Mafia: ucciso boss nel Catanese

Il boss Giuseppe Mazzaglia, 50 anni, é stato ucciso con diversi colpi di arma da fuoco nel primo pomeriggio a Biancavilla, nel Catanese. L’uomo era ai vertici dell’omonima cosca legata al clan Santapaola di Catania. E’ stato assassinato mentre si trovava all’interno della propria auto, nonostante fosse agli arresti domiciliari. A compiere l’omicidio, che gli investigatori ritengono di chiaro stampo mafioso, sarebbero stati due sicari uno dei quali armato di fucile caricato a pallettoni. (Ansa, 19 aprile)

Attentato delle ‘ndrine contro trivella del Ponte sullo Stretto

di Antonio Mazzeo

In attesa del via ai lavori di realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina, le cosche criminali sperimentano il proprio arsenale di guerra dando fuoco alla trivella di una ditta palermitana incaricata dalla Società concessionaria di effettuare i sondaggi geologici dell’area di Cannitello (provincia di Reggio Calabria) dove andrà interrato uno dei piloni della megainfrastruttura di collegamento stabile Calabria-Sicilia. La notizia dell’attentato è stata denunciata telefonicamente al Commissariato di Pubblica Sicurezza di Villa San Giovanni stamani intorno alle 9,45. La trivella si trovava parcheggiata nel quartiere di Cannitello Case Alte, nei pressi della stazione di servizio ovest dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria. Leggi il seguito di questo post »

Operazione “Oriente”, cinque negozi cinesi sequestrati nel Messinese

Sequestrati dalla Tenenza della Guardia di Finanza di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina) circa 6 mila capi d’abbigliamento e giocattoli sprovvisti del marchio “Ce” o con marchi di note griffe nazionali ed estere contraffatti. L’operazione “Oriente” ha portato al sequestro di 5 punti vendita gestiti da cinesi dove venivano comercializzati, senza requisiti di sicurezza, anche piccoli elettrodomestici, lampade elettriche e torce, accessori per Pc, per telefonia, utensileria varia, occhiali, orologi e sveglie. La merce sequestrata ha un valore di mercato di oltre 22 mila euro. Leggi il seguito di questo post »

Rubò in case di alluvionati, colombiano condannato

Messina – Il giudice monocratico, Bruno Sagone, ha condannato a tre anni e sei mesi di reclusione il colombiano Mairon Freni Hurtado Rodriguez, 31 anni, con l’accusa di furto. Secondo l’accusa l’uomo nonostante fosse ai domiciliari, lo scorso 6 novembre rubò dei gioielli del valore di 2500 euro in due case del comune alluvionato di Itala. In quel momento dopo l’alluvione dell’1 ottobre scorso molte abitazioni erano incustodite perché i cittadini sfollati si trovavano negli alberghi. L’uomo lasciò nei due appartamenti delle tracce che furono rilevate dai militari del Ris e fu poi arrestato così come il complice.

“La mancata assegnazione dei fondi PO-FERS è un’umiliazione per la città”

L’umiliazione della città, per non aver avuto assegnati i finanziamenti dei progetti per la mitigazione del rischio idrogeologico attraverso fondi PO-FERS Sicilia 2007/2013, non è tollerabile. Lo affermano  in una interrogazione indirizzata al Sindaco del Comune di Messina, all’Assessore ai LL.PP., all’Assessore alle Manutenzioni e all’Assessore alla Protezione Civile, Domenico Guerrera e Nello Pergolizzi. La mancanza di progetti cantierabili, sebbene il bando fosse stato pubblicato il 20 luglio del 2009, che avrebbero consentito l’avviamento delle opere per la messa in sicurezza di alcune parti del territorio in cui si è manifestata la criticità e i rischi idrogeologici, non ha consentito l’accesso ai fondi PO-FERS 2007/2013, così come ha stabilito l’Assessorato Territorio ed Ambiente con Decreto datato 07/04/2010.

Leggi il seguito di questo post »

Violenta scossa a Messina: ma é un test

La terra trema violentemente a Messina alle 09.30: un terremoto di magnitudo 6.3, IX grado della scala Mercalli, ma… é stata una simulazione.

L’iniziativa rientra nell’ambito dell’esercitazione della settimana dedicata alla Protezione civile comunale, che si svolge a Messina fino a sabato prossimo per fare fronte ad eventi sismici.

Sono state quindi attivate le Procedure di emergenza e verificato il sistema della viabilità e della percorribilità strategica. Controlli in ospedali, scuole, uffici.

(‘rtacci loro… direbbero a Roma! M’han fatto prendere un colpo… N.d.R.)

(Ansa, 19 aprile)

Mostra iconografica, a cura del CIF, sull’impegno svolto dalle donne dal dopoguerra ad oggi

Messina – Il CIF, Centro Italiano Femminile, Associazione Nazionale di promozione sociale, in occasione della settimana della cultura espone, al Palazzo della Provincia dal 17 al 25 Aprile , una mostra iconografica in riferimento all’impegno svolto dalle donne dal 1945 ad oggi.