‘Ndrangheta, arrestato il figlio del boss Giuseppe «U Tiradrittu»

MELITO PORTO SALVO (Reggio Calabria) – Rocco Morabito, figlio del boss Giuseppe detto «U tiradrittu», è stato arrestato lunedì sera a Melito Porto Salvo dai carabinieri del Ros e del comando provinciale di Reggio Calabria. Morabito, 50 anni, è stato individuato mentre era in auto e stava andando a trovare la sorella. Quando i carabinieri lo hanno fermato non ha opposto resistenza. Nei giorni scorsi nei confronti di Rocco Morabito era stato emesso dalla Dda di Reggio Calabria un provvedimento di fermo nell’ambito dell’operazione Reale, nella quale è emerso lo stretto collegamento tra le cosche di San Luca e Africo e di Reggio Calabria per la gestione di una vasta serie di attività illecite, con la costituzione, tra l’altro, di una «cupola» provinciale cui erano affidate le decisioni sulla definizione degli organigrammi dei singoli gruppi criminali. Morabito, secondo quanto si è appreso, era già irreperibile da alcuni anni.

Brigandì, messinese, si dimette da deputato della Lega

di Luciana P. Pellegreffi
«Mi dimetto perchè non ha più alcun senso fare il parlamentare. Le Camere sono state svuotate di ogni loro funzione. Non hanno più alcun potere di iniziativa legislativa e sono state messe nella condizione di fare solo il notaio della volontà del governo». Leggi il seguito di questo post »

ENERGIA. Anniversario Chernobyl, Legambiente: sul nucleare il Governo mente


Oggi si commemora, per la 24sima volta, l’anniversario della tragedia nucleare di Chernobyl. Il 26 aprile 1986 il reattore n°4 della centrale nucleare della cittadina ucraina esplose provocando uno dei disastri più gravi della storia dell’umanità. “Quel disastro, a 24 anni di distanza, continua a causare gravi danni alla salute. Il governo italiano si appresta, ora, a rilanciare l’energia atomica in Italia, affermando che le centrali “di ultima generazione” sono sicure” dichiara Stefano Ciafani, responsabile scientifico di Legambiente. Leggi il seguito di questo post »

TRENI: PREZZI ALLE STELLE, RITARDI CRONICI E INDENNIZZI IRRISORI.

Dopo che a dicembre 2009 Trenitalia ha annunciato il completamento dell’Alta Velocità sulla linea Torino – Salerno, i prezzi dei biglietti ferroviari sono stati “ritoccati”, con aumenti anche del 30%.

Trenitalia ha giustificato gli aumenti con il potenziamento dell’offerta dei treni e con la diminuzione del tempo di percorrenza.

Secondo il Movimento Consumatori gli aumenti hanno però riguardato non solo le linee Alta Velocità, ma anche altre tipologie di treni per i quali non c’è stato alcun miglioramento. Leggi il seguito di questo post »

Acqua: referendum, 100mila firme in due giorni

Sono gia’ oltre 100mila le firme raccolte, nei primi due giorni, dal Comitato promotore per il referendum per l’acqua pubblica. Un livello piu’ che doppio rispetto all’obiettivo che il Comitato si era dato alla vigilia del lancio. “Una mobilitazione impressionante – riferiscono i promotori – che ha visto lunghe file ai banchetti di tutte le citta’ e dei paesi. Siamo di fronte ad un vero e proprio risveglio civile, un risveglio che parte da associazioni e da cittadini liberi, un risveglio che parte dall’acqua”.

“Cosa nostra è più forte dello Stato”

La mafia “fa schifo”, ma è più forte dello Stato, che “deve essere più presente”, e meno siciliani pensano che possa essere sconfitta rispetto al 2008 (il 27% rispetto al 44%). Lo pensa quasi il 55% degli studenti delle scuole superiori italiane, secondo un’indagine (su un campione non statistico composto da alunni di classi dove vengono trattati temi come antimafia e legalità) sulla percezione del fenomeno mafioso realizzata dal Centro Pio La Torre presentata a Palermo.

Leggi il seguito di questo post »

Meteo: Perturbazioni in arrivo ed in estensione da Nord a Sud, Pioggie locali da domani

Una perturbazione proveniente dalla Francia, arriverà, nelle prossime ore, sull’Italia settentrionale, provocando rovesci e temporali localmente forti. Nella giornata di domani i fenomeni interesseranno anche parte delle regioni centro-meridionali.

Sulla base dei modelli disponibili, il Dipartimento della Protezione civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse dalla serata di oggi, che prevede precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale localmente di forte intensità, sulle regioni del nord-ovest, che potranno essere accompagnate da attività elettrica e forti raffiche di vento.

A partire da domani, gli effetti della perturbazione si estenderanno anche alla regioni centrali e parte del sud, con particolare riferimento ai settori tirrenici. Il Dipartimento della Protezione civile seguirà l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile. (Apcom, 26 aprile)