AVANTI TUTTA!

Oggi l’assemblea degli studenti e dei ricercatori in mobilitazione dell’Università di Messina ha deliberato, in seguito alle ultime notizie della Camera, di prolungare la protesta almeno fino a martedi prossimo 30 Novembre. Ci trovate tutt* sul tetto del rettorato, con la facciata listata a lutto per la pessima fine annunciata dell’Università, con gli striscioni della Rete29Aprile e del collettivo UnimeInProtesta. Giorno e notte, ad oltranza, per dare la spallata decisiva al DdL — e speriamo che non piova troppo! Leggi il seguito di questo post »

Stava per essere approvata una Riforma

di Claudio Risitano

“Oggi in questo Paese stava per essere approvata una Riforma che avrebbe definitivamente annichilito il diritto allo studio, una riforma che avrebbe ratificato la trasformazione dei luoghi del sapere in fabbriche di precarietà e di mercificazione del sapere e della vita. E allora abbiamo deciso di ribellarci, di insorgere per evitare che questa legge venisse approvata, di far sapere a questa città, che spesso vive nella più assoluta apatia qualunque violenza viene agita verso la vita delle persone e verso il diritti collettivi, che ribellarsi è possibile e che è giusto, e che quando sappiamo che abbiamo ragione dobbiamo anche salire sui tetti e urlarlo forte”. Leggi il seguito di questo post »

Cosa fanno quei ragazzi in cima al Rettorato?

di Rete NoPonte

Cosa fanno quei ragazzi in cima al Rettorato? Cosa spinge quei giovani corpi a scagliarsi a mani nude contro scudi e manganelli violenti quanto disperati? Difendono la società. Leggi il seguito di questo post »

Rifondazione Comunista Messina con gli studenti in lotta

Il Partito della Rifondazione Comunista ed i Giovani Comunisti della Federazione di Messina (Federazione della Sinistra)  si oppongono al decreto classista della ministra Gelmini e sostengono le lotte degli studenti e dei ricercatori contro la legge Gelmini che, dicendo di voler colpire sprechi e privilegi, colpisce in realtà il diritto allo studio, gli studenti disabili e il futuro della ricerca pubblica. Leggi il seguito di questo post »

Bloccati alcuni progetti dello scempio di Messina

di Giorgio Siculo

Il Genio civile ha bloccato alcuni progetti che continuano a deturpare il nostro territorio nel più assoluto silenzio delle forze politiche di maggioranza e di opposizione. Si tratta della “Residenza Borgo Montalto” ai piedi del famoso santuario, del progetto di via del Pozzo (accanto alla chiesa della Madonna di Pompei) e di altri progetti deturpanti sulla panoramica e S. Giovannello. Alcuni sono terreni appartenenti alla chiesa e quindi non dovrebbero decidere solo preti e frati. Leggi il seguito di questo post »

Omaggio di Massimo Lopez a Frank Sinatra

di Francesco Saija

Piacevolissimo spettacolo al teatro “Vittorio Emanuele” (fino a domenica 28 novembre) con Massimo Lopez. Lopez, con la sua voce, riporta sul palcoscenico l’antica voce di Frank Sinatra; il mito giovanile di Lopez riacquista voce a distanza di tanti anni. Tantissime le repliche ma lo spettacolo ogni sera si rinnova e attualizza. Leggi il seguito di questo post »

Ponte sullo stretto. Ora?

di doriangray2001

Dal tetto del Rettorato l’Onda riparte.

La terrazza del rettorato occupata ( foto E.Di Giacomo)

di Tonino Cafeo

Hanno trascorso la notte al plesso centrale dell’Università i ricercatori precari e gli studenti messinesi in lotta contro il ddl Gelmini, ed hanno intenzione di restare lì – dividendosi fra il terrazzo e l’aula “Cannizzaro” – almeno fino a martedì prossimo, giorno in cui il contestatissimo disegno di legge, che demolisce nella sostanza l’università pubblica e il diritto allo studio, giungerà al voto finale della Camera dei Deputati.

Tutto è iniziato ieri mattina, un po’ come sta accadendo in tutto il paese, con l’occupazione del terrazzo del rettorato. Leggi il seguito di questo post »

Inchiesta festini, si pente narcotrafficante trapanese

PALERMO – Da circa tre settimane sta riempiendo pagine di verbali, raccontando di maxitraffici di droga e festini a luci rosse a base di cocaina: ex collaboratore della segreteria politica del presidente della Provincia di Messina del Nuovo Psi, Nanni Ricevuto, ed ex consulente del Comune di Campobello di Mazara, ha cominciato a collaborare con i pm di Palermo che indagano su un’associazione criminale che acquistava stupefacenti dalla Colombia e dalla Spagna per rivenderli in Italia. L’indagine ha coinvolto, tra gli altri, l’ex assistente parlamentare Perla Genovesi, pure lei ora collaboratrice di giustizia, che ha rivelato i retroscena su presunti festini a sfondo sessuale che avrebbero coinvolto il presidente del Consiglio, e Paolo Messina, ex dipendente comunale, ritenuto dagli investigatori la mente dell’organizzazione criminale.

Attende ben sette ore per un’ecografia. Ennesimo caso di malasanità?

Messina – Pasqualina Spidaliere, 41 anni, il 23 novembre scorso, si sente male, trasportata  d’urgenza al Pronto soccorso del Policlicnico,  viene poi trasferita nel reparto di Urologia per sospette coliche renali. Il medico le prescrive un’ecografia ma la dimette perché l’esame non poteva essere effettuato prima dell’indomani.  La donna torna a casa insieme al marito ma durante la notte si sente, di nuovo, male. Le condizioni della donna all’improvviso  precipitano e viene intubata. Avvisato da un’amica, alle 13,  il marito torna al Policlinico dove i medici gli comunicano che sua moglie è morta.  Il marito ha chiesto l’intervento dei carabinieri presentando denuncia nella speranza che la magistratura faccia piena luce sulla tragica vicenda, che è anche, per certi versi, lo specchio di una malasanità.

‘Salina isola di luce’ di Melo Franchina

“Sono anni in cui, il disorientamento per gli stravolgimenti planetari

determinati dalle guerre, per le sofferenze prodotte dalla nostra ‘civiltà’

ad altri popoli, hanno prodotto in me interrogativi anche sul senso stesso

del fare ‘Arte’. In conseguenza a ciò è mutata la logica dei progetti: ogni

progetto affronta un aspetto di un unico percorso tendente a costruire

reti di relazioni ed eventi, per incidere sulla presa di coscienza collettiva

di ciò che tende a rimanere ‘invisibile’”.

Melo Franchina

A Villa San Giovanni centinaia di precari bloccano gli imbarchi per la Sicilia

VILLA SAN GIOVANNI (REGGIO CALABRIA) – Alcune centinaia di precari stanno protestando, a Villa San Giovanni, davanti gli imbarcaderi delle società private di traghetti che effettuano il collegamento con la Sicilia, bloccando l’accesso dei mezzi in fila per l’imbarco. La protesta è stata organizzata dall’Unione sindacale di base per richiamare l’attenzione sulla condizione di Lsu e Lpu che lavorano negli enti locali e che chiedono la stabilizzazione. Alla manifestazione hanno aderito Lsu-Lpu di varie parti della Calabria.

Riforma università: a Messina gli studenti dell’UDU in protesta

Perché studiare sia un diritto e non un privilegio.

Anche gli studenti dell’UDU, l’Unione degli Universitari, di Messina da ieri sta protestando contro l’approvazione della Riforma Gelmini. “Vogliono privatizzare non più solo le strutture ma anche i servizi per il diritto allo studio- denunciano dall’UDU Messina-. Leggi il seguito di questo post »

Panarea: Residenti senza pane, maltempo impedisce la consegna del lievito

LIPARI (MESSINA) – I 300 abitanti di Panarea, la più piccola isola dell’arcipelago eoliano, oggi sono senza pane: l’unico panificio è rimasto senza lievito. In questi giorni, a causa del mare agitato che anche oggi ha bloccato i collegamenti, a Panarea sono calate le scorte di viveri. Anche stamane il maltempo ha impedito alcune corse degli aliscafi, mentre sono regolari le corse del traghetto da Milazzo per Lipari, e da qui, con qualche difficoltà, per quelle isole dove è possibile l’attracco della nave.

Scuola: Cortei e traffico in tilt a Palermo

Palermo (Adnkronos) – Cortei, blocchi stradali e nuove scuole occupate. Non accenna a rientrare a Palermo la protesta contro la riforma Gelmini e, dopo le iniziative di protesta di ieri, oggi altri cortei hanno invaso le strade paralizzando il traffico. Gli studenti hanno raggiunto le sedi dell’Ufficio scolastico provinciale in via Praga e della Provincia a Palazzo Jung in via Lincoln. I manifestanti protestano contro i tagli alla scuola pubblica e il finanziamento agli istituti privati previsti dalla riforma Gelmini. I cortei di via Praga e via Lincoln sono organizzati dagli studenti che aderiscono al cartello ‘Proteste libere’, mentre il coordinamento ‘Studenti medi in movimento’ dara’ vita a una serie di mini cortei non autorizzati in altri punti della citta’. Intanto sale a tredici il numero delle scuole occupate, con gli altri istituti della citta’ in autogestione ed in assemblea permanente.