Università di Messina ed Eurolink. Il punto di vista della RETENOPONTE.



Il sit in di martedì scorso nel cortile dell'Università centrale.

di Retenoponte Martedì 6 luglio abbiamo manifestato, attraverso un sit-in organizzato in  concomitanza con la seduta del Senato Accademico, la nostra contrarietà all’ assegnazione di uno stabile sito nell’area universitaria di Papardo al  Consorzio Eurolink (General Contractor per la progettazione e costruzione del  Ponte sullo Stretto). La nostra manifestazione aveva il significato di rivendicare il principale  luogo della formazione ai saperi critici e alla democrazia, e non alla  subordinazione all’impresa.  D’altronde ritenevamo non compatibile con la concessione ad Eurolink l’ originaria destinazione dell’edificio.  Alla nostra manifestazione il Senato Accademico ha risposto con una nota nella  quale si affermava:”La concessione dell’immobile a Sviluppo Italia Sicilia è  stata deliberata nel 2002 e, sulla scorta di essa, il concessionario può  destinare locali imprese senza preventive autorizzazioni dell’Università, com’è  avvenuto nel caso specifico”. In precedenza, però, era stata la stessa Sviluppo Italia Sicilia spa a  dichiarare: “E’ stato il massimo rappresentante dell’ateneo a chiedere con  lettera di mettere a disposizione di Eurolink e delle altre società l’edificio”  (dichiarazione apparsa in un articolo di Michele Schinella pubblicato su  Centonove del 25.06.10) Riteniamo giusto, quindi ritornare sull’argomento per esprimere il nostro  punto di vista. Un punto di vista che avremmo voluto esprimere direttamente al  Rettore ed al Senato Accademico che, invece, chiusi a riccio in un Università  blindata dalle forze dell’ordine, hanno pensato di negarsi ad una democratica  interlocuzione con istanze provenienti dai cittadini. La struttura assegnata comprende, in particolare, l’“Incubatore d’Imprese”  finanziato e realizzato con i fondi della legge 208 del 1998 riservati «agli  interventi di promozione, occupazione e impresa nelle aree depresse». Secondo  la definizione formulata dalla National Business Incubators Association (NBIA),  un Incubatore è uno “strumento di sviluppo economico progettato allo scopo di  accelerare la crescita ed il successo di iniziative imprenditoriali mediante un  insieme strutturato di risorse e servizi”. La finalità di un incubatore è  dunque “quello di generare aziende di successo, in grado di uscire dal  programma di supporto avendo raggiunto autonomia e solidità finanziaria”. Tra  gli obiettivi strategici di un incubatore, “la creazione di posti di lavoro; il  sostegno all’economia locale; il trasferimento tecnologico e valorizzazione dei  risultati della ricerca; la rivitalizzazione di aree depresse; la  diversificazione produttiva; la promozione di specifici settori industriali; la  promozione economica di specifici gruppi sociali”. Relativamente agli incubatori sorti in ambito accademico, essi rispondono all’ esigenza delle Università d’intensificare il trasferimento tecnologico e le  relazioni industriali, favorendo i propri studenti, ricercatori, docenti e  laboratori di ricerca, sviluppando la collaborazione con le aziende e  partecipando attivamente allo sviluppo locale. Nello specifico dell’Incubatore  d’Imprese dell’Università di Messina, fu presentato un piano finanziario per 4  milioni di euro circa, anche se non è mai stato specificato il reale ammontare  dei fondi pubblici poi ottenuti per l’implementazione dell’incubatore. Il  complesso si sarebbe dovuto estendere su un’area complessiva di 4.400 mq. Grazie ad un protocollo d’intesa siglato il 12 dicembre 2002 tra l’allora  rettore dell’Università degli Studi di Messina, Gaetano Silvestri, e Sviluppo  Italia, l’incubatore venne concesso in uso a Sviluppo Italia Sicilia. Le  finalità dichiarate della concessione puntavano al “rinvigorimento dell’ economia locale” e all’“offerta di spazi ai giovani per esprimere la propria  capacità d'impresa in una città poco competitiva”. Il protocollo nel dettaglio  prevedeva l’impegno dell’Università a concedere in uso a Sviluppo Italia “l’ edificio in costruzione all'interno del polo scientifico, che sarà completato  dalla stessa società, con fondi propri, per dare la possibilità alle imprese di  insediarsi avendo a disposizione incentivi ed una finanza agevolata”.  Secondo il testo della convenzione, l’incubatore di contrada Papardo doveva  essere destinato all’ospitalità di spin-off industriali derivanti dalla ricerca  scientifica. Nonostante i notevoli ritardi nel decollo della nuova  infrastruttura, nella “Relazione sui risultati delle attività di ricerca, di  formazione e di trasferimento tecnologico nell'anno 2008”, l’Università degli  Studi di Messina rifocalizzava la propria attenzione al “crescente interesse  dell’Ateneo messinese per il tema del trasferimento tecnologico e della  creazione di nuove imprese, in particolare gli spin-off, nell'ambito di un  ampliamento e rafforzamento delle interazioni già esistenti con il sistema  produttivo”. Nel sottolineare l’esistenza di cinque imprese spin-off sostenute  dall’Ateneo messinese nei settori dell’elettronica, high-tech, scienza della  separazione, la Relazione annunciava il “completamento” dell’incubatore d’ impresa, che “offrirà possibilità concrete di promozione al territorio nel  quale l’Università opera, e in generale a coloro, potenziali imprenditori, che  ne facciano richiesta”. Sviluppo Italia Sicilia ha un capitale sociale di 6.816.066,92 euro,  controllato al 100% dalla Regione Siciliana (100%) che, a sua volta, è pure  azionista di minoranza della Stretto di Messina S.p.A, la società  concessionaria per l’attraversamento stabile dello Stretto che ha assegnato ad  Eurolink la progettazione, realizzazione e gestione post-opera del Ponte tra  Scilla e Cariddi. Con la stipula di un contratto di locazione degli immobili di  contrada Papardo, ottenuti in concessione dell’Università di Messina, Sviluppo  Italia Sicilia, cioè la Regione, si trova a dover esercitare il proprio  controllo sulle attività attribuite ad Eurolink, mentre contemporaneamente  riceve dalla stessa associazione temporanea d’imprese, i canoni mensili per l’ affitto del core business del Ponte sullo Stretto. A esprimere un giudizio fortemente critico sull’intera operazione, il  professore Guido Signorino, ordinario di Economia applicata e responsabile  della sezione “Economia” del Centro Studi per l’Area dello Stretto “Fortunata  Pellizzeri”.  Il professore Signorino ricorda come la permanenza nell’incubatore ha sempre  una durata limitata, trascorsa la quale l’impresa esce dalla struttura per  affrontare il mercato con le forze nel frattempo maturate, rendendo disponibile  a nuove attività lo spazio occupato. «La permanenza nell’incubatore di Messina  - spiega l’economista - era definito nell’accordo di concessione in 36 mesi,  eccezionalmente prorogabili fino a 60, in modo da generare un flusso continuo  di imprese nuove e innovative». Il consorzio Eurolink non presenterebbe invece  alcuna caratteristica idonea a consentirgli di diventare l’ospite-beneficiario  della struttura. «Non si tratta di una impresa “nuova”, risultando dalla  costituzione in consorzio dell’associazione di imprese vincitrice della gara  per il general contractor del Ponte, svoltasi tra il 2005 ed il 2006», aggiunge  Signorino. Nessuna delle società di costruzioni che compongono l’ATI ha sedi o  filiali nell’area dello Stretto di Messina (alcune sono, anzi, straniere) e  sono tutte di antica formazione e nella titolarità di corporation e gruppi  azionari di rilevanza nazionale (famiglie Benetton, Gavio e Ligresti per  Impregilo, società capofila Eurolink).  «Sicuramente il Ponte non è frutto di “progetti di ricerca” dell’Università di  Messina, né il consorzio è costituito da imprenditori giovani e non  sufficientemente attrezzati per affrontare i costi normali della permanenza sul  mercato», afferma ancora il professor Signorino. «In relazione alla durata  della locazione, Eurolink dovrebbe installarsi prima dell’inizio dei lavori,  che avranno una durata minima di sei anni. Occorre dunque pensare ad una  permanenza per lo meno pari ad 80 mesi. Per ciò che riguarda il costo della  locazione, non noto, occorre ricordare che la logica dell’incubatore non è  quella della valorizzazione reddituale degli immobili. Sviluppo Italia è una  SpA pubblica nata per promuovere le imprese, non per incrementare la sua  rendita con l’affitto di locali ottenuti in concessione». L’economista rileva  infine che lo stabile di contrada Papardo è in via di ristrutturazione con un  finanziamento pubblico concesso per lo specifico scopo di realizzarvi l’ “incubatore”: «la sua utilizzazione a beneficio del consorzio Eurolink  costituirebbe, a mio avviso, una distorsione di tali finalità, di cui si  gioverebbe un gruppo di imprese già esistenti e attive sul mercato  internazionale». Va in conclusione sottolineata la visione tutta spinta sul “mercato” e le  “imprese profit” del presunto incubatore d’imprese di contrada Papardo, quando  molte esperienze internazionali sono molto meglio puntate verso incubatori  accademici preposti all’accompagnamento, formazione, ricerca e sostegno degli a  favore delle cosiddetta “economia solidale” (no profit, cooperativismo, ecc.).  Perché queste esperienze, tra l’altro sostenute con fondi della cooperazione  internazionale (Unione Europea) funzionano con esito mentre a Messina  falliscono miseramente e l’Università abdica al proprio ruolo guida a favore di  agenzie regionali pro-mercato e/o i colossi d’argilla del capitalismo made in  Italy?

Una Risposta to “Università di Messina ed Eurolink. Il punto di vista della RETENOPONTE.”

  1. ENRICO Says:

    FOTO: ENRICO DI GIACOMO


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: