CULTURA: COMITATO CANDIDA CATANZARO A CAPITALE EUROPEA 2019


Teatro Politeama - Catanzaro (www.comunecatanzaro.it)

Intellettuali, operatori del mondo della cultura, presidenti di associazioni cittadine, facendo propria un’idea maturata in seno al gruppo storico Mirabilia di Catanzaro, si sono incontrati in citta’ con l’intenzione di promuovere la candidatura del Capoluogo della regione Calabria a capitale europea della cultura per l’anno 2019.

“Potrebbe sembrare prematuro, nel 2010, – spiega una nota – affrontare un’operazione di promozione che trovera’ il suo epilogo solo tra nove anni, ma e’ vero che molte citta’ italiane, neanche tra le piu’ rilevanti dal punto di vista demografico e delle tradizioni culturali (Brindisi, Matera, L’Aquila, ecc.) si sono gia’ attivate per creare una sensibilizzazione dell’opinione pubblica a riguardo dell’evento. D’altra parte, la normativa europea che regola tale manifestazione prevede che la scelta venga effettuata almeno quattro anni prima sulla scorta di candidature proposte dagli Stati membri in tempi precedenti.

Il dibattito tra gli intervenuti ha evidenziato – si fa rilevare – che anche Catanzaro avrebbe i titoli per proporsi come protagonista del grande evento culturale, potendo vantare una storia plurimillenaria ed un territorio che, secondo gli storici classici e gli studiosi, diede il nome all’intera penisola italiana, traendo origine dalla mitica figura del Re Italo, il cui regno si estendeva proprio sull’istmo di Catanzaro, e che fu popolato e visitato fin dalla preistoria dalle cento culture del Mediterraneo (Greci e Romani a Scolacium, poi Bizantini, Arabi, Normanni, Svevi, Angioini, Aragonesi, Spagnoli, Francesi). Una capacita’ di sintesi tra culture che la citta’ ha espresso in maniera molto originale creando nel suo passato, a partire dal Medioevo, istituti amministrativi democratici che includevano e valorizzavano le classi meno abbienti (ad es. le Corporazioni dei lavoratori della seta) e gli stranieri, come gli Ebrei, trattati come comunita’ di pari dignita’ rispetto ai cittadini. Ed ancora, come dimenticare le Scuole ed Accademie che, quantomeno dal ‘700 al primo ‘900, hanno illuminato la cultura calabrese attraendo migliaia di studenti, alcuni dei quali sarebbero divenuti scrittori e filosofi di fama nazionale? E non vanno nemmeno sottovalutate – continua la nota – le testimonianze architettoniche di una dignita’ borghese e di un modo di valorizzare la dinamica urbana che rimangono ancora oggi a dimostrazione di come le periferie possano promuovere la propria immagine nei secoli, sintetizzando elementi culturali dell’Oriente, del Bacino del Mediterraneo e dell’Occidente”. (AGI) Com/Adv

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: