Inchiesta depuratore, otto avvisi di garanzia


MILAZZO (MESSINA) – La guardia di finanza ha concluso le indagini iniziate nell’estate 2009, su delega della procura di Barcellona Pdg, sul cattivo funzionamento del depuratore di Ponente e ha notificato gli avvisi di chiusura indagini a otto persone che direttamente e indirettamente seguivano i lavori di ammodernamento del depuratore costato quasi 5 milioni di euro e mai entrato totalmente in funzione. Dopo i primi prelievi effettuati nel mare di Ponente, in collaborazione con la Capitaneria di porto, l’ex sindaco Lorenzo Italiano fu costretto ad  emanare un’ordinanza per il divieto della balneazione che tanti danni arrecò all’economia milazzese. Gli avvisi sono stati notificati: all’ex dirigente del sesto dipartimento del comune di Milazzo, Francesco Clemente, ai direttori dei lavori Giuseppe Bonarrigo, Alfredo Romagnolo e Felice  Rugolo (dipendenti comunali), ai rappresentanti dell’impresa che stava effettuando i lavori di ammodernamento Emilio Cucè, Antonio Bonfiglio e  Massimo Sidoti e al titolare di un autoespurgo Sarino Galipò.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: