FRANE NEL MESSINESE: LOMBARDO, REGIONE DICHIARA STATO CALAMITA’

La giunta regionale dichiarera’ lo stato di calamita’ per le frane che hanno colpito in queste ore il territorio dei Nebrodi, in povincia di Messina. Leggi il seguito di questo post »

Disastro ferroviario in Belgio, 25 morti

Sono 11 i morti accertati nel disastro ferroviario di questa mattina alle porte di Bruxelles, ma secondo i soccorritori il bilancio potrebbe aggravarsi fino a 25 vittime. Leggi il seguito di questo post »

Maltempo: frana strada nel Catanese, sgombero per 10 famiglie

Uno smottamento dovuto alle ultime piogge ha causato a Misterbianco (CT) il cedimento del manto stradale della Provinciale. Un centinaio di metri del tratto che collega il comune al quartiere San Giovanni Galermo di Catania. La strada e’ stata chiusa al traffico e il sindaco del paese sta approntando una ordinanza di sgombero per 10 abitazioni. (ANSA)

Kyoto 5 anni dopo: nel 2012 l’Italia supererà l’obiettivo

Domani, 16 febbraio, il Protocollo di Kyoto festeggia 5 anni. La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile ha pubblicato uno studio secondo cui l’Italia, entro il 2012, andrà oltre l’obiettivo di riduzione del 6,5% delle emissioni. Leggi il seguito di questo post »

TURISMO. La Sicilia presenta la “Carta dei diritti del turista”

La Sicilia dalla parte del turista. La Regione ha infatti realizzato una guida per i consumatori e turisti, la “Carta dei diritti del turista”, che sarà presentata dall’Ufficio per la Tutela dei consumatori regionale il prossimo 19 febbraio alla BIT di Milano, presso lo stand della Sicilia. Obiettivo: educare e informare i turisti a viaggiare informati. “Una guida che vuole dare al turista-consumatore – dice Maria Castri, responsabile della Tutela dei consumatori e degli utenti per la Regione Siciliana – strumenti in più di autodifesa e di conoscenza dei propri diritti in tale settore; una carta che si è realizzata grazie anche alla collaborazione con l’Assessorato al Turismo, Sport e Spettacolo che ne curerà la divulgazione in tutte le fiere e manifestazioni, sia nazionali sia internazionali”. Leggi il seguito di questo post »

Consumatori Associati presenterà un ricorso al Tar per evitare il rientro dei cittadini a Guidomandri

”I cittadini sfollati di Guidomandri, (frazione di Scaletta) non vogliono tornare nelle loro case nonostante l’ordinanza del sindaco Mario Briguglio imponga il ritorno dei residenti che hanno abitazioni che si trovano nelle cosiddette zone ‘verdi’, considerate non pericolose dalla protezione civile. I cittadini del comitato Tornare a Guidomandri che sono appoggiati dalla nostra associazione di Consumatori, non rientreranno nelle loro abitazioni finché non sarà messa in sicurezza la montagna che sovrasta il paese. Per questo la nostra associazione li assisterà predisponendo un ricorso al Tar per bloccare i rientri obbligatori dei cittadini. Nelle settimane scorse inoltre, un nostro consulente ha messo a punto una perizia dove si evince che i danni delle alluvioni del 2007 e del 2009 sono stati provocati dalla poca attenzione verso il territorio da parte delle istituzioni che, con lavori poco costosi, avrebbero potuto e dovuto mettere in sicurezza la montagna.

Leggi il seguito di questo post »

“Il territorio continua a sgretolarsi e il governo pensa solo a sperperare 6,3 miliardi per il Ponte sullo Stretto di Messina”

“Il gioco non vale la candela: è un gioco grottesco assistere alla propaganda governativa sulla realizzazione del ponte sullo Stretto di Messina mentre continua a sgretolarsi il territorio, ad ultimo a San Fratello alle pendici dei Nebrodi (sempre nel messinese). In questa situazione è indecente congelare 1,3 miliardi di euro, come ha fatto il Governo, quando ancora poi il Governo non trova le ingenti somme necessarie solo per rimarginare le gravi ferite di Giampilieri e di Scaletta – commenta il WWF Italia, che aggiunge: “Non si può pensare di investire nel futuro 6,3 miliardi in un’opera la cui fattibilità tecnica è stata messa in discussione anche dalla Corte dei Conti nella recente indagine “Esiti dei finanziamenti per il ponte sullo Stretto di Messina” (23 dicembre 2009) mentre non si dispone di somme per mettere in sicurezza tutto il territorio che frana giorno dopo giorno.

Leggi il seguito di questo post »