Maltempo: a Reggio Calabria si lavora per rimuovere fango

Molte richieste intervento ai vigili del fuoco per allagamenti

Proseguono a Reggio Calabria i lavori per far fronte ai danni provocati dal nubifragio di venerdi’ sera. I Vigili del fuoco ed i volontari della protezione civile stanno lavorando intensamente per rimuovere il fango ed i detriti che hanno invaso le strade. Il personale del Comune, inoltre, sta intervenendo per ripristinare alcuni tratti stradali che hanno subito seri danni. Sono ancora in difficolta’ i residenti di alcune zone i quali segnalano problemi all’energia elettrica ed alle linee telefoniche. (ANSA)

Chiese aiuto a clan mafioso: resta in carcere ex deputato

Amendolia era stato anche assessore provinciale a Catania

Resta in carcere l’ex deputato regionale ed ex assessore della Provincia di Catania, Nino Amendolia. L’uomo era stato fermato nei giorni scorsi dalla squadra mobile catanese per tentativo di estorsione aggravata e sequestro di persona. Lo ha deciso il Gip Paola Cosentino che, accogliendo la richiesta del sostituto procuratore della Dda etnea Agata Santonocito, ha emesso un ordine di custodia cautelare per tentativo di estorsione e sequestro di persona. (ANSA)

Auto a corsa dell’Etna piomba su spettatori, due feriti

Sono fratelli, uno ha prognosi riservata

Un’auto che partecipava alla corsa dell’Etna, stamani a Nicolosi (Ct), e’ piombata sul pubblico ferendo due spettatori. Si tratta di Francesco ed Emanuele Zappala’, di 26 e 21 anni, entrambi di Gravina di Catania. Il piu’ grave, Francesco, che e’ stato trasportato con l’elisoccorso all’ospedale Cannizzaro di Catania, ha la prognosi riservata. Il fratello, invece, e’ stato medicato all’ospedale Garibaldi di Catania per un trauma al bacino: ha 40 giorni di prognosi.(ANSA)

Immigrazione, in 24 ore 15 migranti arrivati a Pantelleria

Quindici migranti che hanno affermato di essere tunisini sono stati bloccati nelle ultime 24 ore sulle coste dell’isola di Pantelleria. Stamane a Punta Sciacazza sono stati fermati, dai carabinieri, sette extracomunitari tutti uomini e in buone condizioni di salute. Sono arrivati su un gommone. Stasera partiranno per Trapani. Ieri sera invece altri otto migranti sono stati scoperti dalla guardia costiera nella frazione di Karuscia. Hanno dichiarato di essere partiti due giorni prima dal porto di Kelibia, in Tunisia. (ANSA)

Scuola: Nuovo anno, troppe classi over 25 e in 2.400 sedi amianto

Mentre dal governo arrivano gli attesi fondi per la messa in sicurezza degli istituti più a rischio, pari a tre tranche che corrispondono a quasi un milione di euro complessivi, con l’avvio del nuovo anno scolastico cresce il numero di classi che superano il limite massimo, imposto per legge, di 25 alunni. I sindacati lamentano che nei licei scientifici la situazione è allarmante: a superare la norma sarebbero quasi il 70% delle classi. Leggi il seguito di questo post »

Terremoti: scossa di magnitudo 2.3 alle Isole Eolie e due scosse a Montereale nell’aquilano

Un terremoto di 2,3 gradi della scala Richter si è verificato in mare alle ore 15,48 di oggi a pochi chilometri a sud ovest del comune di Leni (ME), nell’isola di Salina nelle Eolie. L’ipocentro è stato individuato dall’INGV a 10,6 km di profondità. Il sisma non ha provocato danni.

Intando procede lo sciame sismico in provincia dell’Aquila. Anche oggi, come registrato dalla Rete sismica nazionale dell’INGV, ci sono state due scosse di magnitudo superiore a 2 gradi Richter: una di magnitudo 2 alle ore 12,09 e una di magnitudo 2,5 pochi minuti fa alle 18,14. Entrambi i sismi hanno avuto l’epicentro a 3 km dall’abitato di Montereale (AQ).

Sono 68.345 i detenuti, allarme regioni

(ANSA)  –  Con 68.345 detenuti in 200 penitenziari, tutte le regioni italiane hanno ampiamente superato la capienza regolamentare’, denuncia il Sappe. Donato Capece, segretario generale del sindacato penitenziario spiega: “E’ solo grazie alla professionalità e al senso dello Stato che hanno le migliaia di poliziotti penitenziari, carenti in organico di piu’ di 6mila unità, che si riescono a contenere i disagi e le proteste dei detenuti”.  Capece si appella alla sensibilita istituzionale del ministro Alfano.