Spazio Pubblicitario: Bando per la fornitura ed installazione di Dotazioni tecnologiche e laboratori multimediali, Progetto PON “MUSICALMENTE” – FESR “Ambienti per l’apprendimento”- AOODGAI/8124 del 15.07.2008, Annualità 2008/09 – Misura B-1.C-FESR-2008-642 – SMS “Gallo” Messina

 

Prot. 781/9PON                                                                                           Messina, 22.02.2010

 All’Albo dell’USP di Messina

All’Albo delle Scuole della Provincia di Messina

Al sito Internet della Scuola: www.istitutogallo.it 

All’Albo della Scuola

A tutte le Ditte Interessate

Al sito Internet del Quotidiano on line “Il nuovo soldo” di Messina: www.nuovosoldo.it 

 Oggetto: Bando per la fornitura ed installazione di Dotazioni tecnologiche e laboratori multimediali, Progetto PON “MUSICALMENTE” – FESR  “Ambienti per l’apprendimento”- Obiettivo B azione 1C “Laboratori e strumenti per l’apprendimento delle competenze di base nelle istituzioni scolastiche del I ciclo – Musican. AOODGAI/8124 del 15.07.2008, Annualità 2008/09Misura B-1C-FESR-2008-642  Leggi il seguito di questo post »

Assostampa: Alberto Cicero confermato segretario regionale

Alla prima votazione Alberto Cicero è stato rieletto per i prossimi tre anni segretario regionale dell’Associazione siciliana della stampa. Cicero, 48 anni, giornalista professionista, catanese, capo servizio del quotidiano La Sicilia ha ottenuto 102 voti su 119 delegati presenti e votanti. “La fiducia e il consenso che i colleghi mi hanno voluto confermare, dopo quattro anni alla guida del sindacato dei giornalisti siciliani, è il segnale importante di una unità sindacale che è il modo migliore per continuare il lavoro intrapreso e rilanciare l’attività sul territorio – ha dichiarato Alberto Cicero -. C’è proprio bisogno di unità, del corale impegno di tutti per affrontare e vincere le sfide che dobbiamo affrontare fin da subito a causa del continuo cambiamento della professione in continua evoluzione e dei sempre più diversi modi di fare giornalismo. Sfide che sono rese ancora più difficili dalla crisi del mercato editoriale ”.

Frana a Mili, strada interrotta

Un preoccupante e vasto smottamento di terreno, che ha messo a rischio l’incolumità di passanti e residenti della zona,  si è verificato lungo la strada provinciale che da Mili S. Marco conduce a Mili S. Pietro. Bloccata, per il momento, la strada che collega i due villaggi. Gli abitanti della seconda frazione, collocata più in alto, sono rimasti quasi isolati. Le uniche due vie alternative possibili sono il torrente, percorribile momentaneamente dalle auto, e la strada che attraversa Tipoldo.

Rom batte Roma

Madrid, 21 gennaio: inaugurazione dell’Anno dell’Unione europea contro la povertà e le discriminazioni sociali. Presenti il premier spagnolo Zapatero, il presidente della Commissione europea Barroso e molti giornalisti. A una tavola rotonda parla Mirko Grga, rappresentante italiano della comunità rom.  Grga va giù duro: l’Italia è un paese razzista, il governo sforna provvedimenti discriminatori come il censimento nei campi rom.

Serve una politica industriale per il Sud. Persi 93mila posti di lavoro

Serve una politica industriale rivolta in modo specifico al Sud Italia. Lo sostiene in una nota la Svimez. Dal 2007 infatti – spiega uno studio di Riccardo Padovani e Grazia Servidio che sara’ pubblicato sul prossimo numero della Rivista Economica del Mezzogiorno, trimestrale dell’associazione – sono stati azzerati progressivamente gli strumenti di incentivazione per l’industria meridionale e dal 2008 persi 93mila posti di lavoro nell’industria al Sud.

(Ansa)

Tentata estorsione, arrestato dalla Squadra Mobile

Messina – Nella giornata di ieri, personale della Squadra Mobile ha tratto in arresto Emanuele Arno’. nato a Messina il 13.7.1954, ivi residente, disoccupato, incensurato, colto nella flagranza del reato di tentata estorsione. Il predetto, millantando di essere un emissario della criminalità organizzata, ha tentato di farsi intestare da un uomo, imparentato con la moglie, dei beni immobili costituiti da terreni e locali. Dopo aver fissato un appuntamento presso l’abitazione della vittima, per la definizione della vicenda, i due si sono incontrati, ma il personale di polizia, preventivamente appostato all’interno dell’abitazione, è intervenuto dopo aver ascoltato direttamente le richieste estorsive dell’ARNO’. Nella circostanza, l’arrestato è stato trovato in possesso di una pistola giocattolo, che poco prima aveva mostrato alla vittima al fine di incutere ulteriore timore, rafforzando le minacce verbali.

Attentato a Kabul, un italiano morto: kamikaze si sono fatti esplodere davanti ad un hotel

La Farnesina ha confermato che il connazionale rimasto vittima questa mattina nell’attacco terroristico a Kabul è Pietro Antonio Colazzo, consigliere diplomatico dell’ambasciata italiana nella capitale afgana. Colazzo, funzionario dei servizi segreti italiani, appartenente all’Aise, il servizio di informazione per la  sicurezza esterna, è fra le 17 persone rimaste uccise in un attacco suicida dei talebani a Kabul contro un hotel dove sono alloggiati stranieri. L’agente italiano è stato ucciso in una sparatoria mentre era al telefono con la polizia afgana. Altre vittime straniere di cui si ha notizia finora, a seconda delle fonti. Uccisi anche tre poliziotti, una trentina i feriti. Secondo una rivendicazione talebana, all’attacco hanno preso parte cinque attentatori suicidi. Uno degli attentatori si è fatto esplodere di fronte all’albergo, mentre altri due sono stati uccisi.