SONIA ALFANO (IDV), MINISTRO GIUSTIZIA SI OCCUPI DEL CASO GRAZIELLA CAMPAGNA

“Se la prima sezione penale della Cassazione ha annullato il provvedimento del Tribunale di Sorveglianza di Bologna con cui si predisponeva la scarcerazione di Gerlando Alberti Jr., ci sarà qualcuno che ha commesso un errore o che volutamente ha avallato un gioco crudele che va avanti da più di vent’anni”. Lo dice Sonia Alfano, europarlamentare di Italia dei Valori e Presidente dell’Associazione Nazionale Familiari Vittime della Mafia, commentando la decisione della Cassazione di riportare in carcere il boss Alberti Jr., condannato all’ergastolo per l’omicidio della giovane stiratrice di Saponara (ME) Graziella Campagna avvenuto il 12 dicembre del 1985, e scarcerato nel dicembre dello scorso anno. “Quello di Graziella è uno dei casi più assurdi e tristi della storia giudiziaria italiana. Per anni -prosegue Sonia Alfano- la magistratura deviata ha fatto di tutto per garantire la libertà all’Alberti. Adesso mi auguro che sconti la sua pena una volta per tutte. Invito inoltre il Ministro della Giustizia Angelino Alfano ad occuparsi per una volta di ciò che gli compete -sottolinea- inviando immediatamente gli ispettori del suo Ministero a Bologna per capire quali responsabilità ci siano in questa delicata vicenda e com’è stato possibile che in tutti questi mesi sia stato permesso ad un boss mafioso di tornare agli arresti domiciliari, perdipiù nella zona dove ha trascorso la sua latitanza dorata -conclude- che è costata la vita a Graziella Campagna”.
Pubblicato su Cronache. 2 Comments »

Chiude centro di accoglienza per immigrati, protestano i dipendenti

SANT’ANGELO DI BROLO (MESSINA) – Una trentina di lavoratori del centro accoglienza richiedenti asilo politico di Sant’Angelo di Brolo sono saliti sul tetto per protestare contro la chiusura della struttura. Il centro, che attualmente ospita una quindicina di immigrati, venne aperto alla fine del 2008, nel pieno dell’emergenza sbarchi, ma dopodomani dovrà essere smantellato. I lavoratori chiedono garanzie per il loro futuro occupazionale. Proprio questa mattina sulla vicenda quattro parlamentari regionali del Pd hanno presentato una interrogazione al governatore Raffaele Lombardo per chiedere un suo intervento al ministero dell’Interno.

Marea nera: piattaforma non era sicura

La piattaforma petrolifera esplosa al largo del golfo del Messico era ‘tutto tranne che sicura’.Così la commissione parlamentare d’inchiesta. Sono stati rilevati almeno 4 problemi gravi sulla Deepwater Horizon, che hanno determinato i fallimenti nel chiudere la falla che si è creata dopo l’esplosione. Dai documenti è emerso anche che il pozzo aveva fallito un test di sicurezza due ore prima dell’incidente, ma la Bp aveva deciso di continuare le operazioni lo stesso.
(Ansa, 13 maggio)

Calcio, Mondiali Sudafrica: ufficializzata ieri da Federcalcio lista 30 convocati di Lippi

Trenta giocatori in lizza per il Mondiale, con Giuseppe Rossi dentro, come emerso alla vigilia, e “nessuna sorpresa” come aveva detto lo stesso Lippi nei giorni scorsi. Ovvero senza Totti o altri ingressi dell’ultima ora. La Federcalcio ha ufficializzato la pre-lista per Sudafrica 2010, comunicata alla Fifa, e che sarà vincolante per la lista definitiva dei 23 da ufficializzare entro il 1° giugno.

PORTIERI: Gianluigi Buffon (Juventus), Morgan De Sanctis (Napoli), Federico Marchetti (Cagliari), Salvatore Sirigu (Palermo). DIFENSORI: Salvatore Bocchetti (Genoa), Leonardo Bonucci (Bari), Fabio Cannavaro (Juve), Mattia Cassani (Palermo), Giorgio Chiellini (Juventus), Domenico Criscito (Genoa), Fabio Grosso (Juve), Christian Maggio (Napoli), Gianluca Zambrotta (Milan). CENTROCAMPISTI: Mauro German Camoranesi (Juve), Antonio Candreva (Juve), Andrea Cossu (Cagliari), Daniele De Rossi (Roma), Ivan Gennaro Gattuso (Milan), Claudio Marchisio (Juve), Riccardo Montolivo (Fiorentina), Angelo Palombo (Sampdoria), Simone Pepe (Udinese), Andrea Pirlo (Milan). ATTACCANTI: Marco Borriello (Milan), Antonio Di Natale (Udinese), Alberto Gilardino (Fiorentina), Vincenzo Iaquinta (Juventus), Giampaolo Pazzini (Sampdoria), Fabio Quagliarella (Napoli), Giuseppe Rossi (Villareal).

(ANSA)

Benzina: Consumatori, calo o boicottaggio

Agli attuali livelli di petrolio e cambio euro-dollaro, la benzina dovrebbe essere venduta a meno di 1,40 euro al litro per i consumatori. Adusbef e Federconsumatori stanno valutando di ricorrere a una forma di boicottaggio. Considerando che il petrolio è calato del 13% rispetto all’inizio del mese e tenendo conto dell’andamento del cambio euro-dollaro, per l’Osservatorio Nazionale Federconsumatori, il prezzo della benzina dovrebbe diminuire di circa 7-8 centesimi al litro. (Ansa, 13 maggio)

Cultura: ‘Arabeschi di luce’, domani pomeriggio, alla Provincia di Messina

Domani, Venerdì 14 maggio 2010 alle ore 17 e 30, nel Salone degli Specchi della Provincia Regionale di Messina

presentazione del libro

Arabeschi di luce” di Maria Morganti Privitera

Domani, Venerdì 14 maggio, alle ore 17 e 30, nel Salone degli Specchi della Provincia Regionale di Messina, appuntamento culturale per gli amanti della Poesia, con la presentazione del libro “Arabeschi di luce”, opera della poetessa Maria Morganti Privitera.

L’evento culturale sarà curato e condotto dalla poetessa Fortunata Cafiero Doddis (nella foto), relatrice la prof.ssa Teresa Rizzo, Presidente dell’Accademia “Amici della sapienza” di Messina.

Alcuni intermezzi musicali allieteranno il pomeriggio culturale, con il tenore Rocco Fodale e il maestro Francesco Tusa al violino.

Collaborerà, per la felice riuscita dell’evento, l’Associazione Culturale “Messinaweb.eu” presieduta da Rosario Fodale.

Deteneva armi e munizioni, 51enne finisce in manette

TORTORICI (MESSINA) – I carabinieri hanno arrestato Francesco Calavitta, 51 anni, bracciante agricolo: in un casotto vicino alla propria abitazione deteneva illegalmente carabine, fucili e munizioni, materiale sequestrato e inviato al Ris dei Carabinieri di Messina per gli accertamenti balistici.

“La legalità non è rispetto delle leggi ma rispetto della dignità umana”

«Non vi fate prendere in giro dalla legalità. La legalità non è rispetto delle leggi ma rispetto della dignità umana, rispetto dell’uomo». Così Giovanni Impastato, fratello di Peppino ucciso a Cinisi dalla mafia trentadue anni fa, ha parlato del tema della lotta contro la criminalità e della cultura del “giusto” ieri mattina, al teatro Annibale Maria di Francia, durante il convegno “La cultura della legalità nella scuola”. Ad ascoltare lui e Pietro e Pasquale Campagna, fratelli di Graziella, uccisa anche lei dalla malavita organizzata nel 1985 nella provincia messinese, una platea di studenti della scuola media “Giuseppe Mazzini”.

(SONO RIMASTE VUOTE LE PRIME FILE RISERVATE ALLE AUTORITA’ (SI NOTA SOLTANTO IL COMANDANTE DELLA STAZIONE DI MESSINA ARCIVESCOVADO ILACQUA). SUL PALCO L’ANTIMAFIA NON DI ‘PALAZZO’, FORSE TROPPO SCOMODA DA ASCOLTARE).

Leggi il seguito di questo post »

Riorganizzazione delle strutture sanitarie della Provincia di Messina

La Cisl Funzione Pubblica e la Cisl Medici presentano le osservazioni e le proposte di integrazione all’Atto Aziendale dell’Azienda Sanitaria Provinciale illustrato dal Direttore Generale dott. Giuffrida. La Cisl ha stigmatizzato il comportamento dell’azienda per la mancata informazione preventiva concretizzata con la trasmissione del documento, sapendo che altri soggetti hanno avuto modo di avere consegnata la copia con congruo anticipo.

Leggi il seguito di questo post »

Cdm convoca la Sicilia per deficit Sanità

ROMASei presidente di Regioni, con relativi commissari (laddove questi siano una persona diversa dal Governatore) e assessori al bilancio sono stati convocati dal governo a partecipare al consiglio dei ministri di stamani. L’oggetto della convocazione è un punto della situazione sui piani di rientro dal deficit-sanità. A Palazzo Chigi, sono presenti i rappresentanti di Campania, Lazio, Calabria, Abruzzo, Sicilia e Molise.

La Serit non può riscuotere tributi

PALERMO – La Serit Sicilia non può svolgere l’attività di riscossione dei tributi. Lo sostiene, in una sentenza, che potrebbe determinare l’illegittimità dei pagamenti che venissero effettuati d’ora in poi dai cittadini, il giudice di pace di Palermo, che ha negato che la società abbia la qualifica di agente riscossore. Il provvedimento, emesso lo scorso 10 aprile, accoglie il ricorso presentato dall’avvocato Alessandro Dagnino contro una cartella esattoriale della Serit Sicilia che aveva ad oggetto il pagamento di una serie di multe. Complesso il ragionamento seguito dal giudice che prende spunto dalla legge regionale 19 del 2005, che recependo la normativa nazionale, ha istituito la Riscossione Sicilia spa, una società pubblica incaricata dell’esazione dei tributi. La legge prevede che questa possa esercitare l’attività di riscossione attraverso una partecipata – la Serit Sicilia – a due condizioni. Cioè la società pubblica deve acquistare la maggioranza delle quote della sua controllata; e la controllata deve avere partecipazioni azionarie nella controllante. Ora, secondo il giudice di pace, si sarebbe verificata solo la prima delle due condizioni: cioè la Riscossione Sicilia avrebbe partecipazioni di maggioranza nella Serit, mentre la Serit non avrebbe provato in giudizio di avere acquistato le quote della sua controllante e pertanto non avrebbe la qualifica di agente di riscossione.

Leggi il seguito di questo post »

Messina, Cineteatro ‘Savio’: Seconda giornata del Workshop Cepas, domani, su “Il piacere dell’educare e dell’educarsi”

Domani, venerdì 14 maggio, si svolgerà la seconda giornata del Workshop, dalle ore 9, a conclusione del progetto formativo “Educare a educarsi”, finanziato con il Bando Cesv sui Patti di comunità.

di S.I.

Un Workshop dal titolo “Il piacere dell’educare e dell’educarsi”, in programma oggi, giovedì 13, e domani, venerdì 14 maggio. Una due giorni a conclusione del progetto formativo “Educare a educarsi”, promosso dal CePAS (Centro Prima Accoglienza Savio) di Messina e finanziato dal CesvCentro Servizi per il Volontariato, nell’ambito del Bando sulla costituzione di Patti di comunità tra le organizzazioni di volontariato. Leggi il seguito di questo post »

Epifani (Cgil): più risorse cig a disoccupazione

‘Sarà la disoccupazione il problema più grosso. Dovremo lavorare, già da ora, per proteggere chi ha perso il lavoro’, dice Epifani. Secondo il segretario della Cgil, occorre dunque trasferire ‘un po’ di risorse dalla cassa integrazione all’indennità di disoccupazione, che da noi è onestamente inesistente‘. Sulle misure anti-crisi decise da Zapatero, Epifani afferma che occorrono prima garanzie per il lavoro e per i precari, poi tutto il resto. Per il leader della Cgil, ‘avremo davanti 3 anni di ripresina senza occupazione’.

(Ansa, 13 maggio)

E’ l’alba di una nuova ‘Tangentopoli’?

Inchiesta G8: Anemone, spunta una lista di nomi eccellenti

Ora sono in molti a tremare nei palazzi della politica: nell’inchiesta della procura perugina sugli appalti spunta una lista di nomi. Sarebbe stata sequestrata dalla Guardia di Finanza in un computer di Diego Anemone nel 2009. Un elenco di 350 nomi tra cui politici, funzionari dello Stato e vertici delle forze di polizia che avrebbero usufruito di lavori eseguiti dal gruppo Anemone.

Nell’elenco i lavori eseguiti in alcuni importanti palazzi e caserme, ma non gli importi pagati. (Ansa, 13 maggio)

Un Paese dalla corruzione incredibile e non più sostenibile… Che vergogna. (N.d.R.)

Calcio, Europa League: vince l’Atletico Madrid, battuto il Fuhlam di ‘juventina memoria’

 L’Atletico Madrid ha vinto l’Europa League battendo, nella finale di Amburgo, il Fulham (con il risultato di 2-1 maturato dopo i tempi supplementari).

Parte meglio proprio l’Atletico Madrid che colpisce un palo con Forlan all’11’ e va in vantaggio al 32′ con lo stesso attaccante uruguaiano. Il Fulham pareggia dopo 5′ con un destro al volo di Davies. Poche emozioni nella ripresa e si va ai supplementari.

E’ Forlan, al 116′, a regalare all’Atletico Madrid il suo secondo successo europeo dopo la Coppa delle Coppe, vinta nell’ormai lontano 1962.

Gl’inglesi del Fuhlam si resero protagonisti di una rocambolesca rimonta ai danni della Juve, che eliminarono dalla Lega. Per l’attaccante dell’Atletico Madrid, Forlan, rivelatosi decisivo in questa finale, si parlò, in passato, di un suo possibile arrivo proprio in maglia bianconera.

(Fonte: Ansa, 13 maggio)