Dodici indagati per la frana di San Fratello


Sono dodici gli indagati per il dissesto idrogeologico del Comune di San Fratello (Messina). Si tratta del sindaco Salvatore Sidoti Pinto, dei tecnici comunali e dei rappresentanti legali delle imprese che si erano aggiudicate gli appalti per la realizzazione dei sottoservizi, delle irregimentazioni delle acque bianche e nere e che avrebbero, lo scorso 14 febbraio, provocato il cedimento di una vasta area del comune nebroideo provocando l’allontanamento dalle proprie abitazioni di quasi 1.500 persone. Le ipotesi di reato vanno dal disastro colposo all’abuso e all’omissione in atti d’ufficio fino alla frode in pubbliche forniture.

L’inchiesta della procura di Patti nasce dalle denunce presentate da cittadini ai carabinieri e al Corpo forestale proprio sui lavori eseguiti nel 2003 e che non garantivano un corretto deflusso delle acque piovane. Le informazioni di garanzia sono state notificate agli indagati per procedere all’incidente probatorio, con la nomina dei consulenti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: