Sit-in contro la presentazione del progetto del Ponte sullo Stretto

di mizarmessina

In un un Palazzo della Cultura non ancora agibile e negato

Le frane di Messina e il Ponte dello spreco

di Beniamino Ginatempo

Oltre otto comuni su dieci (84 %) della provincia di Messina sono ubicati su un territorio considerato a rischio per frane e alluvioni anche per effetto della progressiva cementificazione del territorio che ha sottratto terreni fertili all’agricoltura. A dirlo questa volta non è un associazione ambientalista ma la Coldiretti in riferimento alla frana che questa volta ha interessato due comuni ai piedi dei Nebrodi, San Fratello e Tusa. Con l’unica nota positiva,  rispetto al tragico evento che solo lo scorso ottobre colpì altri comuni del messinese, che questa volta la popolazione è stata avvisata in tempo e si sono evitati così altri lutti. Leggi il seguito di questo post »

PERCHE’ TANTO MALESSERE

NEL COMUNE DI TORREGROTTA

Quindi il consigliere Ximone dopo 16 anni lascia anticipatamente il Consiglio comunale.
Ora andiamo indietro: Due consiglieri comunali Claudia Filloramo e Nastasi Raffaele sono passati dal gruppo Movimentoperilcambiamento al gruppo del Sindaco Caselli;
Franco Pino vice Sindaco candidato della lista il Movimento per il cambiamento è passato dalla parte del sindaco Caselli, che lo ha nominato Assessore; due assessori Martinez e Sindoni si dimettono perchè avrebbero completato il ruolo di tecnici, eppure come tecnici continuano ad operare nell’amministrazione, quindi non lo hanno completato! Leggi il seguito di questo post »

Pubblicato su Politica. 1 Comment »

NUCLEARE: ECCO LA VERITA’ CHE GOVERNO NON DICE

“Il 19 novembre 2009 Enel e Edf, in un incontro romano, hanno chiuso la lista delle proposte dei siti dove realizzare le centrali nucleari in Italia, che presenteranno al governo italiano e all’agenzia nucleare. In base alla legge che reintroduce il nucleare in Italia, sarà l’Enel insieme a Edf a proporre al governo la localizzazione delle centrali nucleari in Italia”. Leggi il seguito di questo post »

La dislessia: come riconoscerla e cosa fare

di Giacomo Gugliandolo

Si è svolto stasera nell’auditorium dell’Istituto Comprensivo “Manzoni – Dina e Clarenza” di Messina, organizzato dall’Associazione Italiana Maestri Cattolici, il Convegno di studi “Dislessia … come riconoscerla? … E … cosa fare?”.

L’interessante convegno, svoltosi in un auditorium gremito di Dirigenti Scolastici, pedagogisti, docenti e di numerosi genitori, si è inserito nell’ambito delle attività di formazione per l’anno scolastico 2009/10 ed è stato realizzato in collaborazione con l’Istituto Comprensivo “Manzoni – Dina e Clarenza”, l’Università degli Studi di Messina, l’Associazione Italiana Dislessia Sezione di Messina, l’Azienda Sanitaria Provinciale di Messina, l’Assessorato alla P. I. del Comune di Messina, l’Associazione Mogli Medici di Messina, la Federezione Sicula Palermo Exallieve delle Figlie di Maria Ausiliatrice. Leggi il seguito di questo post »

Da Giampilieri a San Fratello, per la Cgil è il momento della mobilitazione generale

“Cos’altro deve accadere prima che i nostri politici, i nostri amministratori si decidano a fare qualcosa?”. Lillo Oceano, segretario generale della Cgil di Messina si interroga con queste parole mentre continua lo stillicidio di allarmi da tutto il territorio della provincia di Messina. “Siamo stanchi, stanchi e sconcertati di fronte all’incredibile comportamento di una intera classe dirigente che davanti a questi accadimenti non riesce ancora a comprendere quale sia la priorità, quale il vero bisogno dei cittadini, della gente che non dorme più sicura nelle proprie case- spiega Oceano-.
Leggi il seguito di questo post »

FRANE NEL MESSINESE: LOMBARDO, DIMENSIONI FENOMENO INIMMAGINABILI

“Il fenomeno e’ di dimensioni inimmaginabili, tanto e’ esteso il fronte della frana. Le crepe si stanno allargando e sarebbe pericoloso rimanere nella zona ritenuta a rischio. Bisognera’ assicurare le case a chi ne ha bisogno e la nostra priorita’ sara’ trovare le risorse necessarie per la ricostruzione”. Leggi il seguito di questo post »