SONIA ALFANO (IDV), MINISTRO GIUSTIZIA SI OCCUPI DEL CASO GRAZIELLA CAMPAGNA


“Se la prima sezione penale della Cassazione ha annullato il provvedimento del Tribunale di Sorveglianza di Bologna con cui si predisponeva la scarcerazione di Gerlando Alberti Jr., ci sarà qualcuno che ha commesso un errore o che volutamente ha avallato un gioco crudele che va avanti da più di vent’anni”. Lo dice Sonia Alfano, europarlamentare di Italia dei Valori e Presidente dell’Associazione Nazionale Familiari Vittime della Mafia, commentando la decisione della Cassazione di riportare in carcere il boss Alberti Jr., condannato all’ergastolo per l’omicidio della giovane stiratrice di Saponara (ME) Graziella Campagna avvenuto il 12 dicembre del 1985, e scarcerato nel dicembre dello scorso anno. “Quello di Graziella è uno dei casi più assurdi e tristi della storia giudiziaria italiana. Per anni -prosegue Sonia Alfano- la magistratura deviata ha fatto di tutto per garantire la libertà all’Alberti. Adesso mi auguro che sconti la sua pena una volta per tutte. Invito inoltre il Ministro della Giustizia Angelino Alfano ad occuparsi per una volta di ciò che gli compete -sottolinea- inviando immediatamente gli ispettori del suo Ministero a Bologna per capire quali responsabilità ci siano in questa delicata vicenda e com’è stato possibile che in tutti questi mesi sia stato permesso ad un boss mafioso di tornare agli arresti domiciliari, perdipiù nella zona dove ha trascorso la sua latitanza dorata -conclude- che è costata la vita a Graziella Campagna”.
Pubblicato su Cronache. 2 Comments »

2 Risposte to “SONIA ALFANO (IDV), MINISTRO GIUSTIZIA SI OCCUPI DEL CASO GRAZIELLA CAMPAGNA”

  1. piero Campagna Says:

    continuo a leggere gli articoli che pubblica la gazzetta del sud di Messina in merito alla scarcerazione di alberti gerlando assassino condannato con pena definitiva e non come dice la gazzetta (sarebbe) si dice che ha 71 anni, invece di fatto ne ha 63; che per l’omicidio di Graziella ha scontato molti anni di carcere, incece ne ha scontato solo un anno; rispetto alla condanna di fine pena:MAI (CARCERE A VITA). IL PERMESSO DEGLI ARRESTI DOMICILIARI E DI OTTO MESI, NE RIMANGONO SOLO DUE, SPERO CHE BASTINO PER DECIDERE DI CHIUDERLO IN CARCERE. SICURAMENTE IL MINISTRO DI GRAZIA E GIUSTIZIA AVRA’ ALTRI IMPEGNI PIU’ IMPORTANTI DA RISOLVERE PER IL PAESE.

  2. Aldo Says:

    Sono convinto che in questo Paese “giustizia” abbia un valore assolutamente relativo, e Lei e la Sua famiglia, l’avete compreso a Vostre spese.

    La Gazzetta del Sud, come sempre, si pone a metà tra criminale e vittima, così come si pone a metà tra potere e cittadini. Non sta nè con gli uni nè con gli altri, rendendo così un cattivo servizio all’informazione, alla verità e alla giustizia.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: