Usa, contatto con ribelli. Ipotesi esilio per il Raìs

  Rice: ‘Prematuro parlare di intervento militare’. Gheddafi: ‘Tradito da Paesi occidentali amici’

La Casa bianca lavora all’esilio del Colonnello che ha incaricato l’ex capo degli 007 a negoziare con i ribelli. Il Pentagono riposiziona le forze nell’area. Clinton assicura: non ci sarà un intervento militare che coinvolga navi statunitensi.

Leggi il seguito di questo post »

Afghanistan – Morto un militare italiano, altri 4 feriti

Massimo Ranzani impegnato in attività di primo soccorso

I talebani rivendicano l’attentato. Convoglio rientrava dopo operazione di assistenza medica

ROMA – Un militare italiano è morto e altri quattro sono rimasti feriti nell’ovest dell’Afghanistan. I militari italiani, del quinto Reggimento Alpini, erano a bordo di un veicolo blindato Lince che e’ saltato su un ordigno improvvisato.

Leggi il seguito di questo post »

“Lettere dal Sahara”

Al Palazzo della Cultura Antonello da Messina

Il film del maestro Vittorio De Seta verrà proiettato gratuitamente su iniziativa del Circolo Arci Thomas Sankara in seno al progetto del Comune di Messina “G2 – seconde generazioni crescono”.

Giovedì 3 marzo alle ore 19:00 al Palazzo della Cultura Antonello da Messina è in programmazione l’iniziativa “Lettere dal Sahara: Italia ingresso negato”. Leggi il seguito di questo post »

150° anniversario dell’Unità d’Italia

di Piero Chillè

Attività promosse dal “COMITATO PROVINCIALE MESSINA 2MILA11” per celebrare l’importante ricorrenza:

MARTEDÌ 8 (GIORNATA DELLA DONNA) Ore 17,00 Incontro su  “Le Donne protagoniste del Risorgimento Italiano” Sede: UniCredit – via Garibaldi, 102 . Cortina del Porto – Messina. Leggi il seguito di questo post »

IL 12 MARZO ASSEMBLEA DEL MOVIMENTO NO PONTE

di Rete No Ponte

Uno striscione esposto nel corso della manifestazione a Giampilieri chiedeva come mai non venissero utilizzati i fondi FAS per la messa in sicurezza dei paesi colpiti dall´alluvione del 1. ottobre 2009. La risposta è che ciò non avviene perché quelle risorse vengono utilizzate per altro, per esempio per alimentare l´iter della costruzione del Ponte sullo Stretto. Gli unici soldi attualmente impegnati per il Ponte, infatti, sono soldi pubblici e corrispondono a 1,3 miliardi di euro facenti capo ai FAS. Leggi il seguito di questo post »

Signor ministro, i poliziotti…

Stamane a Catania, in occasione della visita nella Prefettura di Catania del ministro dell’Interno Roberto Maroni, i sindacati di polizia Siulp, Sap, Siap, Silp Cgil, Ugl Polizia e Coisp del capoluogo etneo hanno effettuato un volantinaggio nei pressi della Prefettura per protestare contro i tagli alla sicurezza. ”Signor ministro – era scritto nel volantino – i poliziotti
non vogliono più essere presi in giro con false promesse. Leggi il seguito di questo post »

Pubblicato su Lavoro. Leave a Comment »

“Mio padre è nel Lager”

di Rossella Scaffidi

Il professore Antonio Pugliese ha presentato agli studenti del Majorana  di Milazzo il cortometraggio “Mio padre è nel Lager”, un intenso e toccante racconto sull’esperienza del padre Giuseppe internato e sopravvissuto all’esperienza del lager.

Gli allievi del Majorana hanno incontrato il prof. Antonio Pugliese, docente di Clinica Medica Veterinaria dell’Università di Messina e presidente della S.I.SVET (Società Italiana delle scienze veterinarie), autore del cortometraggio“Mio padre è nel Lager”, racconto toccante della  tragica esperienza vissuta dal padre Giuseppe durante la seconda guerra mondiale. Leggi il seguito di questo post »

Alleanza cattolica e il Comune di Messina

di Giorgio Siculo

Abbiamo già scritto di “Alleanza cattolica” e di alcune sue iniziative sponsorizzate dalla Curia arcivescovile messinese. Come è risaputo, si tratta di una associazione che si muove tra il religioso e il politico nettamente reazionaria in politica e tradizionalista in campo religioso nonché anticonciliare, e quindi potremmo dire in odore di “eresia”.

Sembra che a Messina abbia diversi adepti (non molti) con delle entrature negli ambienti ecclesiastici della città, con qualche prete e dei laici forse anche impegnati in politica (naturalmente a destra). Leggi il seguito di questo post »

Un dialogo tra comunicazione e incomunicabilità

di Francesco Saija

Per la sezione “Paradosso sull’autore” è stata presentata alla sala “Laudamo” la pièce “Interno” di Tino Caspanello con scena e regia dello stesso autore. Caspanello è anche attore del “teatro Pubblico Incanto” fondato nel 1993 a Pagliara, un piccolo centro sui Peloritani nella zona ionica della provincia di Messina. Ha al suo attivo circa 35 spettacoli e nel 2008 ha ricevuto il premio dell’Associazione nazionale dei critici di teatro per la sua attività di autore e di regista. Leggi il seguito di questo post »

I Carabinieri arrestano a Giardini un 19enne per detenzione di sostanze stupefacenti

Nell’ambito di una specifica campagna di prevenzione dei reati, i Carabinieri della Compagnia di Taormina ed in particolare quelli della Stazione di Giardini Naxos, sono stati impegnati in un’attività di controllo del territorio finalizzata, nello specifico, a prevenire il fenomeno dello spaccio di droga nel comune rivierasco così da garantire sempre maggiori standard di sicurezza per i cittadini.

Leggi il seguito di questo post »

Ministro contestato dai poliziotti a Catania

Stamane a Catania, in occasione della visita in prefettura del ministro dell’Interno Roberto Maroni, i sindacati di polizia Siulp, Sap, Siap, Silp Cgil, Ugl Polizia e Coisp del capoluogo etneo hanno effettuato un volantinaggio nei pressi della prefettura per protestare contro i tagli alla sicurezza. “Signor ministro – è scritto nel volantino -, i poliziotti non vogliono più essere presi in giro con false promesse. Dia fine alla propaganda e passi a fatti concreti. Il governo Berlusconi volta le spalle alla sicurezza dei cittadini siciliani e si preoccupa di cristallizzare i nuovi migranti nella terra di Sicilia con l’apertura a Mineo dell’unico Centro di accoglienza per rifugiati in Italia”.
Leggi il seguito di questo post »

Tirrenia, i marittimi incrociano le braccia

Ferma la nave Palermo-Napoli che doveva salpare alle 20,15, ferma la Napoli-Palermo dello stesso orario. È di circa il 90% anche in Sicilia l’adesione dei lavoratori della Tirrenia allo sciopero di 24 ore degli addetti, marittimi e amministrativi della compagnia di navigazione indetto da Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti per protestare contro quella che è stata definita “una battuta d’arresto nella procedura di privatizzazione rispetto alle garanzie contrattuali e occupazionali”. A darne notizia è la Segreteria regionale della Fit Cisl marittimi.

Sciopero dei dipendenti dell’Ancol Sicilia, in attesa del pagamento di ben 12 stipendi

Palermo – “I lavoratori dell’ A.N.Co.L. Sicilia, facendo riferimento allo stato di crisi senza precendenti in cui versano le maestranze, con particolare riferimento alle 12 mensilità già riconosciute dall’Amministrazione Regionale, ma ad oggi non corrisposte, ed alla assoluta mancanza di garanzie per quelle future, hanno proclamato per oggi  lo sciopero di tutti i lavoratori in forza presso l’ A.N.Co.L Sicilia. La decisione è stata presa dal comitato dei lavoratori, che ha indetto lo sciopero e la contemporanea manifestazione a Palermo, al fine di rimarcare le conseguenze del suddetto stato di crisi, che si protrae  ormai da troppo tempo.

Leggi il seguito di questo post »

Stromboli: frane ed esplosioni sulla sciara del fuoco

Cinque segnali sismici associabili a eventi franosi di piccola entita’, sono stati registrati dagli strumenti dell’Osservatorio vesuviano sullo Stromboli, lungo la Sciara del fuoco. Due di questi eventi, probabilmente dovuti a rotolamento di vario materiale, hanno seguito alcune esplosioni .

Ue adotta sanzioni contro Gheddafi

(ANSA) – BRUXELLES – L’Ue ha adottato oggi un pacchetto di sanzioni contro il regime di Gheddafi. Lo si e’ appreso da fonti comunitarie secondo le quali i provvedimenti Ue andrebbero anche oltre quelli gia’ varati dall’Onu. Previste in particolare tre misure: l’embargo del settore delle armi e delle attrezzature antisommossa; il divieto di rilasciare i visti a 26 notabili del regime libico; il congelamento dei beni del colonnello Gheddafi, di cinque suoi famigliari e di 20 alti funzionari.