Tamponamento a catena in via Tommaso Cannizzaro, ferita una donna

Messina – Intorno alle 19.30 di questa sera, unna donna, mentre percorreva la Tommaso Cannizzaro a bordo della sua Seicento è entrata in contatto con un’altra auto, un’Alfa, il successivo sopraggiungere, in velocità, nella corsia di marcia bloccata per l’incidente, di altre vetture, ha causato una serie di tamponamenti a catena. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco e gli agenti della sezione infortunistica della Polizia Municipale. La donna, apparsa in gravi condizioni, è stata trasportata al Policlinico a bordo di un’ambulanza del 118.

Patti, “I rifiuti: da problema a risorsa”

Si svolgerà sabato 29 gennaio 2011 alle ore 17,00 a Patti (ME), nella Sala delle Conferenze di Piazza M. Sciacca, l’incontro pubblico presentato da Legambiente Nebrodi gruppo di Patti I rifiuti: da problema a risorsa“. Interverranno; Beniamino Ginatempo (Università di Messina), Mario Cicero (Sindaco di Castelbuono – PA), Nicola Calabria (Associazione Consumatori Siciliani) e Salvatore Granata (Legambiente Sicilia).

Tunisia, allarmanti nuove prove della brutalità delle forze di sicurezza

Amnesty International ha reso note nuove allarmanti prove dei metodi brutali usati dalle forze di sicurezza tunisine nel tentativo di reprimere le proteste antigovernative delle recenti settimane.

Tunisia: le forze di sicurezza hanno usato gas lacrimogeni, proiettili di gomma e munizioni © Hamideddine Bouali/Demotix

Secondo i ricercatori di Amnesty International, appena tornati dalla Tunisia, le forze di sicurezza hanno fatto ricorso a un uso sproporzionato della forza per disperdere i manifestanti e in alcuni casi hanno aperto il fuoco contro manifestanti che scappavano o sui passanti. Secondo alcune testimonianze raccolte dai ricercatori dell’organizzazione, a Kasserine e Thala alcuni manifestanti sono stati colpiti alle spalle mentre fuggivano. In queste due città, così come a Tunisi e Regueb, alcune persone sono state colpite alla testa e al petto, col chiaro intento di ucciderle. Leggi il seguito di questo post »

Amnesty International chiede al governo egiziano di tenere a freno le forze di sicurezza

Manifestazione in piazza Tahrir, Cairo © Demotix / Nour El Refai

Amnesty International ha sollecitato il governo egiziano a tenere a freno le forze di sicurezza onde evitare ulteriori morti di manifestanti nel corso delle proteste che vanno avanti in tutto il paese, con migliaia di persone scese in piazza contro la povertà, la corruzione e la violenza della polizia. Leggi il seguito di questo post »

Guerriglia in Egitto, morti, El Baradei libero, è a casa

Cnn, El Baradei agli arresti domiciliari. Blindati davanti a sede tv. Polizia ferma 400 persone

(ANSA) – IL CAIRO – E’, come annunciato, il ”Venerdì della collera”: cortei e manifestazioni anti-Mubarak stanno paralizzando le principali città egiziane e in particolare il Cairo, dove sono in atto scontri tra le migliaia di manifestanti e le forze dell’ordine. La polizia ha bloccato, senza arrestarlo ma impedendone ogni spostamento, l’esponente dell’opposizione Mohammed el Baradei, rientrato in patria ieri da Vienna, e che stamani si trovava a pregare insieme ad altre centinaia di persone, nella zona delle manifestazioni. Ma secondo testimoni sul posto è stato rilasciato e si sposta liberamente.

Leggi il seguito di questo post »

Caso Ruby – ultime

RIFIUTI: RETATA A NAPOLI, ”C’ERA UN ACCORDO PER SVERSARE IL PERCOLATO IN MARE”

Ci sono l’ex Commissario per l’emergenza rifiuti Corrado Catenacci (foto) e la ex vice di Guido Bertolaso alla Protezione Civile, Marta di Gennaro (foto) , fra le 14 persone arrestate nell’ambito di un’inchiesta coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli. Coinvolti, come indagati, anche l’ex presidente della Giunta regionale, Antonio Bassolino, l’ex assessore all’Ambiente Luigi Nocera e l’ex capo della segreteria politica di Bassolino, Gianfranco Nappi.

Leggi il seguito di questo post »