Rubano 50mila euro a due anziane, arrestate tre donne

Tre donne, residenti in provincia di Catania,  spacciandosi per impiegate delle poste e in un caso addirittura come nipoti della vittima sono riuscite a rubare a due anziane di Saponara (Messina) quasi 50mila euro. I carabinieri in esecuzione dell’ordinanza cautelare ai domiciliari, emessa dal Gip Maria Angela Nastasi, su richiesta del sostituto Fabrizio Monaco, hanno arrestato a Belpasso per furto Giuseppa Crescimone, 61 anni, Caterina Di Giovanni, 41 anni e Francesca Rasizzi Scalora, 24 anni. Le indagate, e in particolare Caterina Di Giovanni in coppia una volta con Giuseppa Crescimone e l’altra con Francesca Rasizzi Scalora, si sarebbero introdotte con un pretesto all’interno delle abitazioni delle vittime in pieno centro a Saponara, una delle quali ottuagenaria e l’altra addirittura ultranovantenne, spacciandosi in un caso per incaricate delle poste che dovevano verificare delle banconote e nell’altro per nipoti dell’anziana, per poi impossessarsi dei relativi risparmi, che le anziane donne  custodivano in casa in contanti.

Fronte cittadino di solidarietà

Martedì 18 maggio, alle 9.45, nella Saletta Commissioni della Provincia Regionale di Messina, si svolgerà la Conferenza stampa  del Fronte cittadino di solidarietà alla popolazione rom residente a Messina.

Emergenza sgombero del Villaggio Fatima, una rete di associazioni ribadisce la solidarietà ai rom di Messina e “chiede con forza all’amministrazione comunale una soluzione rispettosa dei  diritti umani”.

Il documento delle associazioni Leggi il seguito di questo post »

Colpi di pistola a Terme Vigliatore contro la saracinesca di un autolavaggio

Sette colpi di pistola sono stati sparati la sera del 15 maggio contro la saracinesca di un autolavaggio in via Nazionale, a Terme Vigliatore (Messina). La notizia è stata data solo oggi dai carabinieri, che stanno effettuando le indagini.

Assemblea a Lettere mercoledì 19 maggio

Ci incontreremo mercoledì 19 maggio, alle ore 12,00, nell’aula 4 della facoltà di Lettere, per discutere di vari punti connessi con la nostra protesta:
– stato di avanzamento del decreto Gelmini
– linee d’azione scaturite dall’assemblea generale di Milano
– esito dell’assemblea di ateneo del 18 maggio, ore 10,00, aula Cannizzaro, alla quale siamo tutti invitati a partecipare
– linee di condotta da seguire (da parte di tutti: RU, PA, PO) in prossimità dell’assegnazione dei carichi didattici
– e altro ancora.
Data l’importanza del momento storico che la nostra università sta attraversando, pare superfluo sottolineare quanto sia importante la partecipazione più ampia possibile a questa discussione. Che è, oltretutto, anche una magnifica occasione per confrontarci e conoscerci meglio. Per questo, noi ricercatori di Lettere speriamo davvero di incontrarci, mercoledì 19, non soltanto tra noi, ma anche con i colleghi docenti, professori ordinari e associati.
I ricercatori di Lettere

Atm: domani alle 9,30 conferenza stampa di Filt, Fit e Uilt sulla situazione aziendale

La grave crisi dell’Atm di Messina sarà oggetto della conferenza stampa di Filt Cgil, Fit Cisl e Uilt Uil convocata per domani mattina, 18 maggio, alle ore 9.30 presso la sede della Fit Cisl di Messina in via Alessio Valore, pressi Stazione Marittima. Nel corso dell’appuntamento verrà approfondita la grave crisi dell’Azienda Trasporti alla luce anche del recente incontro tra il sindaco Buzzanca e l’assessore regionale ai Trasporti Gentile. Saranno forniti i numeri che testimoniano la situazione di ingestibilità che rischia di crearsi nei prossimi mesi.

Rifiuti abbandonati e scarichi fognari nel torrente Bordonaro

Messina – “Si credeva fosse, in origine,  una perdita dovuta a qualche intervento di manutenzione in corso, invece, dopo due mesi, continua a scorrere lungo il torrente in oggetto un fiumiciattolo di liquami fognari. Come più volte denunciato dal sottoscritto, lo stato del torrente Bordonaro è ai limiti delle condizioni igienico sanitarie sopportabili e, quest’ultima problematica, adesso ne inficia palesemente la vivibilità dei cittadini che risiedono nelle abitazioni limitrofe all’area interessata, posta nelle immediate vicinanze della Caserma dei Carabinieri. Lungo il corso del Torrente, a partire dalla parte alta denominata “terre nere” fino a valle all’imbocco della parte coperta lungo il viale Bertuccio, si possono contare numerose discariche di inerti e materiale pericoloso come “eternit”, rifiuti e suppellettili, carcasse di elettrodomestici, bidoni e contenitori vari .

Leggi il seguito di questo post »

Tele web Italia, la tv in streaming dell’Associazione Contro Tutte le Mafie

Tutti i giorni, alle ore 18, in diretta streaming su Tele Web Italia, www.telewebitalia.eu  e sui siti associativi, il dr. Antonio Giangrande, Presidente nazionale  dell’Associazione Contro Tutte le Mafie, risponde alle e-mail dei cittadini disperati ed inascoltati. Uno spazio senza censura e senza appannaggio, sì, ma anche senza dileggio o diffamazione. Un talk dove tutti hanno la possibilità di dare testimonianza o fare segnalazioni. Un modo nuovo di dare solidarietà ai più deboli e visibilità al malessere sociale, senza vincoli di casta.

Per ulteriori informazioni: Presidente Dr Antonio Giangrande – ASSOCIAZIONE CONTRO TUTTE LE MAFIE, Tel. n. 099.9708396 – Cell. n. 328.9163996  

Siti internet: www.controtuttelemafie.it e www.telewebitalia.eu