Rete Rifiuti Zero


Gentile Direttore,
con il recente scandalo di polli e uova tedesche alla diossina si ripropone ormai un rituale ricorrente e costante circa la sicurezza alimentare (ricordiamo le mozzarelle campane, le pecore pugliesi, i suini irlandesi, i polli toscani) e che – proprio per queste sue caratteristiche – rischia di passare come una notizia fra le tante, cui non si dedica l’attenzione che merita. A questo proposito vorrei tuttavia ricordare che l’importanza del tema in oggetto tema non è mai sfuggita ai Medici per l’Ambiente, che, senza che ci fossero emergenze di sorta, il 18 novembre 2008 promossero nel salone comunale di Forlì un incontro pubblico dal  titolo “Il caso diossina”.
Col termine diossina si intende la TCDD (2,3,7,8–tetraclorodibenzo-p-
diossina), nota come “diossina di Seveso” a causa dell’incidente
occorso a Seveso nel 1976, pericolosa a dosi infinitesimali
( miliardesimi di milligrammo) e che è stata definita la sostanza più
pericolosa mai conosciuta; affini a questa molecola ve ne sono
tuttavia altre centinaia, con caratteristiche simili per cui si parla
genericamente di “diossine”. Senza entrare troppo nei particolari
ricordo che si tratta di molecole particolarmente stabili e
persistenti nell’ambiente; nell’uomo la loro assunzione avviene per
oltre il 90% per via alimentare, specie attraverso pesce, latte,
carne, uova e formaggi in cui si accumulano essendo liposolubili.
Vengono trasmesse dalla madre al feto sia durante la gestazione che
attraverso l’allattamento; a questo proposito dai pochissimi studi
eseguiti- spesso per iniziativa spontanea dei cittadini sul latte
materno, risulta che, nel nostro paese, un lattante di 5 kg, nel
nostro paese, si trova ad assumere quote di diossine variabili da
alcune decine fino a centinaia di volte superiori al limite massimo
indicato dall’UE.
Le diossine rientrano nel grande gruppo di sostanze denominate
interferenti endocrini, agenti cioè che mimano l’azione degli ormoni
naturali interferendo e disturbando funzioni complesse e delicatissime
quali quelle immunitarie, endocrine, metaboliche e neuropsichiche.
L’esposizione a diossine è correlata allo sviluppo di tumori (per la
TCDD, linfomi, sarcomi, tumori a fegato, mammella, polmone, colon)
nonchè a disturbi riproduttivi, endometriosi, anomalie dello sviluppo
cerebrale, diabete, malattie della tiroide, danni polmonari,
metabolici, cardiovascolari, epatici, cutanei e deficit del sistema
immunitario. Forse non tutti sanno che trattandosi di sostanze così
pericolose nel 2004 è stata stilata a Stoccolma una convenzione,
sottoscritta da 120 paesi fra cui l’Italia, per vietare la produzione
intenzionale ed imporre la riduzione di quella non voluta, peccato che
il nostro paese sia stato l’unico a non averla poi ratificata!
Queste sostanze si formano in particolari condizioni di temperatura in
presenza di Cloro per cui ogni processo di combustione, in particolare
di plastiche, porta alla loro formazione e sono presenti non solo nei
fumi ma anche nelle ceneri degli inceneritori. A questo proposito
segnalo l’ennessimo, recentissimo, studio (1) che correla queste
sostanze emesse da inceneritori ai linfomi Non Hodgkin. Lo studio è
stato condotto in Francia su 34 pazienti affetti da linfoma residenti
nell’area di ricaduta dell’inceneritore di Besancon e su 34 sani . In
tutti sono stati dosati nel siero queste sostanze trovando livelli
sempre più alti e statisticamente significativi nelle persone esposte.
Peccato che nello studio Moniter, quello condotto dalla regione Emilia
Romagna per valutare le ricadute degli 8 inceneritori presenti sul
territorio, le diossine non siano state ricercate dove queste si
accumulano, ovvero su matrici biologiche, nè tanto meno nel corpo
delle persone o sul latte materno delle mamme esposte, ma in aria!
Ma torniamo all’attuale scandalo, che si presta ad alcune
considerazioni interessanti.
Innanzi tutto esso viene viene fatto risalire alla somministrazione di
mangimi contaminati da oli industriali ed altri inquinanti ai poveri
animali, ma questo rischia di oscurare il fatto che già nel 2005,
http://lescienze.espresso.repubblica.it/articolo/Diossina_nelle_uova_in_Germania/1285257
nella stessa regione interessata dall’attuale scandalo ( Bassa
Sassonia), si era evidenziata una contaminazione , oltre i limiti
consentiti dalla legge, di ben il 28% di polli allevati all’aperto in
quel territorio – quindi polli “ruspanti”, quelli che siamo abituati a
considerare i più sicuri perchè allevati in modo naturale.
Ricordo che la Bassa Sassonia è caratterizzata dalla presenza diffusa
di acciaierire ed inceneritori.
Questo dato deve fare molto riflettere, in quanto parlare solo dei
polli contaminati per colpa dei mangimi e non anche di quelli
contaminati per esposizione alle ricadute di acciaierie, inceneritori
ed altri impianti produttori di diossine rischia di non mettere
sufficentemente a fuoco le conseguenze che uno “sviluppo” industriale
dissennato ha comportato, quasi questo fosse meno colpevole di chi ha
deliberatamente nutrito gli animali con mangimi contaminati. Nel primo
caso la colpa è infatti dell'”ambiente”, ovvero di una entità che ci
può apparire astratta ed il cui stato non viene percepito come una
diretta conseguenza di assurdi comportamenti umani.
Non credo ci voglia molto a capire che avere distrutto la civiltà
contadina, avere avvelenato il territorio con pesticidi e con le
ricadute di impianti assurdi ed inquinanti come gli inceneritori non
solo arreca incalcolabili danni all’ambiente e alla salute, ma mina la
possibilità stessa di sopravvivenza delle generazioni future.
Proprio oggi 8.1.2011 ho visto una figura sul Sole24Ore con dati
relativi all’agricoltura europea, che mostra come l’Italia sia
destinata al fallimento anche sotto il punto di vista agricolo,
settore primario, da cui tutti gli altri discendono e che dovrebbe
rappresentare l’eccelenza nel nostro paese noto in tutto il mondo come
patria del buon cibo. Da questo grafico emerge infatti che l’
andamento dei redditi agrari del 2010 rispetto al 2009 è: EU +12.3,
Danimarca +54.8 (e per il 2050 ha pianificato l’uscita dal fossile),
Olanda +32, Francia + 31, Germania + 23, Spagna + 7, Italia – 3.3 (con
calo sup. agricola di 19.200 kmq negli ultimi 10 anni), UK -8.2,
Grecia -4.2, Romania – 8.2.
Tutte queste riflessioni vogliono ancora una volta ribadire il
concetto che è arrivato il momento del cambiamento, dobbiamo
riconoscere il fallimento del modello di sviluppo della attuale
società che evidentemente non si cura delle conseguenze delle proprie
scelte e che è arrivata perfino a contaminare le basi stesse
dell’alimentazione inquinando anche l’alimento più prezioso al mondo:
il latte materno!
Preoccuparsi dell’infanzia e delle possibità di sopravvivenza delle
generazioni future dovrebbe essere al primo posto nei pensieri di una
comunità civile.
E per finire una domanda: come saranno i polli allevati all’aperto in
area di ricaduta dei nostri inceneritori a Forlì? Perchè a nessuno è
mai venuto in mente di indagare?
Cordiali saluti
Patrizia Gentilini
Presidente Associazione Medici per l’Ambiente ISDE Forlì

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: