“PIANTIAMO GLI ALBERI”

Nella città del cemento, ultima in Italia anche per il verde pubblico, i cittadini attraverso una petizione hanno elaborato proposte concrete e condivise individuando aree per creare parchi e verde attrezzato, indispensabili per la qualità della vita. Nell’attesa di un confronto con gli amministratori – promesso ma sempre rimandato – intanto noi cittadini abbiamo deciso di agire autonomamente piantando giorno 28 giugno 2010 il primo albero nel centro della città. E continueremo in tutto il territorio. Leggi il seguito di questo post »

Carichi didattici all’Università: a chi?

L’Assemblea di Ateneo dell’Università di Messina
riunitasi il primo luglio in
concomitanza con gli altri atenei italiani,
conferma il giudizio negativo sul DDL Gelmini e sulla manovra finanziaria che
colpiscono pesantemente l’Università e coloro che vi operano; Leggi il seguito di questo post »

Calcio, Mondiale Sudafrica: la Spagna doma un ottimo Paraguay grazie a un gol di Villa

La Spagna è la quarta semifinalista del Mondiale di calcio: ha battuto 1-0 il Paraguay nella partita giocata stasera a Johannesburg. La rete è stata segnata da Villa al 38′ del secondo tempo. La Spagna, per la prima volta nella semifinale di un Mondiale, affronterà  la Germania mercoledì prossimo a Durban.

Paraguay-Spagna è stata una partita ad alta tensione. Due rigori falliti nel secondo tempo, a 60 secondi di distanza. Ha sbagliato per primo il Paraguay con Cardoso, e 60 secondi dopo la Spagna con Alonso.

(Fonte: Il Messaggero.it)

Ciclismo, Partito il Tour de France: Cancellara vince il cronoprologo ed è prima maglia gialla

Lo svizzero Fabian Cancellara (Saxo Bank) ha vinto il cronoprologo da 8,9 km di Rotterdam (in Olanda), prova che ha aperto l’edizione numero 97 del Tour de France. Cancellara ha completato la sua prova con il tempo di 10’00″42 ed è quindi anche la prima maglia gialla della corsa.

Alle sue spalle, secondo posto a 10″ per il tedesco Tony Martin (Htc-Columbia), terzo posto a 20″ per il britannico David Millar (Garmin), quarto posto a 22″ per lo statunitense Lance Armstrong (RadioShack), terzo al Tour dello scorso anno, quinto posto a 23″ per l’altro britannico Geraint Thomas (Sky) e sesto posto a 27″ per lo spagnolo Alberto Contador (Astana), il campione uscente.

Primo degli italiani ha chiuso Adriano Malori (Lampre), decimo a 35″. Settantaduesimo posto, a 55″, invece, per Ivan Basso (Liquigas): il vincitore del Giro d’Italia, tornato alle corse dopo 2 anni di squalifica per doping, ha quindi messo assieme già una trentina di secondi di ritardo da Armstrong e Contador.

(Apcom, 3 luglio)

Scioperi: da bus a traghetti, prossima settimana astensioni nei trasporti

Dai traghetti ai bus, dalle Ferrovie a metro e tram, sarà un periodo pieno di scioperi nel settore dei trasporti quello della prossima settimana. Si comincia martedì 6 luglio, con lo sciopero del personale marittimo del Gruppo Tirrenia, con una protesta che andrà avanti per 48 ore, dalle 16 di martedì alle 16 di giovedì. Mercoledì 7, infatti, continuerà lo sciopero del personale Tirrenia, mentre giovedì 8 sarà la volta dell’astensione dal lavoro del personale del trasporto ferroviario e degli appalti delle Fs, una protesta che partirà alle ore 21 e continuerà per 24 ore. Venerdì 9, infatti, continuerà fino alle 21 lo sciopero delle ferrovie e sono previste astensioni anche nel trasporto locale, per una protesta unitaria. Fermi, seppure con diverse modalità, anche bus, metro e tram. (AdnKronos, 3 luglio)

Cosenza: Precipita in un burrone, si salva, muore in ospedale

E’ morto poco dopo il ricovero in ospedale Santo De Luca, l’uomo di 50 anni, caduto stamani in un burrone a Cosenza.

In un primo momento, i soccorritori avevano detto che l’uomo aveva riportato solo la frattura di un braccio, ma una volta in ospedale, mentre veniva sottoposto alla tac per verificare le sue condizioni generali, è morto. Secondo quanto si è appreso, De Luca sarebbe deceduto per una serie di traumi interni riportati nella caduta. L’uomo, dopo un volo di oltre 50 metri, era stato recuperato dai vigili del fuoco. (Ansa, 3 luglio)

Musica: morto il cantante Gepy & Gepy, molto noto negli ‘anni ’70’

E’ morto questa mattina, per l’aggravarsi di una grave forma di polmonite, al Policlinico di Roma Umberto I°, dove era ricoverato da alcuni giorni nel reparto di terapia intensiva, Gepy & Gepy, nome d’arte di Giampiero Scalamogna. Lo rende noto il direttore del suo ufficio stampa, Michele Mondella. Cantante, compositore, produttore e arrangiatore, Gepy & Gepy era nato a Roma 67 anni fa. La sua attività artistica era cominciata molto presto, a 16 anni. Famoso il suo brano ‘Più’, interpretato insieme ad Ornella Vanoni.

Nel 1965 Gepy & Gepy era approdato al ‘Piper’ di Roma dove aveva formato il duo ‘Dany & Gepy’ con Daniela Casa. Subito dopo il cantante si era messo in proprio: canzoni e dischi di successo fino all’incontro con Ornella Vanoni di cui era diventato produttore. Alla fine degli anni ’70 aveva scritto numerose canzoni, soprattutto dance come ‘Body to Body’ (sigla del programma televisivo Rai Disco Ring), ‘Blu’ e tante altre che, grazie alla sua voce soul, raggiunsero la vetta delle classifiche di tutta Europa. Il cantante – appassionato tifoso romanista – aveva anche composto con Venditti e Bardotti la canzone ‘Roma non si discute, si ama’ che divenne, ed è tuttora, insieme a ‘Grazie Roma’, uno degli inni ufficiali della squadra giallorossa. (Ansa, 3 luglio)