“Forchette rotte” ai rettori: “Stop parentopoli negli atenei”

PALERMO – Torna in azione il movimento delle “Forchette rotte”. Il gruppo Facebook al momento solo virtuale dopo aver inviato ieri ai 90 deputati regionali siciliani una email con una cartolina allegata, chiedendo l’abrogazione delle norme della legge 104 che consentono in Sicilia di andare in pensione a 40 anni, oggi prende di mira la realtà universitaria. Un’altra e-mail è stata spedita ai rettori delle quattro università siciliane, Roberto Lagalla (Palermo), Antonio Recca (Catania), Francesco Tomasello (Messina) e Salvo Andò (Enna). “Questa volta – si legge in una nota dei giovani delle “Forchette rotte” – denunciano la parentopoli negli atenei: 100 grandi famiglie dinastiche, padri, figli e parenti controllano le facoltà in Sicilia.

La moto si schianta contro un furgone, muore un quarantunenne sulla A20

MESSINA Un motociclista Mario Assenzio, 41 anni, è morto in un incidente stradale sull’autostrada Messina-Palermo, la A-20, tra lo svincolo di Barcellona Pozzo di Gotto e Falcone. L’uomo ha investito con la sua moto un furgoncino che era fermo nella corsia di emergenza.

BACCO E TANGO ALLA LIBRERIA CIRCOLO PICKWICK

DOMENICA 05 GIUGNO 2011 ORE 21
“BACCO E TANGO ALLA LIBRERIA CIRCOLO PICKWICK”
MARICA ROBERTO  (RECITAL E VOCE)
PAOLO PETRILLI (FISARMONICA)
“LEZIONE DI TANGO” QUATTRO CHIACCHERE CON ANNA MALLAMO
CALICI DI VINO BIANCO O ROSSO ACCOMPAGNATO DA PICCOLE DELIZIE
INGrESSO 9 EURO č gradita la prenotazione 0902400841

Scilipoti nuovo capo dei missini?

Scilipoti

di Francesco Carini

 

Era Novembre quando l’onorevole Domenico Scilipoti, dalle fila dell’Italia dei Valori di Antonio Di Pietro, portava avanti le sue battaglie sull’agopuntura, la medicina alternativa e l’antiusura bancaria. Era il 14 dicembre quando il deputato barcellonese votò la fiducia al governo Berlusconi pochi giorni dopo la sua burrascosa uscita da IDV. A distanza di quasi sette mesi da quel giorno in cui il deputato siciliano ha ricevuto ben più di una critica per le sue scelte politiche, egli si ritiene lusingato per la proposta di leadership del Movimento Sociale Italiano-Destra Nazionale. Scilipoti, in una lettera indirizzata il 26 maggio a Gaetano Saya (presidente di MSI-DN), reputa importante l’appoggio dei componenti del Movimento Sociale Italiano al Centro-Destra, in modo da migliorare e rilanciare insieme le politiche pubbliche del nostro paese, “conscio […] del pericolo sempre più palese di scivolamento della nostra amata Patria verso un irreversibile abisso”.

Inoltre, in un comunicato stampa del primo giugno, Scilipoti dice: “[…]chi ha scelto di non stare con Berlusconi sostenendo invece il ‘Terzo Polo’ ha perso […].Quindi la scelta di ‘Iniziativa Responsabile’ di sostenere il premier lo scorso 14 dicembre è stata giusta e invece sbagliata quella di Fli”.

Dopo la militanza nel PSDI per quindici anni, il passaggio all’Italia dei Valori, la fondazione di MRN ed infine la recente accusa ricevuta da “L’Espresso” di aver copiato parti del “Manifesto degli intellettuali fascisti” scritto da Giovanni Gentile nel  1925, l’esponente del Movimento di Responsabilità Nazionale si lega sempre più alla destra italiana, con dei modi che faranno quantomeno discutere sia i suoi sostenitori ai tempi del suo appoggio a Di Pietro che gli esperti del settore.

“L’acqua non si tocca”

(Foto di Enrico Di Giacomo) A sorpresa, dall’alto del campanile del Duomo: “L’acqua non si tocca”. Uno striscione compare mentre giù nella piazza si concludono i festeggiamenti per la Madonna della Lettera. A srotolarlo Renato Accorinti e ambientalisti della Rete Lilliput. Migliaia di nasi all’insù, compreso quello del sindaco. Leggi il seguito di questo post »

LEGAMBIENTE MESSINA PER IL REFERENDUM 12 E 13 GIUGNO

4 SI'

di Santina Fuschi

Il  12 e 13 giugno anche a Messina abbiamo un risultato importante da ottenere: il quorum per il referendum abrogativo. Cogliamo l’invito di politici, artisti, ambientalisti, cittadini qualunque, uomini di cultura. Corriamo  alle sedi elettorali per dire “4 SI”  alla democrazia, per dare credito alla volontà del popolo.

Abroghiamo l’art. 23 bis della legge 133/2008 che vuole affidare la gestione del servizio idrico a privati e l’’art. 154 del Decreto Legislativo n. 152/2006 (c.d. Codice dell’Ambiente), per evitare che le aziende affidatarie ne traggano profitto. Leggi il seguito di questo post »

Legambiente Messina: Rifiuti, cassonetti bruciati e croceristi

di Santina Fuschi (Presidente Legambiente Messina)

Santina Fuschi , presidente Legambiente Messina ©Sostine Cannata

Sembra proprio che l’estate sia arrivata anche da noi: le spiagge si riempiono, i lidi sono agli ultimi aggiustamenti… e quintali di rifiuti solidi vengono abbandonati con la solita nonchalance in ogni dove. La cosiddetta pulizia di primavera inizia a casa e finisce per le strade. Vanno molto mobili, divani e materassi. Una tipologia di rifiuto diversa da quella del periodo dei grandi sconti, quando si cambiano tv e computers. Leggi il seguito di questo post »