La Riforma Gelmini e la fine della Storia

di Gennaro Carotenuto

Ha ragione Mariastella Gelmini a celebrare l’approvazione della sua riforma dell’Università come “la fine del Sessantotto”. Con questa espressione però la ministro non intende quello che ogni buon conservatore associa al cosiddetto Sessantotto: antiautoritarismo, antimilitarismo, liberazione sessuale, rottura della morale borghese, equilibrio nel conflitto tra capitale e lavoro.
No, per Mariastella Gelmini il Sessantotto rappresenta innanzitutto un aborrito “egualitarismo”, da combattere con le armi dello sfuggente concetto di “meritocrazia” che la nuova legge si propone di incarnare. La Riforma di oggi è “la fine del Sessantotto” in quanto fine di quel fattore cardine di coesione e perequazione sociale rappresentato dall’Università di massa che Berlusconi e Tremonti, attraverso Gelmini, si erano ripromessi di eliminare. Leggi il seguito di questo post »

Omicidio Petre: quando la solidarietà non basta

di Carmelo Ingegnere

L’omicidio del non ancora ventenne di etnia “Rom” Petre Ciurar, effettuato domenica 5 dicembre, presso una baracca in prossimità della stazione ferroviaria di Barcellona P. G. (Me), con l’uso di fucile a canne mozze, ha scoperchiato sul nostro territorio l’esistenza della comunità straniera e lo stato di degrado in cui essa molto spesso è costretta a vivere. Non che i cittadini barcellonesi non sappiano che nella nostra città vivono e lavorano persone di diversa etnia: essi sono dei lavoratori e dei cittadini “invisibili” che solo casi efferati di cronaca nera portano allo scoperto.

Leggi il seguito di questo post »

Quelli che bruciano la frontiera

Sala Laudamo, Messina – mercoledì 29 dicembre 2010, ore 20,30

la sera avanza pesantemente
e inciampa sul letto dell’immigrato
e quando piove il popolo danza
con maschere straniere

Moncef Ghachem

Cast: Moncef Ghachem, voce recitante; Biagio Guerrera, voce recitante; Pocket poetry orchestra; Faisal Taher, voce; Vincenzo Gangi, chitarra; Giovanni Arena, contrabbasso; Stefano Zorzanello, sax, flauto, elettronica; Marina Borgo, marimba e percussioni; Riccardo Gerbino, percussioni.

ingresso libero sino ad esaurimento posti

2010, Afghanistan: a Herat l’anno nero dei militari italiani

Scontri infiniti e 12 morti. Ma anche impegno per l’addestramento.

www.grnet.it – Con la fine del 2010 giunge al termine l’anno più nero per i militari italiani impegnati in Afghanistan. Leggi il seguito di questo post »

Barbara strage a Filandari (VV), uccisi il padre e i suoi quattro figli

Una strage in una masseria di Filandari, in provincia di Vibo Valentia: uccisi il padre e i suoi quattro figli di età compresa tra i 32 e i 21 anni. Quattro dei cinque uccisi sono morti sul colpo, il quinto è morto durante il trasporto in ospedale. In un primo momento si era pensato ad una vendetta di ‘ndrangheta, ma gli inquirenti hanno detto che la strage fosse riconducibile a contrasti dovuti a liti per proprietà di terreni tra il capo famiglia ucciso e un’altra persona. In serata, probabilmente sentendosi il fiato sul collo, si è costituito ai carabinieri di Vibo Valentia un 42enne, Ercole Vangeli, addossandosi la responsabilità della barbara strage.

Precari e disoccupati in rivolta, in Tunisia

Pubblicato su Lavoro. Leave a Comment »

Tour in Uganda dei “cooperanti” con le stellette

di Antonio Mazzeo

La nostra missione è promuovere la dignità della persona attraverso la cooperazione allo sviluppo nel solco dell’insegnamento della dottrina sociale cattolica”. Si presenta così una delle maggiori organizzazioni non governative italiane, la Fondazione AVSI (Associazione Volontari per il Servizio Internazionale), 29 milioni di euro nel bilancio 2009e oltre 100 progetti di sviluppo in 38 Paesi di Africa, America Latina, Asia ed Est Europa.

Leggi il seguito di questo post »

Provincia: Paffumi (Noi Sud), esponenti Mpa fuori Giunta

”Alla Provincia di Messina continuano a svolgere il ruolo di assessori elementi organici all’Mpa, partito che ha votato la sfiducia al Governo nazionale e che tiene all’opposizione in Sicilia il Pdl ed i suoi alleati”. Lo dice all’ANSA il segretario regionale di noi Sud Angelo Paffumi. ”Ritenendo che sia naturale e logico estromettere gli avversari dai posti di governo – ha sottolineato Paffumi – è opportuno assegnare quelle possibilità operative a rappresentanti segnalati da forze politiche che sostengono con lealtà l’attuale compagine governativa nazionale e che sono solidali nella vicenda che ci trova insieme all’opposizione in Sicilia”. Leggi il seguito di questo post »

Petardo distrugge bancomat

MESSINAL’esplosione di un grosso petardo la notte scorsa a Messina ha distrutto il bancomat di un ufficio postale del Rione Camaro. E’ intervenuta la polizia. Gli investigatori ipotizzano che si sia trattato di una bravata e non di un tentativo di furto.

Comune di Messina, conferenza stampa consiglieri Udc


MESSINA – Si svolgerà domattina, martedì 28 dicembre alle 10, nell’aula consiliare del Comune di Messina, una conferenza stampa dei consiglieri comunali Udc  sull’ultimo riequilibrio di Bilancio 2010 da poco approvato in Consiglio.

Gli Angeli sopra il Tirone

Luminarie, Storia, Performance e Letture in via degli Angeli

28 dicembre 2010 dalle 18 alle 22

Chiesa dello Spirito Santo Leggi il seguito di questo post »

Il politico e il ragazzo rumeno

di Riccardo Orioles

Uno vende i voti. L’altro piglia le luparate.

Da Barcellona Pozzo di Gotto – ridente cittadina tirrenica, ad alto tasso mafioso – sono giunti alle cronache due nomi. Uno, a modo suo famosissimo, è Domenico Scilipoti, l’ultimo Giuda di quel povero cristo di Di Pietro e anche, indirettamente, di noi tutti. Pagine e pagine ha avuto, dai giornalisti di palazzo: ha esternato in tv le sue ragioni, ostentando disprezzo per quei trenta denari.

L’altro nome è quello di un ragazzo rumeno di vent’anni, tale Petre Ciurar. Stava in una baracca lungo la ferrovia, con  la moglie e un bambino di nove mesi, una di quelle baracche che periodicamente i barcellonesi più attenti alla politica nazionale vanno a incendiare con la benzina.

Leggi il seguito di questo post »

Irregolare la gara d’appalto per la gestione dei rifiuti

di Orsa

La circolare n° 2 del 16 dicembre 2010, firmata dall’Assessore Regionale dell’Energia e dei Servizi di pubblica utilità, dal prefetto Giosuè Marino, e dal dirigente generale dott. Vincenzo Emanuele, sancisce di fatto l’irregolarità della gara d’appalto per la gestione dei rifiuti bandita dal commissario liquidatore dell’ATO3, confermando quanto a suo tempo denunciato dall’Orsa che, fra l’altro, segnalava il paradossale conflitto di interessi del commissario liquidatore della società d’ambito –Antonio Ruggeri- che a dispetto dei numerosi incarichi rivestiti a spese del Comune, risulta controparte dello stesso Comune in diversi contenziosi legali. Leggi il seguito di questo post »

Notte di San Silvestro: I botti uccidono ogni anno almeno 5mila animali

Ogni anno almeno 5 mila animali muoiono nella notte di San Silvestro , e tra loro oltre 1500 cani  e gatti (oltre a volatili e piccoli animali) per colpa dei ‘botti’ sparati nella notte di Capodanno.

”Un vero e proprio massacro al quale, ancora una volta, siamo costretti ad assistere impotenti, nonostante tutti gli appelli che da anni le associazioni animaliste lanciano e le persone di buon senso sottoscrivono, e nonostante le migliaia di firme raccolte”, afferma l’Aidaa (Associazione italiana difesa animali e ambiente) che anche quest’anno rilancia l’allarme. Leggi il seguito di questo post »

Palermo: Dato alle fiamme portone sede del PD, scritte intimidatorie a terra

Stanotte, a Palermo, è stato appiccato il fuoco al portone d’ingresso della sede che ospita le segreterie regionale e provinciale del PD, in via Bentivegna. La fuliggine ha raggiunto il primo piano, quello degli uffici.

Alcune scritte sono state trovate sul marciapiede davanti all’ingresso e sul portone: con vernice rossa a spruzzo qualcuno ha scritto ”R”, seguita dal disegno di una falce e martello e da una ”B”.

Sul luogo è intervenuta la polizia, avvertita stamane dal personale del Partito. (Ansa, 27 dicembre)