AVVIATE LE PROCEDURE DI CIGS PER CRISI ALLA TRISCELE

Messina – Nuova svolta nella vicenda della Birra Triscele. Questa mattina azienda e organizzazioni sindacali si sono incontrati all’Ufficio provinciale del lavoro per valutare la possibilità di attivazione della Cassa integrazione straordinaria. Nel corso della riunione presieduta dal direttore dell’UPL, Francesco De Francesco, l’amministratore unico della Triscele Francesco Faranda accompagnato dai suoi consulenti, ha fatto presente che nonostante l’azienda abbia già attivato contratti di solidarietà, si vede costretta a sospendere l’attività produttiva anche a causa della crisi di mercato. Le parti hanno quindi deciso di avviare le procedure di accesso alla Cassa integrazione straordinaria per crisi aziendale a decorrere dal 1° Giugno che consentirà l’accesso ad un sostegno al reddito per 12 mesi ai 43 lavoratori.
Leggi il seguito di questo post »

Assenteismo, rinviati a giudizio due dipendenti dell’università

MESSINA – Il gup di Messina Daria Orlando ha rinviato a giudizio Massimo Fiumara, 49 anni, e Salvatore La Motta, 62 anni, due dipendenti della facoltà di Medicina Veterinaria dell’università di Messina, con l’accusa di truffa e falso. Secondo l’accusa avrebbero timbrato il cartellino delle presenze l’uno al posto dell’altro. Fu l’attività di intercettazione scaturita nell’ambito di una precedente inchiesta sulla facoltà di veterinaria, a portare alla luce l’episodio.

Video, Referendum: Corrado Guzzanti traduce l’appello al referendum per i non udenti

Firenze: Presentazione del libro “LA PORTA E’ APERTA. VITA DI GOLIARDA SAPIENZA” di Giovanna Providenti

Copertina di "La porta è aperta. Vita di Goliarda Sapienza" di Giovanna Providenti

Giovedì 16 giugno dalle 18.00 alle 21.00 alla Biblioteca delle Oblate di Firenze in via dell’Oriuolo al n. 26, I piano, Sala Sezione Contemporanea, sarà presentato il libro “La porta è aperta. Vita di Goliarda Sapienza” della scrittrice e saggista messinese Giovanna Providenti. Durante l’incontro verranno letti dei brani del libro da Michela Stellabotte. La Providenti converserà con Antonella Cagnolati e Tania Maffei su la vita e le opere di Goliarda Sapienza, l’autrice di “L’arte della Gioia”.

Rapine ad anziani, arrestati due minorenni

MESSINA – La polizia ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare a Messina nei confronti di due minorenni e di Gaetano Miceli, 21 anni con l’accusa di rapina e lesioni. Secondo la polizia i tre sarebbero gli autori di almeno 8 rapine a Messina eseguite da giugno del 2010 a febbraio del 2011. In diversi episodi avrebbero rapinato degli anziani che avevano appena prelevato la pensione strattonandoli e minacciandoli con armi giocattolo. In un’occasione avrebbero rapinato anche l’esercizio commerciale Metal Bank, legando la commessa alla scala interna del negozio. Gli agenti sono riusciti a risalire ai tre rapinatori grazie alla testimonianza di un’anziana che ha riconosciuto il ciclomotore utilizzato dai banditi.

DEPURATORE SVERSA LIQUAMI NEL TORRENTE, SEQUESTRO NEL MESSINESE

(AGI)   – Sequestrato dai carabinieri della stazione di Librizzi (Messina) il depuratore comunale di contrada Ponte Mangano nel Comune di San Piero Patti. Il provvedimento firmato dal Gip del Tribunale di Patti su richiesta della Procura. A far scattare l’inchiesta qualche settimana fa le denunce di cittadini contro lo sversamento di liquami fognari nel torrente. Dai prelievi e dalle analisi chimico-batteriologiche dell’Arpa e’ emerso come l’inquinamento fosse oltre la soglia consentita. Sott’accusa la ditta di Montelepre (Palermo) che sta eseguendo i lavori di ripristino dell’impianto di depurazione, mal funzionante da anni, e che invece di prelevare i liquami non depurati dalle vasche e smaltirli avrebbe scaricato nel torrente Mangano i reflui.

Leggi il seguito di questo post »

Processo De Mauro, giudici in Camera di consiglio

PALERMO I giudici della corte d’assise di Palermo, davanti ai quali si celebra processo per il sequestro del giornalista Mauro De Mauro, sono entrati in Camera di consiglio per emettere la sentenza. Il processo era cominciato il 4 aprile 2006 e vede come unico imputato il boss Totò Riina, indicato come mandante e organizzatore del rapimento avvenuto il 16 aprile 1970.
Leggi il seguito di questo post »