PER LA LIBERTÀ D’INFORMAZIONE, PER LE LIBERTÀ COSTITUZIONALI

NO BAVAGLIO

FIRMA L’APPELLO

All’appello contro la legge bavaglio sulle intercettazioni hanno già aderito 190.000 persone, gruppi, sindacati e associazioni. Leggi il seguito di questo post »

Cinque colpi di pistola contro una Smart

MESSINA – Cinque colpi di pistola sono stati esplosi ieri notte nel rione Giostra, a Messina, contro una Smart. Sul caso indaga la polizia. Il giovane disoccupato che ha in uso l’auto e la proprietaria del mezzo hanno detto agli agenti di non aver mai ricevuto minacce o intimidazioni.

Falcone: Migliaia di ragazzi in piazza

‘Chi tace e chi piega la testa muore ogni volta che lo fa’ è scritto sul ‘Muro della legalità’ in piazza Magione di Palermo.

E’ uno dei messaggi dei ragazzi di Palermo e di tutta Italia scritti su un pannello di plastica nella piazza dove nacquero i due giudici uccisi dalla mafia nel ’92, Falcone e Borsellino, mentre un albero di plastica con figure e disegni racconta la lotta contro la malavita organizzata.

Il ministro Alfano promette sostegno ai pm che indagano sulle stragi.

(Ansa, 23 maggio)

Rifiuti Zero Palermo: “E’ la raccolta differenziata la soluzione per le emergenze, non il termovalorizzatore!”

Diffusa una nota dell’Associazione ‘Rifiuti Zero’ di Palermo, che condividiamo e pubblichiamo integralmente.

“Il Ministro Prestigiacomo afferma che ‘in poche settimane, nel centro di Palermo, si è raggiunta la percentuale dell’80% di raccolta differenziata’. Alla luce di questo dato appare illogica l’annunciata costruzione degli inceneritori, che non risolverebbero alcuna emergenza in quanto, come dice lo stesso Ministro, occorrerebbero (con una gestione commissariale) due anni per essere costruiti. Una scelta antieconomica per i cittadini e dannosa per la salute e per l’occupazione in Sicilia.

Se in sole 5 settimane si è arrivati a raggiungere, con la raccolta differenziata, l’80% di riduzione dei rifiuti da destinare in discarica, Governo, Regione e Comune si preoccupino di estendere la raccolta differenziata a tutta la città di Palermo e negli altri Comuni dell’isola e di realizzare immediatamente piccoli, semplici ed economici impianti di compostaggio a cumuli rivoltati e impianti di selezione e imballaggio della raccolta differenziata.

Il Presidente della Regione difenda gli interessi dei siciliani e non delle lobby inceneritose e dei mafiosi che fanno affari a spese dei cittadini con impianti, come Lombardo stesso li ha definiti in precedenza, “inutili e dannosi”.

Ulteriori informazioni sul tema: Donatella Costa, Presidente Associazione Rifiuti Zero Palermo, e-mail costa_donatella@libero.it , sito internet  rifiutizero.palermo@gmail.com , cell. n. 3316028566

Terremoto di 4,7 gradi Richter in Algeria

di Sostine Cannata

Un sisma di 4,7 gradi della scala Richter è avvenuto nel nord dell’Algeria, oggi pomeriggio alle ore 15:28:19 italiane. L’epicentro è stato nel distretto sismico Northern Algeria, coordinate 35.908°N, 4.149°E, a una sessantina di chilometri a ovest sud-ovest dalla città di Bordj Bou Arreridj e a circa 135 km a sud est di Algeri, capitale del Paese. Leggi il seguito di questo post »

In manette coppia di spacciatori bloccata agli imbarcaderi della Caronte

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Messina hanno arrestato ieri mattina una coppia appena sbarcato in auto agli imbarcaderi della Caronte. Si tratta di Daniele Lodato, 27 anni di Canicattì e di una tedesca residente in provincia di Caltanissetta, Abbele Tanya Van Den, 29 anni, casalinga incensurata. Appena fermati dai Carabinieri hanno subito mostrato un evidente disagio. E’ scattata così la perquisizione della loro Audi 80 con l’ausilio delle unità cinofile. Addosso a Lodato e in un involucro nascosto all’interno dell’auto i Carabinieri hanno trovato i dieci grammi di eroina che sono stati sequestrati insieme con 300 euro.

Rapinatore messinese arrestato a Tremestieri dopo un colpo ad bar di Itala

ITALA MARINA (Messina) –  I carabinieri di Scaletta Zanclea e del Nucleo Radiomobile di Messina hanno arrestato a Tremestieri, a conclusione di un inseguimento, un rapinatore che dopo dopo ver compiuto, armato di pistola calibro 7.85, una rapina in un bar a Itala Marina, aveva tentato la fuga a bordo di una moto. A finire con le manette ai polsi Fabio Fabbiano, 34 anni, nato a Messina.