è lecito o meno vendere prodotti adulterati?

L’associazione chiede che vengano subito dipanati eventuali dubbi sull’abrogazione della legge 283/62 sull’igiene degli alimenti, tramite l’emanazione di un’apposita circolare del ministero della Giustizia.

“La legge è salva o no? – dice Alessandro Mostaccio, responsabile del settore Alimentazione del Movimento Consumatori – il ministro Calderoli rassicura e afferma che si tratta di un equivoco, ma nei tribunali la questione sta creando intoppi e difficoltà a migliaia di processi in tutta Italia.
Una bagarre di cui potevamo fare sicuramente a meno, in un momento già complicato, che deve essere risolta con tempestività per salvaguardare la salute dei cittadini. Per questo riteniamo che solo una circolare interpretativa possa chiarire definitamente ogni incertezza. I cittadini hanno il sacrosanto diritto di sapere se nel loro Paese è lecito o meno produrre e vendere prodotti adulterati”.

Il Consiglio di Stato boccia ancora una volta l’eco pass

di PIETRO INTERDONATO

Sappiamo di essere in perfetta solitudine nella realtà quale è quella nostra!

L’eco pass è una tassa iniqua e ingiusta che grava ulteriormente sul transito dello Stretto.

In un terribile momento di crisi economica e sociale, le massime Autorità Istituzionali locali hanno l’obbligo morale di essere vicini alla comunità dell’area dello Stretto per attenuare e migliorare la qualità di vita attraverso il riordino della mobilità sociale creando i presupposti per la “continuità territoriale”.

Il Signor Sindaco, insieme alle altre autorità locali, devono capire che nello Stretto bisogna creare una discontinuità con l’amaro presente.

E’ indispensabile una reale concorrenza perchè non è più sopportabile che tanto danno ricada sull’economia locale. Siamo certi che le Autorità disconoscono le tariffe praticate del maggior gruppo Armatoriale.

Per porre fine a tale insana e arrogante tariffazione si attivino seriamente per porvi rimedio.

Il Cuffarismo è il rovescio della stessa medaglia del Gullottismo

La privazione della libertà è il male assoluto. Niente è più importante della stessa libertà individuale. La condanna di Cuffaro ci rattrista come perdita della stessa libertà individuale, ma al contempo ci fa sperare che possa esserci una Sicilia, un’Italia diversa. Leggi il seguito di questo post »

Inceneritore di Pace: da dove puzza il pesce?

di Giuseppe Restifo

L’inceneritore è una macchina che ingoia tutto, il rifiuto tal quale per come viene preso dai cassonetti, e riduce tutto in cenere. Ma è solo cenere quel che si produce nella stretta valle del torrente Pace, appena a Nord di Messina?

Per chi non c’è mai entrato dentro, l’inceneritore da lontano si presenta bene a chi risale il vallone. Leggi il seguito di questo post »

La “Ciociara” di Roberta Torre

di Francesco Saija

È stato presentato al “Vittorio Emanuele” uno degli spettacoli più belli del cartellone di quest’anno: “La Ciociara” di Annibale Ruccello tratto dal romanzo di Alberto Moravia (repliche tino a domenica 23 gennaio).

Si tratta della prima regia teatrale di Roberta Torre che, da cineasta, ha esordito nel cinema nel 1997 con il film “Tano da morire”. Uno spettacolo forse difficile ma affrontato, nella sua drammaticità, con grande leggerezza e al contempo con grande intensità drammaturgica. Leggi il seguito di questo post »

“CON I TUOI OCCHI”. Storia di Graziella Campagna uccisa dalla mafia

LIBRERIA CIRCOLO PICKWICK, VIA GHIBELLINA 32 MESSINA – LUNEDI 24 GENNAIO 2011, ORE 18,00

Con i tuoi occhi Storia di Graziella Campagna uccisa dalla mafia

Presentazione del libro di ROSARIA BRANCATO

“CON I TUOI OCCHI”. Storia di Graziella Campagna uccisa dalla mafia Leggi il seguito di questo post »

Scontro sui rifiuti, abitanti di Panarea scrivono al ministro

PANAREA (MESSINA) – A Panarea, isola dei vip, è scontro per il deposito dei rifiuti, e alcuni abitanti (primo firmatario Marcello Acunto) hanno scritto una lettera al ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo, che ha villa a Panarea, per lamentare che “su iniziativa dell’Ato e del Comune di Lipari si intende utilizzare l’incantevole località Urio di Iditella per la raccolta e il trasferimento dei rifiuti dell’isola, che è inclusa nella Heritage list dell’Unesco”. Il progetto prevede anche lo sbarco di furgoni e camion che stazioneranno sul lungomare di Iditella. “Perché – scrivono gli isolani – non si vuol procedere alla raccolta differenziata e a un diverso trattamento dei rifiuti?” E chiedono alla Prestigiacomo “di intervenire subito per impedire lo scempio e perché il problema sia risolto in modo definitivo”.

Furto di un bracciale, Ruby indagata a Messina

Si terrà il prossimo 23 febbraio, davanti il Gup del Tribunale per i minorenni di Messina, l’udienza preliminare per la richiesta di rinvio a giudizio per furto di Karima El Mahroug, la 18enne marocchina nota come Ruby. Lo ha affermato il legale della controparte, l’avvocato Nunzio Rosso, confermando indiscrezioni di stampa. Al centro dell’inchiesta, i cui fatti risalgono ai tempi in cui la giovane non era ancora maggiorenne, la scomparsa di un bracciale in oro e brillanti, per un valore di circa tremila euro, nel centro benessere dove Ruby lavorava. La marocchina ha sempre respinto le accuse, sostenendo che erano una rappresaglia nei suoi confronti perchè non “accontentava” i clienti del centro. Su quest’ultima tesi è stata avviata un’indagine che non si è ancora conclusa.
Foto:  “Novella 2000”

Il sindaco sospende il Servizio di monitoraggio ambientale. Per il Pd scelta scellerata, esposto di Sinistra e Libertà

Una disposizione di Buzzanca trasferisce all’Urbanistica gli unici tre dipendenti comunali qualificati a svolgere questa attività. Calabrò: «E’ un obbligo di legge, non basta un colpo di penna. Chi farà i rilevamenti necessari per tentare di salvare l’ecopass?»

ESPOSTO DI SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTA’

Sulla sospensione del Servizio di monitoraggio ambientale, che a quanto pare riguarderebbe pure la Provincia, arriva un esposto del circolo “Matteo Cucinotta” di Sinistra Ecologia e Libertà, a firma di Daniele Ialacqua. «I rilevamenti riguardanti l’inquinamento atmosferico – si legge – effettuati fino allo scorso anno dalla Provincia regionale di Messina, hanno sempre evidenziato preoccupanti superamenti dei limiti di legge relativamente al dato del PM10 in alcune postazioni cittadine. Stesso discorso per i rilevamenti riguardanti l’inquinamento acustico, effettuati fino allo scorso anno dal Comune di Messina. I dati riguardanti la qualità dell’aria della nostra città, resi noti in indagini nazionali (Ecosistema urbano, Rapporto Ispra, dati Istat, Treno Verde), ci dicono che a Messina vengono superati i valori di legge, in alcune postazioni, sia per quanto riguarda il biossido di azoto (No2) che per le temibili polveri sottili (PM10), e che addirittura, secondo una recente indagine Nomisma, le morti per polveri sottili sono stimabili nella nostra città in 124 persone l’anno».
Leggi il seguito di questo post »

Cuffaro condannato per mafia

ROMA – I giudici della seconda sezione penale della Cassazione hanno confermato, a carico dell’ex governatore della Sicilia Salvatore Cuffaro, la condanna a sette anni di reclusione per favoreggiamento aggravato a Cosa Nostra e violazione del segreto istruttorio nell’ambito del processo “talpe alla Dda”.  Entro cinque giorni sarà notificato l’estratto della sentenza a Salvatore Cuffaro che, comunque, potrebbe decidersi di costituirsi in carcere anche prima dello scadere dei cinque giorni. In passato, dopo la condanna definitiva, l’ex parlamentare Cesare Previti si costituì spontaneamente nel carcere romano di Rebibbia.
Leggi il seguito di questo post »

Nasce il Gr di Radio 100 Passi

Ci sono voluti più di cento passi per riprendere il cammino interrotto tanti anni fa. A un anno dall’inizio delle trasmissioni, Radio100Passi annuncia la nascita del nuovo Giornale Radio ‘Gr100’, diretto dal giornalista Antonio Ortoleva, in onda da oggi alle 12 sul sito http://www.radio100passi.net. Per ora un rotocalco settimanale di circa un’ora per l’emittente voluta e fondata da Peppino Impastato, con repliche e approfondimenti di cronaca e inchieste nel corso della settimana.

Leggi il seguito di questo post »

Rai: Lombardo chiede audizione in Commissione vigilanza

Il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, e i componenti della giunta regionale hanno inviato una lettera al presidente della Commissione parlamentare per l’indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi, Sergio Zavoli, per chiedere di essere convocati in audizione. Dopo le polemiche dei giorni scorsi per i servizi del Tg1 della Rai, il governo siciliano compie un passo ufficiale. Nella lettera inviata al presidente Zavoli, i componenti della giunta regionale sostengono di essere “oggetto, non di una critica puntuale e costruttiva, ma di una vera e propria azione denigratoria che ha il preciso fine politico di convincere l’opinione pubblica che questo governo e’ la causa di guasti gravissimi. Guasti che sono in realta’ il frutto di una pesante eredita’ politica cui tentiamo di porre urgente riparo, seppur talvolta con contraddizioni e ritardi”.

Infortuni: operaio muore travolto da camion nel palermitano

(Adnkronos) – Incidente sul lavoro mortale stamani a Misilmeri, in provincia di Palermo. Un operaio e’ stato accidentalmente investito da un autocarro in manovra intorno alle 9 all’interno di un deposito di materiale edile. L’uomo e’ morto sul colpo. Sul posto si sono recati i carabinieri per gli accertamenti di rito.

Bus-navetta in fiamme, indagini dei carabinieri

LIPARI (MESSINA) – Un bus-navetta è stato distrutto dalle fiamme, nella borgata di Pianoconte. L’Iveco, della ditta di Guglielmo Urso, era parcheggiato sulla strada provinciale, vicino all’abitazione dell’autista Giovanni Natoli. Verso mezzanotte e mezza, il mezzo è stato avvolto dal fuoco, come hanno riferito alcuni abitanti della zona. Il valore del bus-navetta era di 80mila euro. I carabinieri stanno indagando sull’episodio e, secondo i primi rilievi, escluderebbero l’ipotesi di un cortocircuito.

RECITAL DI GIUSEPPE ALBANESE AL PALACULTURA

Domenica 23 gennaio ore 18 suonerà al Palacultura Antonello, nella stagione della Filarmonica Laudamo, il pianista Giuseppe Albanese. Calabrese di nascita, Giuseppe Albanese vanta un palmarés di tutto rispetto: a diciassette anni diplomato con 10, lode e menzione d’onore al Conservatorio di Pesaro; a ventitre anni laureato in Filosofia con 110, lode  e dignità di stampa della tesi; a venticinque anni professore universitario a contratto di Metodologia della comunicazione musicale all’Università di Messina. Leggi il seguito di questo post »