Mafia: Rubate telecamere per localizzare boss Messina Denaro

Gli investigatori le avevano fatte piazzare nei pressi delle abitazioni di alcune persone vicine al boss Matteo Messina Denaro, nella speranza di riuscire a localizzare il superlatitante, ma le telecamere sono scomparse all’improvviso. Un mistero chiarito con l’arresto di due tecnici di una ditta concorrente a quella che aveva curato le riprese.

In cella sono finiti Michele Messana, 30 anni, di Mazara del Vallo, e Vincenzo Portali, di 33, messinese, con l’accusa di favoreggiamento aggravato nei confronti di Matteo Messina Denaro e di due suoi presunti fiancheggiatori.

(Ansa, 31 dicembre)

Napolitano: Giovani senza futuro, scacco a democrazia

Senza nuove possibilità di occupazione e di vita dignitosa per i giovani, senza nuove opportunità di affermazione sociale, la partita del futuro è persa non solo per loro, ma per tutti, per l’Italia: ed è in scacco la democrazia. E’ il passaggio più forte del discorso del presidente della Repubblica dedicato ai giovani. Napolitano esorta tutti, cittadini ed istituzioni, a fare la propria parte nell’affrontare le sfide del futuro, ribadisce la necessità che tutti paghino le tasse. (Ansa, 31 dicembre)

Napolitano: sanare divario Nord-Sud

Il presidente Napolitano, nel messaggio di fine anno, esorta ad operare su tutti i piani per sanare la storica ferita di quel divario tra Nord e Sud che ‘si va facendo perfino più grave’. ‘Una crescita più dinamica dell’economia e della società nazionale richiede uno sviluppo congiunto’, prosegue il Capo dello Stato. ‘Possiamo aprirci la strada verso un futuro degno del grande patrimonio storico della Nazione italiana. Facciano tutti la loro parte’. (Ansa, 31 dicembre)

Ninni Bruschetta: un messinese che fa l’attore

di Dominga Carrubba

Presso il ‘Circolo Pickwick’ (Via Ghibellina, 32Messina), Dario Tomasello e Vincenzo Bonaventura hanno presentato il saggio “Sul mestiere dell’attore” del concittadino Ninni Bruschetta, attore di cinema e televisione, ed anche regista teatrale.

Il saggio “Sul mestiere dell’attore” (2010, 132 p.,ed. Bompiani) non si limita a descrivere il modus recitandi imposto dal copione come fosse una kermesse in risposta alla domanda di un potenziale pubblico … “Non gl’immobili fantocci del Presepio; e nemmeno ombre in movimento. Leggi il seguito di questo post »

LULA NON ESTRADA BATTISTI. BERLUSCONI, NON FINISCE QUI

(AGI) – Brasilia, 31 dic. – Il ministro degli Esteri brasiliano Celso Amorin ha reso noto che il presidente Lula non ha concesso l’estradizione in Italia del terrorista rosso Cesare Battisti. Battisti, 56 anni, detenuto in Brasile dal 2007, è stato condannato in Italia all’ergastolo per 4 omicidi commessi quando negli anni ’70 era leader dei Proletari Armati per il Comunismo (Pac).

DECISIONE DI LULA SUGGERITA DALL’AVVOCATURA. Leggi il seguito di questo post »

Il Bambino è nato. Aspettiamo l’anno nuovo

Sanità Sicilia: inchiesta su appalto alla società del marito della Finocchiaro

La Procura di Catania ha aperto un’indagine sulla procedura che ha portato all’affidamento dell’ appalto per l’informatizzazione del Presidio territoriale di assistenza (Pta) di Giarre assegnato alla Solsamb srl, societa’ guidata dal marito della senatrice Pd Anna Finocchiaro. La Guardia di Finanza ha sequestrato negli uffici dell’assessorato alla Sanita’ gli atti relativi all’ispezione disposta nei giorni scorsi dall’assessore Massimo Russo che, sulla base della relazione degli ispettori, sarebbe intenzionato a chiedere al manager dell’Asp 3 di annullare la convenzione. (ANSA)

Afghanistan: italiano morto, ‘fatalità’

Si trovava all’interno della base di Buji, dove prestava servizio, il militare italiano colpito e ucciso da un cecchino oggi in Afghanistan. Il soldato, secondo quanto si apprende da fonti militari, e’ stato raggiunto da un proiettile penetrato in prossimita’ della spalla, in una parte lasciata scoperta dal giubbetto, ed ha raggiunto organi vitali.

Una fatalita’ che suscita rabbia, ha detto il ministro La Russa aggiugendo che ‘i cecchini non sono una novita’ ma finora non avevano ferito nessuno’. (ANSA)

Buon 2011 a tutti

dal Blog della Mela

Merry Christmas and Happy New Year

Anziana uccisa per una rapina, quattro fermati

FRANCAVILLA DI SICILIA (MESSINA) – Quattro persone sono state sottoposte a fermo dai carabinieri di Messina con l’accusa di rapina e omicidio. Si tratta degli uomini che secondo gli investigatori avrebbero fatto irruzione lo scorso 23 dicembre in un appartamento in via Gorizia, a Francavilla di Sicilia, sorprendendo nella notte due sorelle di 91 e 88 anni.
Le donne furono legate al letto e rapinate; la sorella minore, imbavagliata con una canottiera per non farla gridare, morì soffocata. Leggi il seguito di questo post »

Accordo sulla PIANTA ORGANICA CENTRO NEUROLESI

L‘OrSa ha firmato la proposta di pianta organica, presentata nella riunione sindacale dal Commissario Straordinario -Dott. Francesco Scarfò- dell’I.r.c.c.s. Bonino-Pulejo di Messina.

Il parere positivo è scaturito dalla collaborazione costruttiva con la quale si è riusciti ad organizzare un piano di esigenza organica che nella congruità e nella quantità tiene conto della principale mission dell’I.r.c.c.s. volta all’assistenza dei pazienti e alla  ricerca scientifica; con una unica dotazione organica in grado di svolgere la doppia funzione. Leggi il seguito di questo post »

Pubblicato su Lavoro. Leave a Comment »

Cgil: “Persi in Sicilia 16 mila posti”

Secondo la Cgil siciliana, “l’anno 2010 si chiude con un bilancio negativo sotto il profilo dell’occupazione e delle vertenze ancora aperte. I posti di lavoro perduti solo nei primi 9 mesi dell’anno – afferma una nota del sindacato, sono stati 16 mila, il tasso di occupazione è diminuito di mezzo punto. Si aspettano soluzioni per la Keller, per i cantieri navali di Palermo e Trapani; nulla di nuovo sul fronte della Fiat di Termini Imerese, per la quale si attende ancora una proposta seria e credibile, che consenta di proseguire con l’attività produttiva della fabbrica e dell’indotto”.
Leggi il seguito di questo post »

E per Capodanno il 68% degli italiani restò a casa…

Capodanno alle porte e gli italiani si preparano al cenone: molti andranno a festeggiarlo in vacanza, nei locali e nei ristoranti, ma la gran parte degli italiani, il 68% , brinderà in casa. Per i cenoni, si prevede una spesa di 2,7 miliardi di euro. Nelle grandi città sono stati organizzati concerti e manifestazioni, a Bergamo sono stati proibiti i botti (con una multa fino a 500 euro per i trasgressori).

Le previsioni del tempo dicono cielo sereno al nord e nuvoloso nel centro-sud.

(Ansa)

Un Natale di speranza nella terra dell’alluvione

MESSINA – C’è ancora un silenzio assordante. Un ossimoro che, a distanza di un anno pesa come i detriti caduti sul devastato litorale Sud di Messina, teatro dell’alluvione di un oltre un anno fa, che ha provocato 37 vittime. Ad oggi sono 21 i cantieri aperti per la ricostruzione. La Regione Sicilia e il Governo hanno stanziato complessivamente 140 milioni di euro. Ne servirebbero altri 170 per la messa in sicurezza del territorio.

Leggi il seguito di questo post »