Bombola di gas in cassonetto provoca l’incendio di un autocompattatore

Lo scoppio e’ avvenuto ieri sera a Mazara del Vallo

Rifiuti ©NuovoSoldo

Una bombola del gas piena a meta’ gettata in un cassonetto ha provocato l’incendio della vasca di raccolta di un autocompattatore. Lo scoppio e’ avvenuto ieri notte a Mazara del Vallo (Tp), quando l’autista ha sollevato il cassonetto sul mezzo. A domare le fiamme sono stati i vigili del fuoco, avvertiti dal dipendente di Belice Ambiente Spa. Il mezzo ha riportato gravi danni. (ANSA)

Comuni: a Panettieri gli amministratori fanno anche i certificati

Cosenza - Sila Piccola ©NuovoSoldo

A Panettieri (CS) il Comune ha un solo impiegato e gli amministratori gli danno una mano sbrigando le pratiche ed i certificati. Nel comune cosentino risiedono circa 400 abitanti e da alcuni mesi un impiegato comunale e’ andato in pensione ed ora l’Ente puo’ contare su una sola unita’ lavorativa. ”Cerchiamo di fare il possibile per andare avanti – ha detto il vicesindaco, Salvatore Parrotta – perche’ i continui tagli hanno creato una situazione davvero difficile. E cosi’ a turno diamo una mano all’unico impiegato nel disbrigo delle pratiche”. (ANSA)

Maltempo: Ripresa circolazione dei treni sulla linea jonica

Sospensione decisa per riparare i danni delle recenti piogge

E’ stata riattivata la circolazione ferroviaria sulla linea ionica, fra le stazioni di Reggio Calabria Centrale e Melito Porto Salvo. Il transito dei treni era stato interrotto stamane a causa dei danni provocati dal maltempo. La sospensione si era resa necessaria per consentire ai tecnici di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS) e ai Vigili del Fuoco il ripristino della massicciata all’ingresso della stazione di Reggio Calabria Centrale, erosa dalle piogge che in questi ultimi giorni hanno interessato la zona. (ANSA)

Campagna Greenpeace Austria: “Stop Berlusconi”

Silvio Berlusconi ©Sostine Cannata

Austria — È partita la campagna virale di Greenpeace Austria “Stop Berlusconi” per fermare i piani nucleari del nostro Presidente del Consiglio. Attraverso un sito web dedicato, gli austriaci stanno firmando una petizione per chiedere a Berlusconi che l’Italia resti “libera dal nucleare”, come l’Austria. Leggi il seguito di questo post »

La Terra incontra un asteroide ‘spezzato’

Luna e lampione ©NuovoSoldo

All’indomani dell’incontro ravvicinato con due asteroidi, la Terra incrocia oggi un asteroide ”spezzato”. E’ il primo oggetto di questo tipo mai osservato. L’autore della scoperta e’ lo stesso che ha individuato i due piccoli asteroidi che ieri hanno sfiorato la Terra, l’italiano Andrea Boattini, che lavora negli Stati Uniti, nell’universita’ dell’Arizona e che detiene attualmente il record italiano per numero di comete scoperte. (ANSA)

L’ESTATE DELLA MALASANITA’

Il 26 agosto la lite tra medici al Policlinico di Messina in sala pre parto che avrebbe infatti ritardato l’intervento sanitario sulla donna, un cesareo, con conseguenti complicazioni: alla mamma viene asportato l’utero e il bimbo subisce due arresti cardiaci riportando due ischemie i cui danni saranno valutabili solo nel tempo. Sempre il 26 agosto a Roma un altro giallo in sala parto, un altro litigio, questa volta fra le ostetriche: i genitori, disperati per la morte del figlioletto, hanno presentato denuncia. Il parto è avvenuto con cesareo, due settimane prima del termine; il bimbo poco dopo ha problemi respiratori e viene intubato. Nel pomeriggio migliora ma la mattina del 28 la situazione precipita e i medici parlano di problemi di metabolismo. Alla sera muore. Il 7 settembre una donna di 76 anni ricoverata alle Molinette di Torino muore e la causa del decesso potrebbe essere una trasfusione sbagliata. L’anziana è stata sottoposta a una trasfusione ma, per un errore, la sacca di sangue è stata scambiata con un’altra di un gruppo sanguigno diverso dal suo. Sul caso la procura di Torino ha aperto un’inchiesta. L’8 settembre una donna di 32 anni muore a Policoro, nel materano, dopo un parto cesareo gemellare avvenuto la scorsa notte. Era ricoverata nel reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale di Policoro e a seguito delle complicanze dell’intervento era stata trasferita nella rianimazione, ma senza esito. (Apcom)

FERMIAMO LA GELMINI – TREMONTI

Bambini contri la Gelmini ©Sostine Cannata

Il ministro Gelmini distrugge la scuola pubblica con provvedimenti che tagliano decine di migliaia di posti di lavoro, cancellano o riducono i servizi alle famiglie, abbassano la qualità dello studio e della ricerca. Il tentativo di governo e confindustria è di uscire dalla crisi scaricandone i costi interamente sui lavoratori e sulla qualità dei servizi, prospettando una società impoverita, degradata, imbarbarita nella sua cultura e nelle sue relazioni, in cui i servizi pubblici vengono smantellati e trasformati in occasione di guadagno per una imprenditoria stracciona, incapace di innovare e di competere sulla qualità.In questa direzione vanno l’imposizione dell’accordo quadro sui contratti, le leggi Brunetta sul pubblico impiego, l’attacco di Marchionne e degli industriali a diritti operai garantiti dal CCNL e dalla Costituzione, lo smantellamento della Scuola pubblica.

Leggi il seguito di questo post »