Afghanistan – Morto un militare italiano, altri 4 feriti


Massimo Ranzani impegnato in attività di primo soccorso

I talebani rivendicano l’attentato. Convoglio rientrava dopo operazione di assistenza medica

ROMA – Un militare italiano è morto e altri quattro sono rimasti feriti nell’ovest dell’Afghanistan. I militari italiani, del quinto Reggimento Alpini, erano a bordo di un veicolo blindato Lince che e’ saltato su un ordigno improvvisato.

L’ESPLOSIONE – Erano le 12.45 locali, nell’ovest dell’Afghanistan. Una pattuglia italiana stava tornado da una operazione di assistenza medica quando ad Adraskan, 25 chilometri a nord di Shindand, l’esplosione di un Ied – un ordigno rudimentale ma potentissimo – ha dilaniato un blindato Lince del 5/o reggimento alpini di Vipiteno, la Task force centre. Era il terzo mezzo della colonna. Questa volta ‘San Lince’ non ha retto.
LA VITTIMA - Il tenente Massimo Ranzani, 37 anni, celibe, originario di Ferrara, era lì dal 12 ottobre, la sua seconda missione in Afghanistan. Chi è andato a trovare i genitori a Occhiobello, nel rodigino, è rimasto colpito per la forza con cui hanno reagito: “sono orgogliosi del loro figlio”. Una persona “buona, altruista”. Un altro “caduto per la pace”, ha detto l’ordinario militare mons. Vincenzo Pelvi. Toccherà a lui, per l’ennesima volta, celebrare i funerali solenni: una “via crucis”, ha detto, di morti in missione. L’Esercito ha promosso il caduto al grado di capitano. La salma sarà rimpatriata mercoledì.
I FERITI
– Anche gli altri quattro occupanti del Lince, tutti alpini del 5/o reggimento, sono rimasti feriti. Subito soccorsi, sono stati trasportati all’ospedale militare da campo di Shindand. Hanno riportato traumi e fratture di vario genere, in particolare alle gambe: due di loro, con fratture a una gamba e a una caviglia, sono stati operati. Un altro sarà sottoposto ad un intervento agli occhi nell’ospedale di Kandahar. Soprattutto le lesioni di uno dei quattro preoccupano, ma “nessuno – assicura il ministro della Difesa La Russa – è in pericolo di vita”. “Le loro condizioni attualmente non preoccupano”, confermano da Herat, quartier generale italiano.

BERLUSCONI, CI SI CHIEDE SE SFORZO SERVA – “E’ un tormento, un calvario e tutte le volte ci si chiede se questo sacrificio che impegna il parlamento con voto unanime e tutto il popolo italiano ad essere lì in un paese ancora medioevale sia uno sforzo che andrà in portò”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi commentando l’attentato in Afghanistan dove è morto un ufficiale dell’Esercito. Berlusconi ha quindi precisato: “dobbiamo andare avanti”.

NAPOLITANO, PROFONDA COMMOZIONE - Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, appresa con profonda commozione la notizia del gravissimo attentato perpetrato a Shindand, in Afghanistan, contro il contingente italiano impegnato nella missione internazionale ISAF, in cui un militare ha perso la vita e altri quattro sono rimasti feriti, esprime i suoi sentimenti di solidale partecipazione al dolore dei famigliari del caduto e un affettuoso augurio ai militari feriti. Lo rende noto un comunicato del Quirinale.

DI PIETRO, RESPONSABILI CHI VOTATO DECRETO – “Siamo vicini alle famiglie del militare caduto in Afghanistan, dei quattro feriti e a tutti i commilitoni impegnati su quei territori. Esprimiamo profondo dolore e commozione per questa ennesima tragedia annunciata. Smettiamola e usciamo dal luogo comune di chi intende coprire la propria responsabilità in nome della patria e della bandiera. Da tempo l’Italia dei Valori, che ha dato una bocciatura sonora al decreto di rifinanziamento di questa missione, denuncia che non ha più alcun senso restare in Afghanistan perché nel Paese é in atto una vera e propria guerra civile, e quindi non portiamo avanti soltanto una lotta al terrorismo”. E’ quanto afferma in una nota il presidente IdV, Antonio Di Pietro. “Denunciamo – continua – in modo forte e chiaro, che la responsabilità politica di queste morti ricade sul governo e su tutti coloro che in Parlamento hanno votato per il proseguimento della missione. Ricordiamo che è stato un voto trasversale e, proprio per questo, ancora più inaccettabile”.

PROFONDO CORDOGLIO LA RUSSA – Il ministro della Difesa Ignazio La Russa ha espresso “profondo cordoglio per la morte del militare a seguito dell’attentato verificatosi stamani a 25 chilometri a nord di Shindand”. Lo rende noto un comunicato della Difesa. Il ministro La Russa viene tenuto “costantemente aggiornato dal Capo di Stato Maggiore della Difesa circa l’evolversi della situazione e sulle condizioni di salute degli altri quattro militari rimasti feriti nell’evento”.

SCHIFANI, ALTO PREZZO MA RIMANIAMO – “L’Italia continua a pagare degli alti prezzi ma lo fa in piena coscienza e nella consapevolezza che la libertà è un bene da garantire anche al di fuori dei propri confini”. Lo ha detto il presidente del Senato, Renato Schifani, in visita ad una scuola dell’infanzia a Barete (L’Aquila), distrutta dal terremoto e ricostruita grazie anche al contributo del Senato. Ai giornalisti che gli chiedevano se l’Italia rimane in Afghanistan, Schifani ha risposto: “L’Italia non può che rimanere, la nostra presenza è condivisa all’interno della comunità internazionale e sarà essa a decidere i metodi di abbandono dell’Afghanistan, sicuramente quando esso sarà portato a piena democrazia”. Il presidente del Senato ha espresso “profondo dolore per un’altra vita che cade immolandosi sull’altare della democrazia” e “vicinanza ai familiari dei nostri feriti”.
CORDOGLIO FINI PER MILITARE UCCISO – “Ho appreso con sgomento e dolore la notizia dell’esplosione di un ordigno che ha colpito un veicolo blindato Lince nei pressi di Shindand, nell’ovest del Paese e provocato la morte del tenente Massimo Ranzani del quinto reggimento alpini. Desidero rinnovarLe il mio apprezzamento per il coraggio, la professionalità e lo spirito di sacrificio con cui i nostri militari svolgono la loro opera in questo tormentato Paese. La prego di voler far pervenire, unitamente al sentimento di profondo cordoglio e vicinanza alla famiglia del soldato caduto, i miei più fervidi auguri di pronta guarigione ai militar feriti e l’intensa solidarietà mia personale e di tutta la Camera dei deputati”, è quanto ha scritto il presidente della Camera dei deputati, Gianfranco Fini, in un messaggio inviato al Capo di Stato Maggiore della Difesa, Biagio Abrate.
DOLORE TRA ALPINI BELLUNO PER MILITARE UCCISO
– E’ stata accolta con ‘profondo dolore” tra gli alpini della caserma ‘Salsa’ di Belluno, sede del 7/mo Reggimento alpini, la notizia della morte del tenente Massimo Ranzani, ucciso nell’esplosione di un ordigno in Afghanistan e appartenente al quinto Reggimento alpini, con sede a Vipiteno (Bolzano). Ranzani aveva svolto servizio a Belluno per qualche anno, fino al 2004, come sottufficiale, prima di diventare ufficiale e essere riassegnato a Vipiteno. Appartenevano al 7/mo Reggimento di Belluno i quattro alpini caduti in Afghanistan il 9 ottobre scorso – il Primo caporal maggiore Gianmarco Manca, Primo caporal maggiore Francesco Vannozzi, Primo caporal maggiore Sebastiano Ville e il maggiore Marco Pedone – e il Caporal maggiore Matteo Miotto ucciso il 31 dicembre scorso.

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: