Rissa a Milazzo per un parcheggio, cinque arresti

MILAZZO (MESSINA) – I carabinieri hanno arrestato Giuseppe Sgrò, 72 anni; Alessandro Sgrò, 34; Fortunata Maimone, 63; Giuseppe Milioti, 33; Maria Tindara Di Salvo, 33, per rissa. Secondo quanto emerso dalle indagini, lo scontro si sarebbe verificato in seguito ad un’accesa discussione per un parcheggio. Alcuni dei partecipanti alla “scazzottata” hanno riportato escoriazioni e qualche contusione

Calcio: Sospeso lo sciopero dei calciatori

Sciopero sospeso e trattativa per il rinnovo del contratto collettivo prolungata fino al 30 novembre. Questo l’accordo trovato dai rappresentanti della Lega di Serie A e l’Assocalciatori al termine del quarto incontro in Federcalcio. La minaccia dell’Aic di bloccare il massimo campionato italiano resta però sul tavolo, e scatterà automaticamente se nei prossimi due mesi le parti non dovessero trovare l’intesa. Per questo, la strada che dovrà portare all’attesa fumata bianca avrà la vigilanza super partes del presidente della Figc, Giancarlo Abete, che si farà garante affinché non ci siano “forzature o imposizioni”. Leggi il seguito di questo post »

Palermo: Pm chiede archiviazione caso avvistamenti pantera

La pantera, che si sarebbe aggirata quest’estate per le colline e i boschi di Palermo, è sparita.

Ammesso che sia mai esistita.

Così il Pm Carlo Lenzi, titolare del fascicolo, per detenzione illegale di animali pericolosi, un reato introdotto qualche anno fa dopo un analogo caso (anche in quell’occasione si trattava di una pantera) accaduto a Roma, ha deciso di chiedere l’archiviazione del caso.

(Ansa, 22 settembre)

Lombardo: Giunta e deleghe martedì all’Ars

Il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, presenterà il nuovo governo all’Ars martedì prossimo. ”Per quella data – ha detto Lombardo presentando alcuni degli assessori alla stampa – assegnerò le deleghe agli assessori”.

Intanto è cominciato, all’Assemblea regionale siciliana, il dibattito parlamentare sul nuovo governo dopo la relazione di ieri del governatore. Lombardo è presente in aula. (Ansa, 22 settembre)

Messina, Cattedrale: Ritornano al tesoro del Duomo due antichi dipinti restaurati

Due preziosi dipinti su tavola, raffiguranti la Madonna della Lettera e del Grafeo, recentemente restaurati nel laboratorio del prof. Ernesto Geraci, secondo la progettazione e la direzione della Soprintendenza di Messina, saranno presentati e riconsegnati oggi, mercoledì 22 settembre, alle ore 17, nella Sala Capitolare della Cattedrale (accanto al Tesoro), alla presenza dell’arcivescovo, Mons. Calogero La Piana e del soprintendente ai beni culturali Salvatore Scuto.

Le due opere ritornano così alle loro sedi per essere esposte al pubblico nella prima sala del Tesoro del Duomo.

Un piano organico per la messa in sicurezza di Pezzolo

di Dario Buonfiglio

Per risolvere il problema dei movimenti franosi di Pezzolo bisogna, prima di tutto, incanalare le falde acquifere che causano il dissesto del territorio. Riaprire la strada provinciale per il centro urbano, senza aver prima messo in sicurezza, la zona non ha senso. Canalizzare le acque piovane, creare la perfetta pendenza per il giusto deflusso, costituiscono gli interventi basilari per far sì che la strada non sia più soggetta a frane. Leggi il seguito di questo post »

La paura di nascere a Messina

di Fabrizio Vinci

Stesso copione, ancora una lite tra ginecologi e a farne le spese una madre e il suo bambino. Non può trattarsi di una semplice combinazione: nella città dello Stretto nascere senza complicazioni è diventato un lusso.  La causa scatenante, per l’ennesima volta, è la modalità del parto (naturale o cesareo).

Vengono i brividi pensando che neanche un mese fa si era verificato un caso analogo;  anche in questa occasione, gli interessi dei singoli medici hanno oscurato il giuramento di Ippocrate. Ancora una volta ci saranno danni permanenti: per la madre, che ha subito l’asportazione dell’utero, e per il bimbo sottoposto (seppur temporaneamente) al coma farmacologico, vista la sopravvenuta ischemia celebrale.

Adesso la cittadinanza ha davvero paura, e si domanda come sia possibile che un evento bello, quale dovrebbe essere la nascita,  si trasformi regolarmente in un thriller. Lo Stato italiano dovrebbe intervenire duramente, vista l’incapacità (o l’impossibilità) da parte dell’ordine dei medici, di disciplinare adeguatamente i ginecologi del capoluogo peloritano.

Pubblicato su Sanità. Leave a Comment »