Regione Sicilia – l’assessore Chinnici, legge 104 e moralità ad “sensum”. I figli non hanno le colpe dei padri e nemmeno la nobiltà

il pres. Lombardo e l'ass. Chinnici, che ha messo il suo nome al servizio del leader dell'MpA

Pubblichiamo un comunicato del sindacato COBAS-CODIR che denuncia alcune “operazioni” dell’ amministrazione regionale siciliana

LEGGE 104, ULTIMA …  CHIAMATA.

Palermo, 7 giugno  2011

La campagna stampa contro i  dipendenti regionali continua a essere alimentata dall’assessore alla Funzione  pubblica Caterina Chinnici. La dottoressa Chinnici sembra improvvisamente  essersi svegliata dal letargo e, senza il minimo rispetto delle relazioni e  dell’informazione sindacale, ha dato in pasto alla stampa uno dei soliti  proclami strombazzati all’insegna del pressapochismo; il tentativo sembra voler  celare una precisa responsabilità del governo regionale che, distorcendo l’uso  della legge 104 (che consente di andare in pensione con almeno 25 anni di  servizio per assistere un parente disabile), ha attribuito ad alcuni amici  neo-pensionati una serie di incarichi tecnici e politici che agli occhi  dell’opinione pubblica hanno reso immorale l’attribuzione del beneficio.

Leggi il seguito di questo post »

SCUOLE INAGIBILI PER L’IMMINENTE REFERENDUM DEL 12 E 13 GIUGNO

Messina – Apprendiamo con stupore (per il metodo) che l’area Servizi tecnici del Municipio di Messina, nella persona del Direttore del servizio Geom. Raffaele Parisi, comunica in data 12/05/2011 al Responsabile dell’Ufficio elettorale Dott. Domenico Giunta l’inagibilità di alcuni plessi scolastici che, fino alle ultime elezioni, erano state sede di seggio elettorale. Ci riferiamo al seggio elettorale n.5 della scuola elementare di Molino (I Circoscrizione), non agibile in seguito all’alluvione del 01/10/2009, che deve essere trasferito nella scuola elementare di Altolia; al seggio elettorale n.102 stabile comunale Catarratti non più disponibile e   che deve essere trasferito nei nuovi locali comunale distanti circa 300 metri; ai seggi elettorali n. 233-234-235-236-237-238-239 della scuola elementare Santo “Capitan Traina” (bollati come “non più agibili”) e che devono essere trasferiti nella vicina scuola media di Bordonaro “Ettore Castronovo”.

Leggi il seguito di questo post »

Referendum: SICILIA VERA invita a votare quattro ‘si’ il 12 e 13 giugno

“Invitiamo tutti  i cittadini ad andare a votare il 12 e 13 giugno per raggiungere il quorum e a sbarrare quattro ‘si’ per evitare il permanere di provvedimenti nefasti per la vita di tutti”. Lo ha detto il coordinatore federale di Sicilia Vera, on. Cateno De Luca parlando dei quattro quesiti referendari che propongono l’abrogazione totale o parziale del decreto Ronchi sulla privatizzazione dei servizi idrici (due quesiti), del provvedimento a favore del ritorno all’energia nucleare e del legittimo impedimento”.

Leggi il seguito di questo post »

‘NDRANGHETA: SEQUESTRATI BENI PER 20 MLN A IMPRENDITORE

Aziende, terreni edificabili, automezzi aziendali e conti correnti sono stati sequestrati dal Centro operativo della Direzione investigativa Antimafia (Dia) di Reggio Calabria a un imprenditore di Rizziconi (Rc), Ferdinando Fortunato Maria De Marte, attivo nel settore oleario e immobiliare. Lo riferisce una nota della Dia di Reggio Calabria che riguardo all’operazione parla di ‘aggressione ai beni della ‘ndrangheta’. 

Scarcerati i quattro complici di Provenzano

Messa sul banco degli imputati tre giorni fa per i presunti ritardi che avrebbero portato alla scadenza dei termini di custodia cautelare per i quattro mafiosi della cosca di Villabate, ieri la Suprema Corte dopo un’attenta verifica interna ha ribattuto alle accuse con una nota ufficiale nella quale ribalta sui giudici della corte d’appello di Palermo la responsabilità di aver mal conteggiato i termini rimettendo in libertà i quattro boss prima del tempo. Secondo la Cassazione, infatti, per i quattro imputati tutti condannati in appello, la custodia cautelare sarebbe scaduta a marzo 2012.

Leggi il seguito di questo post »