IL 12 MARZO ASSEMBLEA DEL MOVIMENTO NO PONTE


di Rete No Ponte

Uno striscione esposto nel corso della manifestazione a Giampilieri chiedeva come mai non venissero utilizzati i fondi FAS per la messa in sicurezza dei paesi colpiti dall´alluvione del 1. ottobre 2009. La risposta è che ciò non avviene perché quelle risorse vengono utilizzate per altro, per esempio per alimentare l´iter della costruzione del Ponte sullo Stretto. Gli unici soldi attualmente impegnati per il Ponte, infatti, sono soldi pubblici e corrispondono a 1,3 miliardi di euro facenti capo ai FAS. Sarebbe, quindi
sufficiente porre fine alla prospettiva devastante del Mostro sullo Stretto
(per il quale sono già stati sperperati centinaia di milioni di euro, 110 solo
nell´ultimo anno per trivellazioni e progettazione definitiva) e utilizzare le
risorse a esso destinate per dare risposte soddisfacenti alla richiesta di
sicurezza che viene dagli abitanti delle aree a rischio sismico e
idrogeologico. Questo è il nostro punto di vista. Questo è l´elemento centrale
della piattaforma delle nostre manifestazioni che hanno visto la partecipazione
di migliaia di cittadini.
Per la giornata del 26 era in programma un´assemblea del movimento No Ponte
per fare il punto sulla situazione e mettere in cantiere le prossime
mobilitazioni, ma quando (mercoledì scorso) abbiamo avuto notizia della
manifestazione indetta dai comitati dei paesi colpiti dall´alluvione del 1.
Ottobre non abbiamo esitato a rinviare la nostra iniziativa. Lo abbiamo fatto
perché ne condividevamo i presupposti (la richiesta di messa in sicurezza dei
paesi) e perché non volevamo limitarne, fosse anche in minima parte, la
partecipazione. Con questo spirito siamo stati a Giampilieri ed è proprio
questo punto di vista che ci spinge a dire che sarebbe urgente andare oltre la
passerella dei politici. Politici che, peraltro, non “portano pane a casa”
visto che, a quasi un anno e mezzo dalla tragedia, rimangono largamente
disattese le promesse fatte nell´immediatezza degli eventi (ricordiamo tutti il
miliardo di euro annunciato dal Presidente del Consiglio).
L´assemblea No Ponte è stata rinviata al 12 marzo alle ore 10.00 e si svolgerà
nell´aula di ex-chimica dell´Università di Messina, autogestita dagli studenti
che si battono contro la dismissione dell´istruzione pubblica (bene comune come
l´ambiente, la salute, l´acqua). Invitiamo, quindi, tutte e tutti a partecipare
e dare il proprio contributo. Non ci saranno passerelle a disposizione. Tutti
insieme decideremo le iniziative da mettere in campo per contrastare la
costruzione del Ponte sullo Stretto e per rivendicare la messa in sicurezza dei
territori.
Da ciò dipende il futuro di tutti noi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: