Emigrante dona fondi per costruire nuovo stadio nell’ennese

Emigrato a Pistoia non ha dimenticato le sue radici e ha finanziato con oltre un milione di euro il nuovo stadio comunale di Leonforte (Enna).

Protagonista della vicenda l’imprenditore siciliano Nuccio Bono, che domani inaugura l’impianto che rilancia una delle zone più degradate di Leonforte, denominata Bronx.

Lo stadio è dotato di un terreno di gioco in erba naturale, unico in provincia e tra i pochissimi in Sicilia, a disposizione una squadra di calcio, la Leonfortese (prima categoria).

(Ansa, 26 dicembre)

Il ‘partito dell’Amore’

E’ caduto il muro delle ideologie. Non più comunisti, socialisti, fascisti. Sono scomparse anche le lotte di classe. E’ rimasta solo la classe unica. Quella che fa il cazzo che le pare e che ha creato il Partito dell’Amore. Non solo nel senso di mignotte e trans, ma anche del Bene contro il Male, del Perdono contro l’Odio. Un partito trasversale, ecumenico, a cui possono aderire tutti i cittadini di Buona Volontà. Soprattutto chi evade le tasse più degli altri. Chi ama lo fa per passione, mai per sè, sempre per il prossimo. Rimette i peccati a chi prova sincero pentimento, si chiami Tartaglia o Maiolo, ma non ai pentiti come Spatuzza. E’ un’incongruenza mafiosa, ma per non finire in galera si possono fare delle piccole eccezioni. Chi ama detesta disturbare l’Anima del popolo con le Brutte Notizie, fargli sapere quello che del resto intuisce già da solo: Crisi, Disoccupazione, Povertà. Il Dizionario del Partito dell’Amore ha eliminato le Brutte Parole, quelle che lo riguardano da vicino: Mafioso, Piduista, Puttaniere, Inciucista, Corruttore. Leggi il seguito di questo post »

Crolla la produzione industriale italiana

I livelli della produzione industriale italiana sono tornati indietro, a causa della crisi, di quasi 100 trimestri. E’ quanto si legge in un ‘occasional paper’ della Banca d’Italia sulla crisi internazionale e il sistema produttivo italiano, appena pubblicato. Secondo gli esperti di Palazzo Koch, ”i 12 e i 13 trimestri di Francia e Germania si confrontano con i quasi 100 dell’Italia”, e le merci prodotte ”si sono riportate al livello della metà degli anni Ottanta”. (Ansa, 26 dicembre)

Consumatori: stangata a gennaio, quasi 600 euro a famiglia

Una ‘stangata’ da circa 600 euro a famiglia. Sono gli aumenti, calcolati dalle associazioni dei consumatori Adusbef e Federconsumatori, in arrivo con l’anno nuovo. A partire da quella che le due associazioni definiscono in un comunicato ”una ministangata governativa”. ”Non è vero – sostengono infatti Adusbef e Federconsumatori – che la Finanziaria appena approvata non abbia aumentato le tasse, come hanno affermato il ministro Tremonti e il presidente del Consiglio Berlusconi, perchè ci sono circa 120 euro di nuovi balzelli che graveranno sulle spalle di ogni famiglia”. Tra questi, le due associazioni citano le ”anticipazioni tariffarie di 3 euro a passeggero su ogni singolo biglietto aereo a favore dei gestori aeroportuali”, oltre al ”contributo unificato pari a 103,3 euro a carico dei lavoratori licenziati che fanno ricorso in Cassazione” e ai circa 38 euro ”a carico di quei cittadini che ‘osano’ fare ricorso” contro le multe per alta velocità (autovelox). ”A questa ministangata governativa – commentano i presidenti delle due associazioni, Elio Lannutti e Rosario Trefiletti – bisogna aggiungere rincari per 30 euro di gas, 130 di assicurazione auto (rca), 18 euro per servizi idrici, 35 euro per la Tarsu (tassa rifiuti solidi urbani), 30 euro di aumenti dei servizi bancari, 80 euro per i mutui a causa degli aumenti dello spread applicato dalle banche, 65 euro per gli aumenti dei biglietti dei treni e 90 euro (su base annua) per i costi dei carburanti”. Secondo le stime delle due associazioni dei consumatori, dunque, da gennaio 2010 peseranno sulle spalle degli italiani rincari complessivi per circa 596 euro. (Ansa, 26 dicembre)

Crisi: lavoratori, Natale sui tetti

Negli uffici occupati o in fabbrica, sui tetti o incatenati al municipio: è il Natale 2009 trascorso dai lavoratori delle aziende in crisi. Dalla Fiat di Pomigliano D’Arco alle sedi di Eutelia, dai precari dell’Ispra (Istituto superiore per la ricerca e la protezione ambientale) alle tante piccole imprese in crisi, come Ave Industries di Spinea (Venezia) occupata dai 100 dipendenti da alcuni giorni: è questa la mappa delle feste 2009 disegnata dalle vertenze ancora aperte.

(Ansa, 26 dicembre)

Dimezzate le pensioni di anzianità

Crollano le pensioni di anzianità nel 2009: i trattamenti anticipati rispetto all’età di vecchiaia erogati dall’Inps sono scesi del 53%.

Nei primi 11 mesi dell’anno sono stati 91.925, contro i 196.522 dell’intero 2008.

E’ quanto emerge dagli ultimi dati Inps che evidenziano un forte calo soprattutto tra le pensioni di anzianità nella gestione dei lavoratori dipendenti con 52.132 nuovi assegni a fronte dei 120.626 erogati nell’intero 2008.

(Ansa, 26 dicembre)

Clima: Cina rinforza suo sostegno a settore energie rinnovabili

La Cina ha rafforzato il suo sostegno alle energie rinnovabili, con una revisione legislativa che costringe in particolare le società di distribuzione ad acquistare tutta l’elettricità prodotta dal settore dell’energia rinnovabile.

Il comitato permanente dell’Assemblea nazionale popolare (Anp, parlamento) ha adottato questa modifica, che entrerà in vigore nell’aprile 2010; una nuova prova secondo Pechino della sua determinazione a lottare contro il riscaldamento climatico. Alle compagnie che si rifiuteranno di applicare questa nuova disposizione saranno inflitte ammende due volte superiori alla perdita economica dei produttori di energia solare, eolica, idraulica, eccetera. “Se meno di dieci giorni dopo la fine della riunione di Copenaghen, abbiamo adottato la revisione della legge sulle energie rinnovabili, è per proteggere con la legge l’impegno della Cina a garantire in modo volontario la riduzione delle emissioni di diossido di carbonio”, ha dichiarato alla stampa Ni Yuefeng, vicepresidente della commissione incaricata di ambiente all’Assemblea nazionale popolare. Leggi il seguito di questo post »

Senza ritegno né etica o pietà: Segati e rubati i denti ai capodogli

di Franco Mastropaolo

Segati diversi denti ad alcuni dei sette capodogli spiaggiati sui litorali di Cagnano Varano e Ischitella (FG). Tutto lascia supporre che sia stata opera di più esperti che si presume abbiano agito di notte. Difficile pensare che l’abbiano potuto fare per portarsi a casa e gelosamente custodire i denti come cimeli, a ricordo dello spiaggiamento e morte dei sette giganti del mare arenatisi il 10 dicembre scorso. Piuttosto, è verosimile che ci si trovi di fronte ad esperti che conoscono bene il valore che hanno sul mercato i denti di capodoglio. In considerazione anche dello stato di degrado delle carcasse, coloro che hanno letteralmente segato i denti avranno dovuto usare molta precauzione, anche perchè la zona è poco praticabile per il tanfo che i cetacei emanano. Leggi il seguito di questo post »

Sonia Alfano (IdV): ‘Disgustoso lo spettacolo degli sciacalli della politica’

sonia_alfano«Avendo lavorato per più di dieci anni nella protezione civile, so che le passerelle dei politici sui luoghi dei disastri servono solo a coloro che le fanno e in alcun modo alle vittime».

Lo ha dichiarato il deputato europeo dell’Idv Sonia Alfano che ha aggiunto:

«E’ disgustoso dover assistere allo spettacolo degli sciacalli della politica, che sull’abusivismo edilizio hanno fondato parte delle loro fortune politiche facendo condoni a raffica e non intervenendo in alcun modo sulle situazioni di illegalità, prendere ancora una volta in giro cinicamente i cittadini con promesse che preludono solo ad altre speculazioni edilizie». Leggi il seguito di questo post »

Messina: Concerto per alluvionati ‘Ricominciamo insieme’ domani Al Teatro V. Emanuele

E’ stato fissato per domani, domenica 27 dicembre, alle ore 20 e 30, presso il Teatro Vittorio Emanuele di Messina il concerto pro alluvionati messinesi, vittime del tragico evento dello scorso 1° ottobre, dal titolo “Ricominciamo insieme”, al quale partecipano vari artisti di fama nazionale tra i quali Mario Venuti, Tinturia, Arancia Sonora, Tony Canto e Matteo Amantia.

Carla Bruni e il suo amico clochard Denis

PARIGI – Carla Bruni ha un amico clochard con il quale scambia di tanto in tanto qualche battuta su letture, musica e argomenti vari. «Con il tempo siamo diventati amici, qualche volta vado a fargli un saluto e parliamo di lettura e musica», ha raccontato madame Sarzoky in un’intervista a Macadam, il mensile francese per i senza fissa dimora. L’amico in questione, Denis, ha confermato la conoscenza con la premiere dame spiegando sul sito web Close.fr che l’ex top model gli ha anche «proposto di cantare in un disco e mi ha dato un mp3 per ascoltare la musica che ci piace».

«Conosco bene Carla, ogni tanto mi passa a fare un saluto e discutiamo di musica, abbiamo gli stessi gusti, ma mai di politica», ha aggiunto Denis. Carla Bruni si è interessata a Denis in modo da trovargli un alloggio protetto e non passare l’inverno per strada nel 16mo arrondissement (il più chic di Parigi), ma Denis ha dichiarato che comunque non gli piace vivere «tra quattro pareti». Lo scorso aprile Carla Bruni aveva dichiarato che intendeva creare una fondazione per facilitare l’accesso alla cultura dei senza fissa dimora. (Fonte: Il Corriere della Sera)

Abbandonato al gelo, il cigno è morto

di Francesca Segato

Monselice (PD): La sua storia aveva commosso grandi e piccini. Era arrivato in dono al Bosco dei Frati, dopo la scomparsa del suo predecessore. Per tutta l’estate i frequentatori del parco l’hanno ammirato mentre si esibiva nel piccolo lago. Poi però l’estate finisce, il bosco chiude, nessuno pensa più agli animali. E questa storia ha un epilogo triste. Perché il cigno bianco, arrivato in primavera al parco Buzzaccarini, ieri è stato trovato morto. Da giorni soffriva per il gelo e per la mancanza di un riparo dove poter dormire al caldo. Tremava come una foglia. Perché i cigni, animali stupendi, sono anche bestiole delicate, che hanno bisogno di attenzioni. Non si possono lasciare nella neve, senza uno straccio di rifugio. Così, ieri, chi ha varcato il cancello del parco per portare un po’ di cibo a questi animali abbandonati da tutti, l’ha trovato morto. Leggi il seguito di questo post »

La Cassazione sdogana la ‘cazz…’: ”Definisce cose ‘di poco conto’ e non offende”

La Cassazione sdogana le ‘cazzate’. L’espressione utilizzata per liquidare una cosa come di ‘poco conto’ e ‘priva di consistenza’, infatti, per quanto “volgare” non possiede quella carica offensiva tale da ledere “l’onore della persona” che se la sente indirizzare. In questo modo, la Seconda sezione penale ha confermato l’assoluzione dall’accusa di ingiuria nei confronti di un 31enne veneziano, Davide S. che, nel corso di una lite condominiale con Giancarlo M., si era rivolto al padre dicendogli “papà, andiamo via, abbiamo cose più importanti da fare che ascoltare le sue cazzate”. Leggi il seguito di questo post »

Usa, esplosione su un volo della Delta

Allarme terrorismo in Usa su un volo della Delta. Un uomo ha fatto scoppiare una piccola carica di esplosivo su un aereo Airlines partito da Amsterdam e diretto a Detroit. Bloccato dagli agenti ha detto di essere membro di Al Qaeda. Secondo la Cnn, che cita una nota federale, l’uomo, un nigeriano, dice di aver preso l’esplosivo nello Yemen e di aver avuto ordini su quando usarlo. Lo scoppio ha provocato solo qualche lieve ferimento. Già aperta un’inchiesta Fbi. Messo al corrente dell’accaduto, il presidente Usa, Obama, che è alle Hawaii per le vacanze natalizie, sta “monitorando attivamente” la situazione e ha ordinato che vengano prese “le misure per potenziare la sicurezza aerea”.

(AdnKronos)

Calcio, Ranieri: Solo Inter puo’ perdere titolo. Roma troppo lontana

“Penso che abbiamo perso punti preziosi, e siamo lontani di troppi punti. Adesso stiamo risalendo la china, non so quanto potremmo andare spediti. Lo scudetto? Sarebbe troppo bello, ma credo che, come l’anno scorso, possa perderlo solo l’Inter“. Nel giorno di Natale Claudio Ranieri si confessa davanti a telecamere e microfoni di Sky Sport 24, e visto che l’ambiente romano è facile agli entusiasmi, e che in alcune radio locali già si parla di possibile rimonta nei confronti dei nerazzurri, il tecnico della Roma cerca di fare da ‘pompiere’. Certo, gli viene fatto notare, se riuscisse nell’impresa per lui sarebbe garantita una statua a Testaccio.

“Sarebbe bello – commenta il tecnico romano e romanista -. Più tutti montano su, più il botto sarà grande. Per me è tutto raddoppiato, quando si vince c’é doppia soddisfazione, quando si perde idem”. Leggi il seguito di questo post »