonoma decisione del dirigente. È eticamente immorale a prescindere che il Presidente, assieme ad alcuni assessori, ha dichiarato di voler rinunciare”.”Quanto avvenuto – anticipano i segretari provinciale di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Uilp – ci porterà ad assumere altre iniziative di denuncia che si aggiungono a quelle già poste in essere per comportamenti antisindacali. I sindacati hanno poi convocato un’assemblea unitaria per lunedì prossimo per passare dalle denunce alle proposte”.

Disservizi e caos nella sede della terza Circoscrizione

Messina – Da ben due settimane nella sede della terza Circoscrizione di Camaro regna un disordine amministrativo senza precedenti, le cui conseguenze si riflettono negativamente soprattutto sugli utenti per i disservizi che questi quotidianamente subiscono! La denuncia è del consigliere Libero Gioveni che stigmatizza pesantemente la gestione amministrativa di una Circoscrizione che, oltre ad essere ubicata in una posizione strategica per l’intera città essendo a ridosso dello svincolo di Messina Centro, conta ben 64.000 abitanti, di fatto totalmente privi di quei servizi basilari che dovrebbero essere resi da un reale e funzionale decentramento amministrativo. Non volendo entrare nel merito di quei servizi NON RESI ai cittadini che, pur giudicati necessari per un territorio così vasto e popoloso non sono mai partiti nonostante più volte richiesti dallo stesso Gioveni (come quello per esempio del prezioso servizio di rilascio o rinnovo delle carte d’identità), in queste ultime due settimane è accaduto in particolare che la segretaria amministrativa, posta in ferie dal Dirigente al Decentramento, non è stata adeguatamente sostituita; ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata quella che nessuno fra le figure professionali in servizio, ad eccezione di un’addetta che ha l’obbligo di recarsi ben 3 giorni alla settimana nel centro servizi di Bordonaro lasciando quindi scoperta la sede principale di Camaro, possiede l’autorizzazione alla firma per le autentiche dei certificati anagrafici e di stato civile.

Leggi il seguito di questo post »

Crisi economica: rivoluzione o suicidio di massa?

di Fabrizio Vinci

Continua inarrestabile la catena di suicidi in Italia. La stretta finanziaria, operata dal governo Monti, è riuscita ad ottenere i primi tangibili quanto macabri effetti: i cittadini non riuscendo a far fronte all’immenso carico fiscale e in previsione di non poter più provvedere al sostentamento personale e dei loro cari, preferiscono togliersi la vita. Ormai quotidianamente si allunga il triste elenco di coloro che cedono alla disperazione, nell’assoluta indifferenza delle istituzioni. Il popolo italiano paga così il proprio tributo di sangue per sanare (forse) l’economia del Paese.

Dopo il fallimento della partitocrazia, conclamato dalla corruzione dilagante che ha interessato la quasi totalità delle forze politiche italiane, l’obiettivo principale dell’attuale classe dirigente è quello di tutelare ad oltranza la propria casta. Tutto ciò accade in perfetta armonia e coordinazione con gli interessi delle grandi lobby bancarie. Credere che esistano ancora divisioni politiche significa illudersi, destra e sinistra rappresentano, oggi più che mai, due facce della stessa medaglia. Leggi il seguito di questo post »

Per una politica della casa pubblica

di Claudio Gnesutta, Roberta Carlini (www.sbilanciamoci.info)

Il patrimonio immobiliare pubblico vale 400 miliardi. E si potrebbe usare per una nuova e diversa politica delle abitazioni e degli spazi di lavoro, che risponda a un bisogno sociale ampiamente diffuso, riqualifichi i territori e attivi risorse per lo sviluppo. Ecco come.

Il ricorso alla dismissione del patrimonio immobiliare pubblico per contenere la crescita dello stock del debito pubblico è un’ipotesi ricorrente nella strategia degli ultimi governi; lo abbiamo visto ultimamente nella manovra di luglio, nelle esternazioni di Tremonti in vista della successiva manovra abortita e in quelli di esponenti del governo Monti. Leggi il seguito di questo post »