MOVIMENTO CONSUMATORI CONTESTA LE DICHIARAZIONI DI CNP UNICREDIT


Il Movimento Consumatori contesta le dichiarazioni rilasciate da CNP in merito al comunicato stampa “LEHMAN BROTHERS.
CLASS ACTION DEL MOVIMENTO CONSUMATORI: CNP UNICREDIT DOVRA’ RESTITUIRE A 6.500 CLIENTI OLTRE 182 MILIONI DI EURO, INVESTITI NELLE POLIZZE VITA” diramato ieri dall’associazione. La Compagnia ha affermato che avrebbe “già sostenuto con ben 400 milioni di euro i sottoscrittori di polizze collegate ai titoli Lehman Brothers e che le proposte alternative denominate “Cash” e “Trasformazione” “si ponevano l’obiettivo di “tutela degli investimenti senza alcun onere oggettivo a carico dei clienti”.
L’importo di 400 milioni non riguarda certamente le polizze “Performance” relativamente alle quali l’Associazione ha vinto l’azione collettiva davanti al Tribunale di Milano. Come ha accertato il Tribunale di Milano le iniziative di CNP hanno “valorizzato unicamente i profili di esonero dalla responsabilità della società CNP Unicredit Vita S.p.a”.
”Cnp – afferma Paolo Fiorio, Coordinatore dell’Osservatorio Credito e Risparmio del Movimento Consumatori – ha avviato un’iniziativa pubblicizzata come intervento straordinario a tutela del consumatori, quando l’unica finalità perseguita era di evitare la restituzione integrale dei premi versati dai clienti per oltre 180 milioni di euro. E’ evidente, come nonostante la decisione del Tribunale di Milano, CNP continui a tenere un comportamento gravemente scorretto diretto a trarre in inganno la propria clientela”.
Sono molti i consumatori che si sono già rivolti all’associazione e presto il Movimento Consumatori avvierà le prime azioni individuali e di gruppo per ottenere la concreta restituzione dei premi versati.
A seguito dell’azione collettiva, promossa dal Movimento Consumatori, il Tribunale di Milano ha accertato che CNP Vita, compagnia del gruppo Unicredit, ha avuto un comportamento gravemente lesivo nei riguardi di 6.500 famiglie italiane che hanno acquistato, per oltre 182 milioni di euro, polizze vita collegate a titoli emessi dalla Lehman Brothers.
Queste polizze, denominate “Performance” prevedevano espressamente la “garanzia” della restituzione del capitale da parte della Compagnia. Alla scadenza – prevista tra aprile e luglio 2009 – a prescindere dall’andamento dei titoli emessi dalla banca d’affari statunitense, CNP avrebbe dovuto restituire l’intero premio versato.
Ciò non si è verificato perché la società del Gruppo Unicredit, immediatamente dopo il crac Lehman Brothers (settembre 2008), ha negato i rimborsi (in media 28.000 euro a famiglia) e ha avviato un’iniziativa ingannevole e gravemente scorretta, che prevedeva la restituzione del solo 50% del capitale originario, oppure la trasformazione della vecchia polizza con una nuova “a vita intera” che in ogni caso non garantiva la restituzione della totalità dell’investimento iniziale.
Il Tribunale di Milano ha riconosciuto che CNP non ha agito con la correttezza dovuta, traendo in inganno i propri clienti ai quali spettava la restituzione di quanto investito. Come richiesto dal Movimento Consumatori, CNP è stata condannata a comunicare a tutti i sottoscrittori delle polizze che la compagnia alla scadenza doveva restituire integralmente i premi versati Tutti i consumatori che hanno sottoscritto le polizze in questione hanno diritto ad ottenere la restituzione integrale dei premi versati e a far annullare le transazioni fatte sottoscrivere in maniera ingannevole da CNP Unicredit Vita.
Il Movimento Consumatori nei prossimi giorni presenterà esposti presso le principali Procure della Repubblica italiane affinché vengano chiarite anche eventuali responsabilità di carattere penale.

Per ulteriori informazioni: http://www.movimentoconsumatori.it

2 Risposte to “MOVIMENTO CONSUMATORI CONTESTA LE DICHIARAZIONI DI CNP UNICREDIT”

  1. gabriella Says:

    anche io sono una dei tanti clienti della Unicredit che ha perso dei soldi ( 18.000,00 € circa) con la polizza Performance 9, ho optato per la soluzione cash propostami dalla banca, posso sperare di riavere il mio capitale per intero? E’ vergognoso che dopo aver tenuto bloccato il mio capitale per 8 anni (i vecchi 75.000.000 di lire, attuali 38.000,00€), non solo non ho maturato interessi, ma ho perso la metà dei miei tanto sudati risparmi!

    • nuovosoldo Says:

      Cara Gabriella, mi é successa una cosa analoga (anzi peggiore) proprio nello stesso istituto: prima le cose andavano bene, poi la ‘modernizzazione’ e uno tende a fidarsi, che deve fare… non é che legge mai tutto ciò che é previsto dai contratti, perfino le parti ultraminuscole, come andrebbe sempre fatto (o persino il ‘non scritto’): pensa di avere a che fare con professionisti che non la smetteranno mai di curare i suoi risparmi fino a capire (a sue spese) che le attenzioni reali sono solo per ‘alcuni’ e grossi capitali e tu rischi paradossalmente di andare indirettamente ad ingrossarli ulteriormente, come una bella trasmissione di ‘Report’ dimostrò tempo fa a proposito dei fondi comuni d’investimento ma pure di alcune polizze (anche di altri istituti).
      Ti capisco perfettamente.
      Seguiamo le vicende del Movimento consumatori, che posso dirti? E speriamo bene.
      S.I.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: