Terzo giorno di proteste per i dipendenti dell’Atm

Prosegue la protesta dei lavoratori dell’Atm, l’azienda di trasporti di Messina, che per il terzo giorno consecutivo stazionano sulla terrazza della sede della società. I dipendenti hanno fatto sapere che non lasceranno la terrazza fino a quando non riceveranno tutti gli stipendi arretrati. L’Atm da tempo è al collasso ed i lavoratori non percepiscono lo stipendio ormai da mesi. Oggi il commissario dell’azienda, Cristofaro La Corte, ha annunciato una nuova proposta per il risanamento dell’Atm. Il piano verrà sottoposto nei prossimi giorni all’amministrazione comunale e ai sindacati. “Spero – ha detto La Corte –  che presto si arrivi al pagamento degli stipendi; già la settimana prossima dovrebbero arrivare i soldi per le spettanze di aprile. Ritengo fondamentale il risanemento dell’azienda e l’individuazione di soluzioni definitive per i lavoratori. Abbiamo aderito ad un progetto della Comunità europea; prima di ottenere i finanziamenti, però, dobbiamo risanare i bilanci dell’azienda con i soldi delle banche. Quest’operazione, tuttavia, comporterà un’ipoteca sui beni del Comune. Spero che in questo modo si possa risolvere una volta per tutte la situazione dell’Atm. Comunque vada, io tra qualche mese mi dimetterò per esigenze personali”.

Automobilismo, F1: Webber in pole, Massa ottavo

Mark Webber (Red Bull) partirà dalla pole position, domani, nel gp di Istanbul di Formula 1. Felipe Massa (Ferrari), partirà dall’ottavo posto.

Sul circuito dell’Istanbul Park, Webber ha centrato la terza pole consecutiva girando in 1’26″295. Alle sue spalle la McLaren di Hamilton (1’26″433), terza l’altra Red Bull con Vettel (1’26″760).

Seconda fila anche per Button, su McLaren, che ha fatto segnare il quarto tempo (1’26″781), quinta la Mercedes di Schumacher, protagonista di un fuori pista alla curva 8 al termine delle qualifiche. Staccato Massa, che dopo l’esclusione di Alonso (dodicesimo) nella Q2, ha confermato le difficoltà della Ferrari in queste qualifiche.

Il brasiliano è ottavo con il tempo di 1’27″082, con un ritardo dalla pole di quasi 8 decimi. (Ansa, 29 maggio)

Ciclismo, Giro d’Italia: lo svizzero Tschopp vince la 20^ tappa, Ivan Basso mantiene la maglia rosa

Lo svizzero Johann Tschopp ha vinto la 20^ tappa del Giro d’Italia, Bormio-Ponte di Legno/Tonale, di 178 km.

Secondo l’australiano Cadel Evans a 16”.

Ivan Basso, giunto terzo a 25” davanti a Michele Scarponi, ha conservato la maglia rosa. Con l’abbuono di 8” il varesino della Liquigas porta a 1’15” il vantaggio sullo spagnolo Arroyo.

Domani crono conclusiva a Verona.

(Ansa, 29 maggio)

Scossa di terremoto in Molise

Una scossa di terremoto é stata avvertita in maniera distinta ad Isernia dove la popolazione si è riversata nelle strade. La scossa, secondo quanto riporta il Centro sismologico euro-mediterraneo, ha avuto una magnitudo di 3.2 con epicentro a 3 km a nord-ovest di Monteroduni (Isernia).

Non si hanno notizie di eventuali danni. Proprio oggi, in questo paese, è stata posta la prima pietra del nuovo edificio scolastico che sarà costruito in base alla normativa antisismica. (Ansa, 29 maggio)

Calcio, Grave ‘Gaffe’ Francia: i calciatori sapevano di Euro 2016 già la sera prima

Una ‘gaffe’, o un lapsus. Conta poco. Resta il mistero. Il giocatore della nazionale francese Marc Planus ha detto ieri ai giornalisti, nel corso di una conferenza stampa, che la squadra sapeva, dalla sera precedente la votazione di Ginevra, che la Uefa avrebbe assegnato alla Francia l’organizzazione degli Europei del 2016, per i quali erano candidate anche Turchia e Italia. Leggi il seguito di questo post »

Palermo, postino abbandona la corrispondenza in strada: denunciato

Invece di consegnare le lettere e gli avvisi di raccomandate, così come le riviste, ai legittimi destinatari, un postino abbandonava la corrispondenza per strada. Per questo motivo il portalettere è stato denunciato dai carabinieri per interruzione di pubblico servizio. E’ accaduto a Palermo dove i militari hanno deferito all’autorità giudiziaria un postino di 54 anni. La posta era stata abbandonata davanti all’ingresso di uno stabile di Vicolo Niscemi. Dopo una breve attività d’indagine i carabinieri hanno accertato che il portalettere, invece di consegnare la corrispondenza che gli era stata affidata, l’aveva abbandonata per strada durante il suo percorso. La corrispondenza è stata adesso riconsegnata al personale dell’ufficio postale. (AdnKronos, 29 maggio)

Ambiente: a Rozzano (MI) assessore blocca cantiere per non spostare nidi rondini

Le rondini bloccano un cantiere edilizio a Rozzano, paese alle porte di Milano. In via Monte Amiata, un terreno con un rudere e molto verde spontaneo, sono destinati a veder sorgere villette e box auto. Ma i costruttori non avevano fatto i conti con le rondini, uccelli particolarmente protetti, che in questo periodo e fino a settembre invadono cascine, campagne e ruderi, riempiendo i nidi di uova e di piccoli. 

Le leggi, europee, italiane e regionali – e perfino il regolamento di tutela degli animali del Comune – prevedono che nei periodi di nidificazione i nidi non possano essere rimossi o abbattuti. Quindi, i cantieri e gli interventi edilizi devono aspettare e rispettare i ritmi della natura. Il cantiere in via Monte Amiata a Valleambrosia, tuttavia, era già in pieno esercizio, quando alcuni residenti hanno chiamato l’assessore all’Ambiente di Rozzano, Stefano Apuzzo.

L’assessore, ex parlamentare dei Verdi, è intervenuto sul posto, con i tecnici comunali e con la polizia locale e dopo poche ore le ruspe erano ferme. Una settimana di sospensione è stata concordata al fine di consentire alla proprietà dell’area di approfondire la normativa. L’ipotesi più probabile è che i lavori di abbattimento dei ruderi e di ripristino dell’area in totale stato di abbandono (nella zona dormivano anche persone senza fissa dimora), riprendano in autunno, quando i volatili saranno ripartiti per l’Africa. (AdnKronos, 29 maggio)

‘ndrangheta, Reggio Calabria: perquisizioni in abitazioni boss sulla fascia jonica

Una serie di perquisizioni sono in corso dall’alba da parte del personale della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza in diverse abitazioni sulla fascia jonica reggina. L’attività riguarda i vertici delle cosche di ‘ndrangheta che operano in quella zona.
Le perquisizioni domiciliari sono finalizzate alla ricerca di armi, esplosivi ed elementi di interesse investigativo. Complessivamente sono 300 le perquisizioni eseguite, con un impiego di 700 operatori delle forze dell’ordine. (AdnKronos, 29 maggio)

Stop caccia alle balene: l’Australia avvia azione legale contro il Giappone

Il governo australiano avvierà un’azione legale contro Tokyo per fermare la caccia alle balene da parte del Giappone nell’Artico. L’azione sarà presentata alla Corte internazionale di Giustizia dell’Aja, e precederà la riunione della Commissione baleniera internazionale (Iwc) in Marocco, dove sarà redatto un documento che limiti altamente la caccia alle balene per fini commerciali.

Il Giappone, che ogni anno uccide centinaia di esemplari, ha sempre dichiarato che la caccia alle balene è promossa per scopi scientifici. Leggi il seguito di questo post »

Terremoti: scossa sismica in provincia di Siena

Un evento sismico è stato lievemente avvertito dalla popolazione in provincia di Siena. L’epicentro è stato localizzato tra i comuni di Abbadia San Salvatore, Piancastagnaio e Radicofani. (AdnKronos, 29 maggio)

Vibo Valentia: Pappagallo impigliato chiede aiuto e i pompieri lo salvano

Impigliato tra i cavi dell’alta tensione ha chiesto aiuto ed è stato salvato dai Vigili del Fuoco.

Protagonista il pappagallo Enrico. E’ accaduto a Brognaturo, nel Vibonese.

Quando si  visto in difficoltà, Enrico ha cominciato a pronunciare il nome del proprietario, Vincenzo Greci, che ha chiamato i Vigili del Fuoco.

‘Abbiamo avuto tanta paura per il nostro Enrico, che ora è tornato a casa ed è tranquillo’, ha raccontato Greci, dicendosi certo che il pappagallo eviterà altre fughe.

(Ansa, 29 maggio)

Messina: Il Forte San Salvatore ospita ForME e le opere selezionate per la Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo

Nell’ambito della settima edizione di GEMINE MUSE 2010. L’ARTE DEI GIOVANI INVADE LE CITTÀ ITALIANE – eventi di arte contemporanea in un percorso che svela l’armonia tra tradizione e innovazione, fruibile sino al 26 giugno nella suggestiva cornice del Forte San Salvatore, sarà possibile apprezzare anche gli elaborati creati in occasione del workshop ForMe, ospitato lo scorso inverno nella ex Chiesa di Santa Maria Alemanna, e le opere di giovani artisti messinesi selezionate per la partecipazione alla quattordicesima edizione della Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo, svoltasi a Skopje dal 3 al 12 settembre 2009. Leggi il seguito di questo post »

Mafia, De Magistris (Idv): ‘Incomprensibile lo stupore di tanti politici sulle bombe del ’92’

“Non si capisce la meraviglia di tanti politici di fronte all’eventualità che servizi segreti ‘deviati’ e personaggi istituzionali non ‘limpidi’ abbiano giocato un ruolo nelle stragi del ’92-’93. Di cosa si stupiscono questi signori? Che Falcone e Borsellino fossero magistrati scomodi anche per lo Stato e l’ordine giudiziario è un dato oggettivo, così com’è un dato oggettivo che lo stragismo mafioso abbia subito un arresto al momento della nascita di Forza Italia”.

Lo afferma Luigi de Magistris, eurodeputato di Italia dei Valori.

(AdnKronos, 29 maggio)

Di Pietro (IdV) a Reggio Calabria: “Quello sulle intercettazioni é un provvedimento approvato per proteggere la ‘cricca’”

”La legge sulle intercettazioni è un provvedimento approvato solo per proteggere la ‘cricca’ e la casta che spendono e spandono i soldi pubblici senza controllo e a proprio uso e consumo”.

Lo ha detto il presidente di Idv, Antonio Di Pietro, questa mattina a Reggio Calabria per un’iniziativa pubblica di raccolta delle firme a sostegno dei tre referendum contro la privatizzazione dell’acqua, contro le centrali nucleari e contro la legge sul legittimo impedimento.

(AdnKronos, 29 maggio)

Arrestato presunto usuraio, tre persone indagate

LETOJANNI (MESSINA) – La guardia di finanza ha arrestato Antonino Iannino, 55 anni, con l’accusa di usura a Letoyanni nel Messinese. L’uomo si trova ai domiciliari. Altre tre persone sono state indagate nella stessa indagine che fu avviata dopo la denuncia di un imprenditore edile che ha detto ai militari di aver ottenuto da Iannino un prestito di 20 mila euro con interessi del 54 per cento all’anno. I militari della guardia di Finanza sostengono di avere scoperto anche un’altro episodio di usura compiuto da Iannino che avrebbe prestato ad un imprenditore 3000 euro chiedendo interessi annui del 120 per cento. Tra le persone indagate ci sarebbe anche un commerciante.